MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge

lunedì 21 dicembre 2015

KIROSEGNALIAMO 21-27 Dicembre 2015

Kirosegnaliamo


Kiri, continuano le segnalazioni in Kirolandia blog di cooperazione dell'omonima corrente culturale.



Per sognare con voi, di settimana in settimana, alcuni suggerimenti, piccoli e grandi, sia In che Off, selezionati sulla base delle vostre importanti indicazioni, in pieno kirostile, qualità libera da tutto e da tutti!!!

in merito al TEATRO

DEBUTTO

"IL PADRONE DI CASA" di Daniele Esposito, Rosario Galli, Gabriele Galli
TEATRO MARCONI - Roma - da Martedi 22 Dicembre a  Domenica 10 Gennaio 2015 - ore 21.00_ dom ore 17.30
In un’epoca in cui il reperimento di un alloggio può rappresentare un problema insormontabile, soprattutto in situazioni di grave indigenza, può accadere che l’unica soluzione individuata da alcuni sia l’occupazione abusiva di una proprietà altrui.
E’ quel che decide di fare Manuela, una giovane e bella donna cui la vita non ha fatto sconti , che ha perso il marito e vive con un figlio tredicenne, un vecchio padre invalido e un fratello nullafacente al seguito. Scovato al pianterreno di un palazzo vuoto e apparentemente abbandonato l’agognato alloggio, lei e la sua famiglia non esitano ad installarvisi con armi e bagagli. Finalmente una casa!
Peccato però che l’appartamento che la  famigliola ha occupato un vero padrone di casa ce l’ha: si tratta di Claudio, che ha acquistato l’intero immobile a un’asta giudiziaria per dare il via a una florida attività commerciale e, giunto per un sopralluogo ai locali prima di iniziare a progettarne la trasformazione,  si imbatterà negli imprevisti quanto sgraditi occupanti.
Fatalmente - e immediatamente - gli interessi della famigliola di inquilini abusivi e quelli del legittimo proprietario dell’appartamento entreranno in rotta di collisione, sfociando in dispute tanto agguerrite quanto spassose. Ma tra le pieghe di questa “guerra” si farà strada tra Claudio e Manuela – l’uno molto più sentimentale di quanto non ammetta neanche a sé stesso, l’altra che nonostante i rovesci della sua esistenza insegue sempre i propri sogni – una reciproca attrazione che sposterà i termini della vicenda verso un esito inaspettato.
Il padrone di casa è una storia che rimanda a certa commedia italiana degli anni sessanta e settanta, dove la drammaticità del reale problema sociale che fa da sfondo al racconto ha il suo contrappunto nella esuberanza e comicità dei personaggi che lo animano e delle situazioni paradossali che creano  continuamente occasioni di divertimento.
Autori: Daniele Esposito, Rosario Galli, Gabriele Galli - Regia Claudio Boccaccini - Interpreti:  Felice Della Corte, Francesca Ceci, Riccardo Bàrbera,
Massimo Milazzo, Gabriele Capparucci
www.teatromarconi.it


PROSEGUONO

"UNA SPLENDIDA VACANZA" di Ester Cantoni
TEATRO DEI SERVI - Roma - da Martedi 15 Dicembre a Domenica 3 Gennaio 2015 - ore 21 da martedi a venerdi_ 17.30 e 21 sabato_17.30 domenica
La Compagnia dei borghi di Parma arriva sul palco del Teatro de’ Servi di Roma per il periodo delle feste natalizie.
“Una splendida vacanza” è una commedia degli equivoci ambientata ai giorni nostri dove, Riccardo, manager fallito, escogita l’ennesimo stratagemma per convincere la sorella Adriana, affermato architetto, a prestargli i soldi necessari per iniziare l’attività d’allevatore di cani e per trasferire l’allevamento dal giardino di sua sorella in un posto più adeguato.
Per uno strano caso del destino, complice dell’intrigo diviene Filippo, pizzaiolo disoccupato, che per guadagnare dei soldi si presterà ad impersonare un improbabile segretario di un conte spagnolo, interessato ad acquistare alcuni cani dell’allevamento di Riccardo. La messa in scena elaborata da Riccardo, verrà disturbata dalla presenza di Marta, l’eccentrica amica e coinquilina di Adriana, e del suo fidanzato Nicola, musicista di una band, di cui è terribilmente gelosa.
L’incontro tra i cinque personaggi sarà una miscela di comicità esplosiva che si svilupperà attraverso situazioni da “vaudeville” e meccanismi dal divertimento assicurato, fino all’epilogo, con il fatidico colpo di scena e il lieto fine.
Compagnia dei borghi _Autrice e Regista: Ester Cantoni - Interpreti: Marco Cavallaro (Filippo), Giuseppe Renzo (Riccardo), Patrizia Grossi (Adriana), Ester Cantoni (Marta), Daniele Coscarella (Nicola), Musiche originali e disegno luci: Bruno Ilariuzzi , Scene e costumi: Clara Surro.
SPECIALE CAPODANNO: 31 DICEMBRE, ORE 20 – SPETTACOLO E BRINDISI 40€
www.teatroservi.it

“ALLEGRO MA NON TROPPO” di Maurizio Battista, Riccardo Graziosi e Angelo di Palma
con MAURIZIO BATTISTA
TEATRO OLIMPICO - Roma -  da Martedi 8 Dicembre a Domenica 3 Gennaio  2015_ore 21.00, dom ore 18.00
In uscita “Per Roma con mamma” il libro di Maurizio Battista e Alessandra Moretti
Per le feste di Natale torna quest’anno il grande mattatore Maurizio Battista, con uno spettacolo divertente, comico, entusiasmante.
L’ironia e il sarcasmo tipici dell’attore romano daranno vita ad un nuovo imperdibile show che farà ridere, sorridere ma anche riflettere sulle debolezze e sulle stranezze del genere umano.
Un continuo divenire di idee, un botta e risposta ininterrotto di trovate e situazioni che spiazzeranno il pubblico. Addirittura una “sinfonia di battute”. Come nella sinfonia n. 4 di Brahms in “mi minore”, questa nuova commedia di Maurizio Battista avrà un andamento vivace, andante con brio, “allegro, ma non troppo”.
L’8 dicembre è in uscita anche “Per Roma con mamma” di Maurizio Battista, scritto a quattro mani con Alessandra Moretti.
Quante volte abbiamo detto ”qui ci devo portare mia madre”,”che bello questo posto sai come piacerebbe a mia madre!”oppure “in questo ristorante devo portarci mamma;che bello quel vestito appena ho tempo vengo a prenderlo per mamma!”
Questo è l’incipit del libro che ha come obiettivo principale quello di esortare tutti coloro che hanno ancora la fortuna di poter godere dell’insostituibile e portante figura della mamma a non darla mai per scontata e a tutti coloro i quali l’hanno, purtroppo, perduta offre la possibilità di sognare di poterla avere accanto almeno per un giorno.
Nel giorno che precede quello della festa della mamma, Maurizio decide di vivere con lei quella giornata portando sua madre in giro per Roma, per quella Roma che la mamma Anna ha potuto visitare ben poco tra gli impegni nel ristorante di famiglia, la malattia e poi la morte.
Con un tuffo nel passato rivivono i momenti più belli vissuti insieme, ma anche quelli in cui la vita non è stata poi così gentile. Paradossale è il fatto che lui sia ora quello più anziano dei due proprio perché la mamma è stata strappata alla vita a poco più di quarant’anni. I due si regalano questa passeggiata passando per i punti più turistici di una Roma variopinta e profumata in una tipica giornata di maggio nella capitale. Non mancano descrizioni storiche ed artistiche dei monumenti visitati il tutto condito con spunti ironici e aneddoti simpatici  tipici della romanità di Maurizio.
Alessandra si fa portavoce nel raccontare l’immenso dolore che Maurizio porta nel cuore da molti anni per la prematura perdita della mamma e affronta la nodo della questione: il senso di colpa di non averle detto  quanto fosse importante per lei scusandosi di non  averle dedicato  tutto il tempo che  meritava.
Negli ultimi trent’anni Maurizio da ragazzo di quartiere è divenuto uomo, padre, comico persino più volte marito ma non è stato più… figlio…
Un libro fatto di risate, lacrime e sospiri ma che fa riflettere su cosa è davvero importante nella vita.
Autori e registi: di Maurizio Battista, Riccardo Graziosi e Angelo di Palma -  Interprete: Maurizio Battista
www.teatroolimpico.it

circa la DANZA

DEBUTTO

Geografie del Corpo: Incontri con la danza direzione Artistica di Loredana Parrella
piazza santa maria - sala ruspoli - Cerveteri (Rm) - Martedi 22 e Mercoledi 23 Dicembre - ore 17.00
Geografie del Corpo è parte della programmazione di OfficinaTwain14/16 -  Centro di Promozione Culturale del Territorio - Officina Culturale finanziata dalla Regione Lazio e con il Contributo dell'Assessorato alle Politiche Culturali della Città di Cerveteri a cura di Associazione Culturale Twain.
A Cerveteri due appuntamenti con OfficinaTwain per approfondire il percorso evolutivo di un linguaggio universale: la Danza
Il 22 e 23 Dicembre 2015 si terranno due incontri/conferenze dedicati alla danza e alla sua storia, proposti da OfficinaTwain 14/16 con la collaborazione di ATCL Lazio.
Con la Direzione Artistica di Loredana Parrella, OfficinaTwain inserisce la danza e le performance in contesti informali e dialogici, innovando così l'incontro con l'arte e avvicinando nuove tipologie di visitatori/spettatori alla scena performativa contemporanea ed al ricco patrimonio culturale locale.
Gli appuntamenti si svolgeranno nella suggestiva cornice del Centro Storico di Cerveteri presso Piazza Santa Maria e la Sala Ruspoli, dove il 22 Dicembre, dopo le azioni performative di giovani artisti e le proiezioni video dedicate agli autori più significativi del mondo della danza di ieri e di oggi, verrà offerto un aperitivo con degustazione di prodotti locali.
Il 23 Dicembre sarà la volta della "Merenda con la Danza" un'iniziativa tutta dedicata ai più piccoli. Oltre allo spuntino offerto ai bambini verrà messo in scena "Il Mago dei fiori", spettacolo rivolto ad un pubblico dai 3 anni in su, che narra la paura di ciò che non si conosce e che sembra diverso; un'incantevole drammaturgia sul percorso da compiere per la propria crescita.
Di seguito il programma dettagliato:
22 Dicembre dalle 17.00
Piazza Santa Maria e Sala Ruspoli

Performance "DOS" di Babel Crew
Ogni gioco ha il suo ritmo, il suo tempo, le sue regole. Col gioco l'altro diventa amico, oppure nemico. Il compagno di giochi può diventare avversario e viceversa, in pochi secondi. Con Simona Argentieri e Giuseppe Provinzano.
Proiezioni video tratte da performance di grandi coreografi e danzatori internazionali
Performance "Svarupa-Vyakta" di Stefano Fardelli/Compagnia Excursus
Un solo che trae ispirazione da un viaggio in India. Quando dimentichiamo noi stessi cominciamo a soffocare tra le illusioni della nostra quotidianità, allontanandoci dal nostro "Se". Di e con Stefano Fardelli.
Aperitivo offerto al pubblico a base di prodotti locali
23 Dicembre dalle 17.00
Sala Ruspoli

"Il Mago dei Fiori" di Cie Twain/Diesis Teatrango
Una storia che racconta della paura di ciò che non si conosce e del percorso da intraprendere per crescere e superarla. Con Yoris Petrillo, Elisa Melis e Piero Cherici.
Merenda per i bambini
www.cietwain.com


dell’ARTE

PROSEGUONO

"MATISSE E IL SUO TEMPO"  a cura di Cécile Debray
PALAZZO CHIABLESE - Torino - da Sabato12 dicembre 2015 a Domenica 15 maggio 2016 - orari vari
Promossa dal Comune di Torino -- Assessorato alla Cultura, dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte e dal Polo Reale di Torino e organizzata dal Centre Pompidou di Parigi, 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE e Arthemisia Group.
“Ho lavorato per arricchire la mia intelligenza, per soddisfare le differenti esigenze del mio spirito, sforzando tutto il mio essere alla comprensione delle diverse interpretazioni dell’arte plastica date dagli antichi maestri e dai moderni.” Henri Matisse,
Notes d'un peintre in “La Grande Revue”, 25 dicembre 1908 Matisse “l’ansioso, il follemente anioso” -¬ così lo descrive uno dei suoi amici divisionisti -- domina l’arte della prima metà del XX Secolo ed è considerato uno delle coscienze artistiche più affascinanti del Novecento. Sempre al centro di dibattiti, durante tutta la sua carriera è stato capogruppo dei fauves, osservatore critico del cubismo, discepolo di Signac, Renoir e Bonnard, rivale di Picasso, maestro d’accademia e infine precursore di un’arte che anticipa l’espressionismo astratto newyorkese. Con 50 opere di Matisse e 47 di artisti a lui coevi quali Picasso, Renoir, Bonnard, Modigliani, Miró, Derain, Braque, Marquet, Léger – tutte provenienti dal Centre Pompidou – la mostra “Matisse e il suo tempo” si prefigge di mostrare le opere di Matisse attraverso l’esatto contesto delle sue amicizie e degli scambi artistici con altri pittori.
Così, per mezzo di confronti visivi con opere di artisti suoi contemporanei, sarà possibile cogliere non solo le sottili influenze reciproche o le fonti comuni di ispirazione, ma anche una sorta di “spirito del tempo”, che unisce Matisse e gli altri artisti e che coinvolge momenti finora poco studiati, come il modernismo degli anni quaranta e cinquanta. Opere di Matisse quali Icaro (della serie Jazz del 1947), Grande interno rosso (1948), Ragazza vestita di bianco, su fondo rosso (1946) sono messe a confronto con i quadri di Picasso, come Nudo con berretto turco (1955), di Braque, come Toeletta davanti alla finestra (1942), di Léger, come Il tempo libero – Omaggio a Louis David (1948--1949)
Promossa dal Comune di Torino -- Assessorato alla Cultura, dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte e dal Polo Reale di Torino e organizzata dal Centre Pompidou di Parigi, 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE e Arthemisia Group,
La mostra curata da Cécile Debray conservatore Centre Pompidou. Dieci sezioni in mostra illustrano, secondo un percorso cronologico intercalato da approfondimenti tematici, le figure matissiane delle odalische -- come in Odalisca con pantaloni rossi del 1921 --; la raffigurazione dell’atelier, soggetto ricorrente nell’opera di Matisse ma che, negli anni bui della Seconda Guerra Mondiale, dà luogo a quadri stupefacenti a firma di Braque (L'Atelier IX, 1952--56) e Picasso (Lo studio, 1955); l’opera e il percorso di Matisse dai suoi esordi con Gustave Moreau (1897--99) fino alla sua scomparsa negli anni Sessanta e alle ultime carte dipinte e ritagliate.
Sponsor: Lottomatica e come sponsor tecnici Grandi Stazioni, Trenitalia, Coop, Canale Arte.
Con il supporto di La Rinascente.
 L'evento è consigliato da Sky Arte HD. Il catalogo è edito da 24 ORE Cultura -- Gruppo 24 ORE.
www.mostramatisse.it

"Toulouse-Lautrec La collezione del Museo di Belle Arti di Budapest"
MUSEO DELL'ARA PACIS - Roma -  da Venerdì 4 dicembre 2015 a Domenica 8 maggio 2016 - orari vari
Promossa e prodotta da Roma Capitale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e Arthemisia Group e organizzata con Zètema Progetto Cultura.
“[…] la novità è raramente l'essenziale. Questo ha a che fare con una cosa sola: rappresentare un soggetto meglio di quanto faccia la sua natura intrinseca.” 
Henri de Toulouse-Lautrec 
Con circa 170 opere provenienti dal Museo di Belle Arti di Budapest, arriva al Museo dell’Ara Pacis di Roma una grande mostra su Toulouse-Lautrec, il pittore bohémien della Parigi di fine Ottocento, che ripercorre l’attività dell’artista dal 1891 al 1900, poco prima della sua morte avvenuta a soli 36 anni.
La mostra, promossa e prodotta da Roma Capitale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e Arthemisia Group e organizzata con Zètema Progetto Cultura, consentirà di portare a Roma il fiore della raccolta di opere di Toulouse-Lautrec conservata Al Museo di Belle Arti di Budapest (Szépmű vészeti Múzeum), uno dei più importanti in Europa, con capolavori che vanno dal Medioevo al Novecento. In occasione dell’esposizione romana, curata da Zsuzsa Gonda e Kata Bodor, circa 170 litografie della collezione (tra cui otto affiches di grande formato e due cover degli album della cantante, attrice e scrittrice francese Yvette Guilbert con circa 10 litografie) lasceranno Budapest per essere esposte al Museo dell’Ara Pacis dal 4 dicembre 2015 all’8 maggio 2016.
Attraverso questa esposizione sarà possibile conoscere a tutto tondo l'opera grafica di Toulouse-Lautrec: manifesti, illustrazioni, copertine di spartiti e locandine, alcune delle quali sono autentiche rarità perché stampate in tirature limitate, firmate e numerate e corredate dalla dedica dell'artista.
Henri de Toulouse-Lautrec è considerato il più famoso maestro di manifesti e stampe tra il XIX e XX Secolo. Tra le peculiarità della sua arte, è l’avere come soggetto la più disparata umanità illustrata in momenti quotidiani o di divertimento, affascinando così la borghesia francese. Sua grande fonte d’ispirazione è il quartiere parigino di Montmartre e la maggior parte delle sue opere sono riconducibili alla vita notturna e ai locali di questa zona. Sono rappresentazione d’istanti di vita quotidiana che Lautrec restituisce con un effetto di grande immediatezza: in poco tempo l’artista diventa uno degli illustratori e disegnatori più richiesti di Parigi; gli sono commissionati manifesti pubblicitari per le rappresentazioni teatrali, i balletti e gli spettacoli, oltre che illustrazioni d’importanti riviste dell’epoca, come la satirica Le Rire.
Nel percorso di mostra, oltre le opere di Toulouse-Lautrec, rare immagini (fotografie e riprese cinematografiche) d’inizio Novecento evocano la Parigi della Belle Époque. Inoltre, un’applicazione interattiva guida il visitatore alla scoperta della tecnica litografica e delle tecniche di stampa di fine Ottocento, dai colori accesi e la riproduzione su vasta scala, ai presupposti per la nascita del manifesto pubblicitario, di cui egli è stato con la sua arte il precursore.
La mostra vede come sponsor Generali Italia, come sponsor tecnico Codognotto e come partner dell’iniziativa Trenitalia.
Media coverage by Sky Arte HD. - Il catalogo è edito da Skira.
www.arapacis.it

"james tissot" a cura di Cyrille Sciama
CHIOSTRO DEL BRAMANTE  - Roma - da Martedi 26 Settembre 2015 a Sabato 21 Febbraio 2015,  tutti i giorni dalle  ore 10.00 alle 20.00 , Sabato e Domenica 10.00-21.00
Patrocinio dell’Assessorato Cultura e Turismo del Comune di Roma - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali
La mostra è organizzata con il sostegno eccezionale del Museo d’Orsay, vede come sponsor Generali Italia e come partner dell’iniziativa Trenitalia. L’evento è consigliato da SKY Arte HD.
Per la prima volta in Italia, l’attesissima mostra sul grande pittore francese James Tissot (Nantes, 1836 - Buillon 1902). Le sue opere si potranno finalmente ammirare al Chiostro del Bramante di Roma (26 settembre 2015 - 21 febbraio 2016) dopo le importanti esposizioni dedicategli in tutto il mondo come James Tissot al Petit Palais (Parigi - 1985), Victorian Life Modern Love (Yale Center for British Art, New Haven Connecticut - Musée du Québec, Québec City, Canada - Albright-Knox Art Gallery, Buffalo, New York, tra il 1999 e il 2000), James Tissot et ses Maîtres a Nantes presso il Musée des Beaux-arts (2005) e infine la mostra The Life of Christ del Brooklyn Museum of Art (2009).
Raffinato protagonista dell’élite del suo tempo, invidiato e amato in pari misura, James Tissot è un pittore la cui arte è ancora oggi per alcuni aspetti un enigma, tra influenze impressioniste e istanze preraffaellite. Francese di nascita ma britannico di adozione, vissuto a suo agio tra conservatori e liberali, Tissot celebra nei suoi quadri la vita dell’alta borghesia – il ceto portato in auge in epoca vittoriana tra rivoluzione industriale e colonialismo – trasformando la quotidianità in imprese eroiche e celebrative, mutando ogni gesto in un cliché non privo di originalità.
Dart - Chiostro del Bramante e Arthemisia Group, con il Patrocinio dell’Assessorato Cultura e Turismo del Comune di Roma, hanno fortemente creduto nella necessità di presentare al pubblico italiano un artista ancora poco celebrato. In mostra 80 opere provenienti da musei internazionali quali la Tate di Londra, il Petit Palais e il Museo d’Orsay di Parigi, che raccontano l’intero percorso artistico del pittore e l’influenza che su di lui ebbe l’ambiente parigino e la realtà londinese, dando conto della sua vena sentimentale e mistica, del suo incredibile talento di colorista e del suo interesse per la moda. Tra le opere esposte, capolavori quali "La figlia del capitano" e "La figlia del guerriero" entrambe del 1873 accanto alla Galleria dell’ "HMS Calcutta" (1886) che illustrano i temi principali della sua arte sempre trattati con profondità psicologica e che attestano il suo talento di colorista e fine osservatore del suo tempo.
Prodotta e organizzata da DART Chiostro del Bramante - Arthemisia Group, Con il sostegno eccezionale di Musée d’Orsay-Sponsor Generali Italia
Partner dell’iniziativa: Trenitalia-Special Partner:  JTI-Sponsor tecnico Mantero-Media coverage by Sky Arte HD-Mostra a cura di Cyrille Sciama-Progetto di mostra, direzione dei lavori, progetto grafico di mostra e realizzazione grafica :Mjras snc-Allestimento: Tagi2000-Progetto immagine coordinata: Angela Scatigna-Video: Artist Fabien Iliou-Percorso didattico in mostra: Francesca Valan-Catalogo: Skira
www.chiostrodelbramante.it

Kirosegnaliamo esce all’inizio di ogni settimana, chi volesse darci comunicazione di eventi con rilievo artistico-culturale può scriverci a kirolandia@gmail.com oppure info@kirolandia.com,  entro la domenica precedente, specificando chiaramente la richiesta di segnalazione, provvederemo previa specifica selezione all'inserimento … 


Nessun commento:

Posta un commento