MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge VeraKira

lunedì 9 giugno 2014

KIROSEGNALIAMO 9 – 15 Giugno 2014



Kiri, continuano le segnalazioni in Kirolandia blog di cooperazione dell'omonima corrente culturale.
Per voi, di settimana in settimana, alcuni suggerimenti, piccoli e grandi, sia In che Off, selezionati sulla base delle vostre importanti indicazioni, in pieno kirostile, qualità libera da tutto e da tutti!!!

Quindi...


in PALCOSCENICO

LENI R. - La Mansarda Di Monacodi Alessandro Staderini Busà
TEATRO OROLOGIO - Roma  - da Martedi 9 a Domenica 15 Giugno,  ore 21.00_dom ore 18.00
Per la prima volta in Italia la “questione Riefenstahl” arriva sulle scene. Priscilla Giuliacci interpreta Leni R. Con lei, sul palco, Daniele Ferrari nel ruolo di Peter il marito di Leni R, Antonietta Elia in quello di Hanni, la segretaria, Vittorio Ciardo nel ruolo del primo Ufficiale alleato, e con la partecipazione di Alessandro Orlando Graziano nei panni del secondo Ufficiale alleato.
Una pièce inedita che esplora l'esperienza umana di uno dei più discussi personaggi del Novecento per farne l'emblema della coscienza individuale che fronteggia le conseguenze delle proprie scelte. Leni Riefenstahl è stata ballerina e poi attrice nella repubblica di Weimar, regista acclamata a livello internazionale durante il regime di Hitler. La stella della Riefenstahl si eclissa nell'Europa liberata dagli Alleati. Non potrà mai più tornare alla sua attività nel mondo del cinema. Reinventerà se stessa come fotografa, lontano dalla Germania e dai media che non dimenticano la sua vicinanza al Nazismo, trovando ispirazione artistica e rifugio umano tra le popolazioni indigene dell'Africa. Alessandro Staderini Busà ambienta il suo testo in una mansarda nella Monaco del secondo dopoguerra, come luogo fisico e prigione emotiva. In scena Leni R, i suoi demoni, che celati sotto le divise alleate, non si stancano di interrogarla mentre combatte perché la propria opera non sia dimenticata. Il ritorno di un ex marito e con lui i meccanismi di un rapporto interrotto. Dentro una quotidianità nella quale fatica ad adattarsi, Leni è affiancata da Hanni, segretaria che condivide con lei il miraggio di giorni felici. A non abbandonare la protagonista di questo dramma sono le responsabilità delle ambigue scelte che la motivarono e l'ombra di un giudizio che il grande schermo della Storia sta proiettando su di lei.
Autore: Alessandro Staderini Busà - Regia Chiara Ventura - Interpreti: Priscilla Giuiliacci -  Daniele Ferrari - Antonietta Elia - Vittorio Ciardo - Con la partecipazione: Alessandro Orlando Graziano - Segretaria di produzione: Valentina Bagnoli - Foto di scena: Gabriele Giunta e Alessandro Staderini Busà - Riprese video e montaggio: Giulia Marcialis - Costumi: Anna e Lucia Collalire
http://www.teatrorologio.it

DEBUTTO
“DANSON METROPOLI” di Francesco Crapanzano e Francesco Leineri
TEATRO STUDIO UNO  - Roma -   Venerdi 13 Giugno,  ore 20.00 con apertivo, 21.00 solo spettacolo.
A chiusura  della stagione 2013-2014 del Teatro Studio Uno
Quinto ed ultimo incontro della rassegna di arti performative PRIMO CANTO.
Lungometraggio nato dalla collaborazione tra il cineasta Francesco Crapanzano e il compositore Francesco Leineri, due giovani talenti di origini palermitane che hanno trovato nella Capitale la linfa vitale del loro percorso artistico.
Primocanto trasformerà il cortile del Teatro studio Uno in un’arena cinematografica estiva, dove sarà proiettato sul grande schermo il nuovo lavoro “Danson metropoli” diretto da Francesco Crapanzano, accompagnato dal vivo dalla colonna sonora originale di Francesco Leineri. Prodotto cinematografico e musica dal vivo condurranno lo spettatore in una nuova esperienza di visione e ascolto tra le immagini sullo schermo e le note eseguite in estemporanea al pianoforte, loop station, elettronica e strumenti giocattolo. Attraverso il gioco e il depistaggio immaginativo, “Danson metropoli” mostra una Roma ferma, statica e a tratti surreale: una città grande e frenetica - dove ogni incontro è fatale e ogni angolo di strada si svela come uno squarcio di vita vissuta - filtrata dall’obiettivo di una telecamera lenta ed assorta.  Quella di “Danson metropoli” è una città epilettica che offre però dietro l’angolo greggi di pecore pascolare ai confini del tessuto urbano, il lento scorrere dell’acqua tiberina e delle fontane, i campi aridi e incolti dimenticati dai fiumi di gente popolanti le vie del centro. “Danson metropoli” è tutto questo, ma anche un possibile nuovo gesto col quale decifrare e riappropriarsi della città.  
Primo anno di vita all’insegna del coraggio e della sperimentazione per la squadra di giovani artisti guidata da Francesco Leineri, che da settembre a giugno hanno realizzato cinque eventi unici e non convenzionali, dimostrando genialità e passione nel portare avanti una ricerca indipendente e innovativa fondata sul reciproco scambio fra le arti, dosando sapientemente performance e improvvisazione in un progetto che rappresenta un rigoglioso germoglio creativo per il futuro.
Riccardo Anzalone (organizer); Francesco Crapanzano (film maker); Francesco Del Pia (composer and sound designer);Elisa Gallucci (actress); Francesco Gusella (painter); Francesco Leineri (composer); Giuseppe Mortelliti (actor); Elena Muneghina (photographer); Sergio Schifano (guitarist).

DEBUTTO
NON PER VANTARMI MA AVEVO CAPITO TUTTO un uomo avanti” – di Massimo Mirani e Daria Veronese
ROMA FRINGE FESTIVAL  Palco B – Roma – Domenica 10, ore 20.30  - Martedì 17 giugno, 23.30  - Mercoledì 18 giugno,  22.00.
Il ROMA FRINGE FESTIVAL è la più grande italiana del teatro Off  con 72 Spettacoli su 3 palchi  - dal 7 Giugno al 12 Luglio - Con i patrocini: Assessorato Cultura, creatività e promozione artistica di Roma Capitale, Municipio Roma II e Biblioteche di Roma.
---
Uno spettacolo intenso che ricorda un uomo che ha segnato la storia dell'Italia: Pier Paolo Pasolini. Un uomo sul quale sono state scritte pagine di critiche ed elogi, amato e odiato, seguito ed isolato. Cosa aggiungere, quindi, dopo quasi quarant’anni dalla sua morte, ancora oggi avvolta da una nebbia di misteri? Massimo Mirani e Daria Veronese danno una loro visione raccontandolo come, forse, i suoi contemporanei lo vedevano, alternando il piano soggettivo a quello oggettivo. Un monologo interpretato da Massimo Mirani, arricchito dalle musiche originali di Aurelio Rizzuti, e dai video di Massimo Sugoni, che parla di Pasolini in maniera diversa rispetto a chi lo ha conosciuto in quegli anni. “Pasolini ha lasciato opere poetiche struggenti, ma anche scandalose e complesse e che ha evidenziato ed accentuato la propria ribellione verso una società che negava alcuni dei più importanti bisogni dell'essere umano” spiega Daria Veronese regista dello spettacolo.
Autori: Massimo Mirani e Daria Veronese -  Regia Daria Veronese - Interpeti: Massimo Mirani Disegno luci e video: Massimo Sugoni - Musiche originali Aurelio Rizzuti
Lo spettacolo è una produzione CAPSA SERVICE - Kirolandiamedia partner- Rocchina Ceglia ufficio stampa
Dal 15 al 20 Giugno al Festival con:
NON PER VANTARMI MA AVEVO CAPITO TUTTO un uomo avanti di Massimo Mirani e Daria Veronese (15-17-18 Giugno)
ZITTO uno spettacolo Horror di Giovanni Giudice e Mariano Riccio (16-19-20 Giugno)
http://romafringefestival.net

PROSEGUE...
“STUDIO SULLA VECCHIAIA APPOGGIATI SU LE SEDIE DI IONESCO” di Patrizia D'Orsi e Marco Carlaccini
CASA DELLE CULTURE DI ROMA – Roma -  sino a Domenica 22 giugno - in scena dal giovedi alla domenica, ore 21:30_dom ore 18.00
Stimolati dai due vecchi de le sedie di E. Ionesco abbiamo voluto credere che la vecchiaia possa essere un abbandono progressivo del peso dei propri consumati ricordi per prepararsi al “ grande viaggio”. In questa logica il modo migliore per allontanare “ la morbosa memoria” è rinnovarsi in continuazione. E’ cosi che i nostri due vecchi decidono di giocare al gioco degli invitati. Racchiudono in se la conoscenza, il senso della vita, la leggerezza, l’amore, il messaggio di salvezza e si dibattono fra reali e fittizie amnesie, fra catarsi e deficit.
Ionesco diceva: "Il mondo mi e' incomprensibile: aspetto che qualcuno me lo spieghi".
Compagnia Ginepro Nannelli_Direzione: Patrizia D'Orsi, Marco Carlaccini - Interpreti: Patrizia D'Orsi, Marco Carlaccini - Interventi sonori Claudio Rovagna - Costumi Antonella D’Orsi Massimo - Disegno luci Giuseppe Romanelli - Tecnico luci Giulia Belardi - Comunicazione Olga Carlaccini

del CINEMA

DEBUTTO
“ORE DICIOTTO IN PUNTO” di Giuseppe Gigliorosso
NELLE SALE ITALIANE dal 12 Giugno 2014
I NUMERI DI ORE DICIOTTO IN PUNTO: 67 i giorni di lavorazione, 7 i mesi impiegati per le riprese, 37 gli attori, 300 le comparse, 55 le location, 131 le scene girate, 3.934 i ciak battuti, 22h 33’ 40” il girato, 1.312 i punti macchina, 2 i direttori della fotografia, 2.902 le sigarette fumate, 5 le automobili di scena, 1 il camper, 4 il giorno e il mese di inizio riprese, 52 le papaline rosse, 6 i cappelli di scena, 3 i pianoforti, 77 the Coproducers, 22 il giorno di fine lavorazione, 10 le teglie di pasta al forno, 60 le lenzuola, 118 le mollette per il bucato, 5361 i caffè, 20 i litri di vino rosso, 8 le giornate di vento, 25 le brandine in una palestra, 2.680 i pasti, 748 i panini, 1 la notte insonne.
SINOSSI :Un polveroso ufficio fuori dal tempo contiene i fascicoli in cui è segnata la vita degli esseri umani. Paride lavora lì da più di tremila anni. Alle diciotto in punto di un piovoso pomeriggio, Paride ha appuntamento con Nicola, un barbone sconfitto e disilluso che ha deciso di farla finita.  All’orario previsto, però, una serie di eventi sconvolgerà le loro vite e quelle di tanti altri. Nulla di ciò che accadrà poteva essere preventivato e le certezze immutabili dell’Ufficio crolleranno miseramente.  Nell’esistenza umana ci sono varianti come l’amore, l’amicizia, la forza delle idee, la gioia di vivere, che riescono a essere più potenti del fato e degli eventi, a volte durissimi, che segnano le esistenze terrene.
Il destino non è scritto nelle stelle, ma si costruisce dentro ognuno di noi. Perché gli esseri umani, comunque vadano le cose, hanno “sempre” la possibilità di scegliere.
Durata: 97 min. - Nazione: Italia
Produzione: The Coproducers – Roduttore esecutivo: Eikona Film  Distribuzione: Mariposa cinematografica
Soggetto e sceneggiatura: Giuseppe Gigliorosso -  Regia: Giuseppe Gigliorosso -  Collaborazione alla sceneggiatura: Valentina Gebbia -  Interpreti: Paride Benassai  - Salvo Piparo  - Roberta Murgia - Valentina Gebbia   -  Fotografia:  Rosario Neri, Gabriele De Palo -  Montaggio: Giuseppe Gigliorosso -  Musica:  Francesco Di Fiore – Costumi: Silvio Alaimo                

PROSEGUE...
“ 365 – IL TEMPO DI UN VIAGGIO” di Roberto Minini Merot
NELLE SALE ITALIANE dal 5 Giugno 2014
365 ha l’ambizione di descrivere e raccontare, con respiro corale, la figura umana e artistica di un grande musicista, le sue esperienze, i suoi vissuti, il mondo cui appartiene. Più che una biografia o un ritratto di Paolo Fresu, il film
disegna una geografia di emozioni: i ricordi, le tradizioni e gli stili musicali, gli incontri, i tanti luoghi percorsi –città e paesaggi naturali, luoghi d’arte e luoghi sacri, teatri e sale di registrazione - danno vita alla ricerca di un artista che proietta la propria immagine in un altrove, dove il confronto e la condivisione con altre esperienze, le sue riflessioni, quelle degli amici o di chi lo ammira come esempio da seguire, trovano la propria ragion d’essere in quello spazio sottile in cui si esprime il suo viaggio interiore, sempre e solo nel
nome della musica. Vic e Raffaele sono in viaggio. Raffaele è un giovane musicista che si sta affermando come nuova promessa del jazz. La “Tuk Music”, l’etichetta di Fresu, gli ha pubblicato il primo disco, e ora è atteso ad un importante appuntamento live. Vic è il manager di Fresu e sta seguendo da vicino gli sviluppi della carriera di Raffaele, il quale sta vivendo in prima persona la realizzazione di un sogno: ha conosciuto un “maestro” che crede nel suo talento. Il viaggio è l’occasione per un intenso e appassionato dialogo sul mondo musicale di Fresu, sul suo modo di vivere e intendere la musica, abbracciando con essa altre sfere dell’arte: la poesia, la letteratura, il teatro, l’arte
visiva, il cinema.
Genere: Docufilm - Durata: 100 min. - Nazione: Italia
Produzione: Myro communication - Coproduzione: RSI Radiotelevisione italiana, Tuk Music e Own Air srl - Distribuzione: Mariposa Cinematografica, Own Air srl
Regia: Roberto Minini Merot – Interpreti: Paolo Fresu  - Fotografia: Enrico Maria Brocchetta, Angelo Volponi, Alberto Bernasconi, Daniela Bellu - Suono: Sergio Bianchi, Federico Minini, Mauro Tondini - Sound Engineer e Mix finale: Federico Minini - Editor Supervisor: Enzo Papetti - Additional Editor: Enrico Lotti - Assistenti di produzione Myro: Saverio Boggi, Lucia Leoni, Valentina Oldrati
Assistente di produzione RSI: Marcella Mantovani - Post-produzione audio: BoomBox Studio-Milano - Post-produzione finale digitale: Myro Film – Milano - Animazione sigla Artwork: Benno simma e Matteo Moretti
Ufficio stampa: Marcella Sullo
www.ownair.it/365

per l’ARTE

PROSEGUE...
 “FRIDA KALHO” a cura di Helga Prignitz-Poda
SCUDERIE DEL QUIRINALE Roma – sino a Domenica 31 Agosto, orari vari.
Una grande mostra sull'artista messicana Frida Kahlo (1907-1954), simbolo dell'avanguardia artistica e dell'esuberanza della cultura messicana del Novecento. Roma e Genova presentano con un progetto congiunto e integrato due importanti mostre incentrate sull’opera dell’artista messicana Frida Kahlo. La mostra romana indaga Frida Kahlo e il suo rapporto con i movimenti artistici dell’epoca, dal Modernismo messicano al Surrealismo internazionale, analizzandone le influenze sulle sue opere, comprende una selezione di circa 130 opere, dipinti e autoritratti, tra cui l'Autoritratto con collana di spine del 1940 mai esposto in Italia, e i ritratti di Frida realizzati dal suo amante Nickolas Muray. 
Sponsor: Etro e BioNike 
www.scuderiequirinale.it


Kirosegnaliamo esce all’inizio di ogni settimana, chi volesse darci comunicazione di eventi con rilievo artistico-culturale può scriverci a kirolandia@gmail.com oppure info@kirolandia.com,  entro la domenica precedente, specificando chiaramente la richiesta di segnalazione, provvederemo previa specifica selezione all'inserimento … 

Se consideri questo post interessante scrivi un commento e/o clicca mi piace!!!    


Nessun commento:

Posta un commento