MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge

martedì 10 gennaio 2017

KIROSEGNALIAMO 10-16 Gennaio 2017

K-news  





Kiri, dopo le feste riprendono  le segnalazioni di  Kirolandia blog di cooperazione dell'omonima corrente culturale.



Di settimana in settimana qualche suggerimentio sia In che Off... 



... selezionato accuratamente sulla base delle vostre importanti indicazioni.


Dunque ecco per sognare con voi...





TEATRO

Planet Production presenta
"TUTTO PER LOLA"
 Di Roberta Skerl - Regia di Silvio Giordani
La tragicomica storia di quattro ex prostitute “in pensione” che, per colpa dei loro trascorsi lavorativi, vengono coinvolte in un giallo-rosa frizzante dagli esiti imprevedibili
.
TEATRO DE' SERVI - Roma
da martedì 10 a domenica 28  gennaio 2017, ore  21.00_sab. ore 17.30 e 21.00_dom. ore 17.30

Arriva la tragicomica storia di quattro ex prostitute scritta da Roberta Skerl e diretta da Silvio Giordani.
Piuttosto avanti con l’età e da tempo pensionate, le quattro donne vivono insieme in un villino liberty isolato e ormai decaduto che un tempo era la casa di appuntamenti dove svolgevano il mestiere. A prezzo di enormi sacrifici e anni di duro lavoro, sono riuscite a comprarsi la casa e ora vi trascorrono una serena vecchiaia fatta di passeggiate, peonie piantate in giardino e serate alla TV. Ma un giorno, proprio sotto le finestre del loro villino, compare la giovane Lola, un’adolescente nigeriana costretta sul marciapiede da uno sfruttatore connazionale. Le donne si affezionano a Lola e cominciano a seguire le sue vicende, un po' come delle zie in apprensione per la nipotina.
Seppur attempate, le quattro ex prostitute conservano un certo caratterino: una notte, una di loro si imbatte nello sfruttatore di Lola che sta facendo pipì nel giardino della loro casa, e decide di dirgliene quattro. I due si scontrano ma la situazione precipita e l'uomo viene, accidentalmente, ucciso.
Le quattro pensionate, terrorizzate ma solidali, si ritrovano così a dover gestire un delitto per il quale non intendono assolutamente pagare.

Di Roberta Skerl con Caterina Costantini (Ester), Lorenza Guerrieri (Livia), Lucia Ricalzone (Carla),  Monica Guazzini (Lucia), Geremia Longobardo (Commissario Mascari) - Regia di Silvio Giordani

Indirizzo: Via del Mortaro (ang. Via del Tritone), 22 - Roma
Sito di riferimento teatro: www.teatroservi.it

____

DAUNIDEADI
presenta
FABIO AVARO
in
"CE LO CHIEDE L’EUROPA"
con Vanina Marini
e la preoccupante partecipazione de la Banda dell’UKU
Regia di Vanina Marini

TEATRO BELLI - Roma
da martedì 10 a domenica 22  gennaio 2017, da mar. a sab. ore 21.00_dom.ore 17.30
Esilarante commedia con protagonista l’insolito trio composto da Fabio Avaro, Vanina Marini, qui anche in veste di regista, e la Banda Dell’UKU, nella forma dei tre musicisti Fabrizio Sartini, Luca Sgamas e Luca Lepore.
Prendete un attore squattrinato e sconosciuto, tre musicisti di una band che sbarca il lunario facendo serate qua e la per locali e aggiungeteci una malcapitata giovane e promettente regista di teatro intenta ad allestire uno spettacolo per  partecipare ad un bando della Comunità Europea che le farebbe ottenere un cospicuo finanziamento. L’improvvisata compagnia ha poche ore per creare uno spettacolo vincente: riuscirà la giovane regista a domare l'esuberante attore con al seguito la sua assurda band? Riusciranno tutti a rispettare le rigide richieste del bando?
Lo spettacolo mette in scena il teatro, ma soprattutto uno spaccato di italianità,  si compone di un susseguirsi incessante di battute e inserti musicali proponendo al pubblico un’ora e mezza di tante risate e buona musica con un occhio attento all’attualità nonché alla storia.

Con: Fabio Avaro, Vanina Marini e la Banda dell’UKU - Scritto da: Fabio Avaro, Luca Sgamas, Vanina Marini  - Regia: Vanina Marini - Disegno luci: Maximiliano Lumachi

Indirizzo: piazza Sant'Apollonia, 11/a - Roma
Sito di Riferimento: www.teatrobelli.it
____

"LA DIVINA"
scritto e diretto da ALESSANDRO FULLIN
Dopo il successo di Piccole Gonne Alessandro Fullin, con gli attori di Nuove Forme, torna a teatro con una nuova parodia, condita come sempre da aforismi esilaranti e da pungenti ironie.

TEATRO SALA UMBERTO - Roma
da giovedì 12 domenica 22 gennaio 2017, mart. giov. e ven. ore 21.00_mer. ore 17.00_sab. ore 17.00 e 21.00_dom. ore 17.00


Nel 2009 Papa Ratzinger annuncia al mondo che il Purgatorio, come luogo fisico, non esiste più. Dante Alighieri, saputa la notizia, si precipita per la seconda volta nell’Oltretomba per dipanare la spinosa questione e riscrivere la Divina Commedia.
Ma dove mettere ora gli invidiosi? Gli iracondi? Gli accidiosi? Dubbi e tormenti attendono il Poeta, che inoltre scopre che l’amore per Beatrice, dopo sette secoli, si è un po’ appannato.
Tra demoni e cherubini, fiumi infernali e rinfrescanti panchine ecco una rilettura in chiave camp dell’immortale poema che getta nella stessa bolgia Paolo Malatesta con gli Abba, Farinata degli Uberti con Liz Taylor.

Con Alessandro Fullin,  Tiziana Catalano, Sergio Cavallaro, Simone Faraon, Paolo Mazzini, Mario Contenti, Ivan Fornaro - Coreografie di Sergio Cavallaro costumi di Monica Cafiero - Scritto e diretto da ALESSANDRO FULLIN
Produzione Nuove Forme distribuzione Terry Chegia

Indirizzo: Via della Mercede, 50 - Roma
Sito di riferimento teatro: www.salaumberto.com
____

Compagnia We Were Monkeys
presenta
"IMMOTA MANET Resta Immobile"
di e con  Luigi Guerrieri
“A l’Aquila la poesia fiorisce sui muri diroccati, i poeti vivono nelle auto, davanti alle macerie delle loro case. Le anziane vestite a lutto si battono il petto piangendo, mentre nulla assomiglia più a come era prima: case, cose, persone, sembra che persino la memoria abbia perso i propri connotati”.

TEATRO STUDIO UNO - Sala Specchi - Roma
da giovedì 12 a domenica 15 dicembre 2017 , dal giov. al sab. ore 21.00_dom. 18.00

Torna in scena lo spettacolo vincitore (ex equo con “Inossidabile miele” di Domenico Cucinotta) dell’ultima edizione del Festival Inventaria nella sezione monologhi/performance,  che racconta attraverso una raccolta di storie e testimonianze il terremoto dell’Aquila del 2009.

In scena un attore, un microfono, una sedia per un allestimento scarno ed essenziale cornice di un racconto evocativo fatto di tante piccole storie, ascoltate, inventate, vissute oppure mai accadute, intrecciate all’esperienza del narratore. Un uomo dall’altra parte dell’Europa, nato e cresciuto a L’Aquila e partito ormai da anni, che nello spazio immaginario della sua città natale, riporta un racconto anonimo e collettivo nato dall’ascolto di testimonianze, poesie, “calcinacci” e risultato della sofferta lontananza dalla sua terra così colpita dalla  catastrofe.
Punto cruciale dello spettacolo è l’uomo, il suo relazionarsi con qualcosa di ingestibile come il terremoto. La sua accettazione, adattabilità, disperazione oppure resistenza. Il risultato è una narrazione che vorrebbe essere lineare ma che inevitabilmente si frammenta. C’è la storia del narratore che vede il tutto da fuori e poi le storie di chi il terremoto l’ha vissuto e subìto. C’è la parola ma anche la danza, la musica, il movimento, il dialetto, il grammelot.

Di e con  Luigi Guerrieri - occhio esterno: Samuel Müller - aiuto alla drammaturgia: Balàzs Várnai - aiuto alla ricerca: Beatrice Vollaro - consulenza storytelling: Kientéga Pingdéwindé Gérard (KPG) - musiche originali: Marco Merli - in collaborazione con Francesco Chiari e Franco Cocco - luci e tecnica: Christoph Siegenthaler

Indirizzo: via Carlo della Rocca, 6 - Roma (Torpignattara).
Sito di riferimento teatro: www.teatrostudiouno.com
____

ARS MILLENNIA PRODUCTION
Presenta
"TANAQUILLA"
La nobile Etrusca che fu regina di Roma                                          
di e con Isabel Russinova
Regia Rodolfo Martinelli Carraresi
Tratto dal volume “Reinas, storie di grandi donne” di Isabel Russinova (Edizioni Curcio)

Con il Patrocinio Accademia Tiberina - Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia (Roma) - Museo Nazionale Etrusco Guarnacci (Volterra) - Festival Internazionale del Teatro Romano Volterra - MACT

TEATRO ARCOBALENO Centro stabile del classico - Roma
da venerdì 13 a domenica 22 gennaio 2017, ven. e sab. aore 21.00 _dom.  ore 17.30

E’ la prima volta, da “Il ratto di Lucrezia” di Shakespeare, che un’opera teatrale ha come protagonista un’eroina etrusca, Tanaquilla. Tanaquilla è stata la moglie di Lucumone il greco, meglio conosciuto come Tarquinio Prisco, che diventò il quinto re di Roma, così come lei aveva voluto e predetto. Etrusca, di nobile discendenza, appartenente ad una famiglia aristocratica di Tarquinia, Tanaquilla è tra le figure femminili più influenti nella storia politica romana. Sapeva leggere i segni, governare il destino, era bella, colta ed ambiziosa. Seppe e volle vivere all’ombra del marito, ma i suoi consigli e le sue azioni decretarono la fortuna della Città Eterna.
Il popolo acclamò Tarquinio Prisco e sotto il suo regno Roma divenne Grande, cominciò così l’ascesa dei Tarquini e Tanaquilla trasformò in realtà il suo sogno: un regno raffinato come Tarquinia, illuminato come Corinto e spietato come Roma.

Di e con Isabel Russinova - Regia Rodolfo Martinelli Carraresi - Scene e Costumi Wilma Lo Gatto - Light/designer R.M.C. - Musiche Antonio Nasca                                                         

Indirizzo: via Francesco Redi,  1/a - Roma
Sito di Riferimento: www.teatroarcobaleno.it


TEATRO PER RAGAZZI

Centrale Preneste Teatro
TAM Teatro Musica /Antonio Panzuto
in scena con
"LE MILLE E UNA NOTA Breve vaggio sul fiume delle storie"
con Antonio Panzuto

CENTRALE PRENESTE TEATRO-  Roma
domenica 15 gennaio  2017, ore 16.30

Arrivano da Padova I magici racconti dello spettacolo Le Mille e una notte. Breve viaggio sul fiume, una nuova proposta per tutta la famiglia della rassegna Infanzie in gioco 2016/17

Lo spettacolo è un fiume di storie che scorrono una dopo l'altra e spesso una dentro l'altra, in un flusso calmo e continuo. Il fantastico nasce dal quotidiano, il prodigio e la normalità si intrecciano fino a sciogliersi l’uno nell’altra e la magia della trasformazione diventa il segreto motore e l’invisibile essenza delle cose. La scena è una grande duna del deserto che si tramuta in mare o nella città araba che il Califfo Harùn Ar Rashìd, di notte in incognito, vuole percorrere e scoprire. Sharasàd, Sharyàr, Dunyzàd, Aladino, il Mago, Farizàd, il Genio, Sìnbad, il visir Giafàr, l’uccello di fuoco, il cavallo volante guidano le emozioni delle donne, degli uomini e degli animali. Si racconta di amore, tradimento, libertà e schiavitù, intelligenza e ottusità, magia e divinazione, morte e bellezza, guerra e viaggio, incarnati in tipi umani, principesse e ladroni, bambini e vecchi ambulanti, soldati e marinai ma anche in uccelli che parlano, alberi che cantano, cavalli volanti, geni terribili. Insomma un fiume di storie ricco di immagini e suggestioni.

TAM Teatro Musica/ Antonio Panzuto - Luogo, oggetti, azioni: Antonio Panzuto  - Voce recitante: Mariagrazia Mandruzzato - Luci: Paolo Pollo Rodighiero - Suoni e regia: Alessandro Tognon

Informazioni: dai 4 anni in poi
Indirizzo: Via Alberto da Giussano, 58, Roma
Sito di riferimento: www.centraleprenesteteatro.blogspot.it


TEATRO-DANZA

L'Associazione Culturale Teatro Trastevere
presenta
"My Time is not Your Time"
e
"The Dark Side of the Moon"
Doppio appuntamento con il teatro-danza
Coreografie e regia originali di Giuliana Maglia

TEATRO TRASTEVERE - Roma
da giovedì 12 a domenica 15 gennaio  2017 , ore 21.00_dom. 17.30

Doppio appuntamento con la danza ed il teatro insieme: un connubio di realtà artistiche, la contaminazione dei generi che si fa spettacolo, il tutto ad opera di Giuliana Maglia, drammaturga e coreografa, da noi già ospitata con successo nella Stagione precedente.

>>> Dal 12 al 13 gennaio  "My Time is not Your Time"
con Ylenia Dimauro, Emiliana Grosso, Giuliana Maglia, Eleonora Marrone, e la partecipazione di Diletta Brancatelli.

Una riflessione sul tempo:
“Il tempo inteso come tempo materiale, il tempo inteso come preciso periodo storico. Il tempo inteso nell’umano significato dello scorrere e non tornare indietro”

Quante volte questa società ci fa sentire "scaduti" troppo presto? Condizione che si presenta in tutti gli individui e spesso non ad un’età precisa: ci si può sentire “scaduti” anche a 20 anni, a seconda dell’evento, dell’aspirazione, del compito, del sogno, del contesto con cui ci confrontiamo. Questa condizione/sensazione di “scadenza” risulta molto più marcata nelle donne che devono far fronte più degli uomini al trascorrere del tempo sia da un punto di vista fisico / biologico, sia da un punto di vista lavorativo. E così, soprattutto scavallata la soglia dei 30 anni, le donne si sentono "scadute" ed in questo modo cercano con fatica e “in punta di piedi” di resistere alla sensazione di schiacciamento e chiusura che l’essere “scadute” comporta.
C’è ancora tempo per essere considerate?
C’è ancora tempo per sentirsi meravigliose o bisogna esserlo come questo mondo vuole?
Il lavoro di ricerca è volto a indagare una verità espressiva del gesto, provando a sviluppare un linguaggio del corpo che sia eloquente quanto le parole, gesti vivi che raccontano un tema.

>>> Dal 14 al 15 gennaio "The Dark Side of the Moon"
con Elettra Carangio, Ylenia Dimauro, Emiliana Grosso, Giuliana Maglia, Eleonora Marrone.
Un omaggio in danza ai Pink Floyd per celebrare l'album omonimo. Il lavoro coreografico porterà lo spettatore in relazione con i lati oscuri dell'esistenza umana che verranno proposti in un susseguirsi di 9 quadri danzati, in cui danza e teatro si fonderanno l'un l'altro. Il crescente conflitto interiore, le piccole nevrosi dell'uomo contemporaneo, il rapporto ossessivo con il denaro, lo scorrere del tempo che ci scivola tra le mani, la solitudine e l'incapacità crescente di comunicazione fisica, la paura della morte, la follia: questi sono i temi principali che verranno affrontati con "drammatica ironia" dai 5 danzatori in scena.
“Come fantocci tirati e tenuti su da fili invisibili ci illudiamo di vivere la nostra vita da protagonisti essendo noi stessi e autentici ma in realtà siamo oggetti di qualcosa che sta al di sopra di noi”.

Indirizzo: via Jacopa de Settesoli 3 - Roma
Sito di riferimento teatro: www.teatrotrastevere.it


MANIFESTAZIONI

"QUINTA ARMATA INVADE IL TEATRO MARCONI"
Da gennaio ad aprile ogni angolo del Teatro Marconi, in collaborazione con Tradizione Teatro,  si trasformerà in palcoscenico per far vivere insieme musica, nuova drammaturgia, cantautorato, installazioni e performance.

da un'idea di Davide Sacco
Direzione artistica di Ilaria Ceci e Davide Sacco

TEATRO MARCONI -  Roma
martedì 10 gennaio 2017_ ore 19.00 e mercoledì 11 gennaio 2017_ ore 19.30  

Tradizione Teatro, in collaborazione con il Teatro Marconi, presenta QUINTA ARMATA. Non si tratta di una rassegna, né di un progetto teatrale, QUINTA ARMATA è il luogo stabile dove le arti si fondono creando linguaggi diversi, un luogo dove lo spettatore vede la trasversale dell'arte under 35 nelle varie forme e sceglie di cosa arricchirsi: musica, nuova drammaturgia, cantautorato, installazioni, performance e tanto altro.
Quattro appuntamenti, uno al mese, in cui i “soldati” di QUINTA ARMATA invaderanno tutti gli spazi del Teatro Marconi. Ogni angolo diventerà il palcoscenico adatto per far vivere la Cultura: il bistrot, il foyer, le sale prova, la platea e, infine, il palco.

Si parte il 10 e l'11 gennaio. Un percorso polivalente che permetterà allo spettatore di assaporare cocktail e monologhi, di diventare protagonista di giochi teatrali, di ascoltare il nuovo cantautorato italiano e infine di assistere a uno spettacolo. Il tutto arricchito da un'atmosfera magica fatta di luci, colore e poesia.

>>> Ma in cosa consiste QUINTA ARMATA?
 Il 10 gennaio alle ore 19.00 ci sarà un piccola presentazione di questa fucina di idee e artisti;
>>> poi dalle 19.30 partiranno contemporaneamente le seguenti performance. Sarà il pubblico a decidere cosa vedere:
>>> #RaccontiEspressi di e con Alessio Rizzitiello.
Un modo diverso di concepire il tempo. Nella nostra società andiamo sempre di fretta e non abbiamo più il tempo di ascoltare, ma non rinunciamo mai a un caffè, un the o un aperitivo. Un racconto che ha il tempo di un espresso è il modo giusto per conciliare e condividere ascolto e piacere con un momento altrettanto piacevole: quello del bar.
>>> #ShakeYourTime a cura di Davide Sacco ed Eva Sabelli.
Un menù, un banditore e una compagnia shakespeariana sono gli ingredienti di questa teatralizzazione completamente dedicata alle opere del Bardo.

Vero protagonista è il pubblico, che sceglierà, guidato dall'abile capocomico, cosa vuole che venga recitato dagli attori, che a loro volta si sfideranno in una gara all'ultima... battuta!

>>> #RadioMiAscolto a cura di Piero Grant e Michela Ronci. Una radio surreale e sorprendente, grottesca ed esilarante. Ascoltare per credere.
>>> Arricchiranno inoltre l'atmosfera le installazioni artistiche  di  Michelangelo Tomaro e i sottofondi musicali di Francesco Del Gaudio.
>>> A seguire, alle ore 20.30: #GolfoMistico. Ogni sera si esibirà un giovane cantautore del panorama italiano. Il cartellone degli artisti è a cura di Toto Toralbo e verrà presentato durante la conferenza stampa.

La serata si concluderà poi, alle ore 21.00, con il cartellone degli spettacoli teatrali. 
>>> Il 10 e l'11 gennaio sarà in scena Fumo, scritto e diretto da Massimiliano Aceti con Marco Feroci, Malvina Ruggiano, Alice Ferranti, Chiara Mancuso, Daniele Aureli, Fausto Romano, Massimiliano Aceti.
Sette ragazzi alla soglia dei trent'anni si ritrovano faccia a faccia con la Morte. Uno di loro rivela di avere un cancro ai polmoni e pochi mesi di vita davanti, e chiede agli amici di aiutarlo a costruire una barca per portarla al largo nel mare. Tutti accettano, ma non sanno ancora che questo li porterà a mostrare la parte più intima e nascosta che hanno dentro.

Indirizzo: viale marconi 698E - Roma
Sito di riferimento teatro: www.teatromarconi.it


ARTE

PROSEGUONO....

"City Lego®."
La più grande città al mondo costruita con i Lego
Ideata da  LAB Literally Addicted to Bricks, prodotta e organizzata da  Arthemisia Group e  Kornice 
"Guido Reni District" 
da giovedì 8 dicembre 2016 a domenica 29 gennaio 2017 - orari vari

7 milioni dei famosi  mattoncini LEGO® riproducono una città unica al mondo con tutti i suoi dettagli, irripetibile nel suo genere e per la prima volta presentata nella sua versione integrale a Roma.
Ideata da  LAB Literally Addicted to Bricks, prodotta e organizzata da  Arthemisia Group e  Kornice e ospitata presso il  Guido Reni District, la mostra porta nella capitale un grandioso diorama (15 metri per 5) interamente dedicato al tema urbano: un incredibile progetto che prende il nome di City Booming e che, con la meticolosa precisione nella realizzazione veritiera di ogni angolo di vita, racconta la magia scatenata dai mattoncini più famosi al mondo, riproducendo un’intera “città fantastica” in ogni minimo dettaglio.
City Booming, costruita in circa 1 anno di lavoro e iniziata nel 2012 - con i pezzi provenienti dalla collezione di Wilmer - arriva a Roma mettendo in scena tutto l’estro creativo del team di LAB.


In mostra non solo costruzioni ma anche sistemi di automazione e illuminazione che danno vita a storie incredibili che solo questi veri e propri “artigiani dei Lego” riescono a realizzare: tra gru, elevatori, cinema e pinacoteche, sono diversi i meccanismi presenti all’interno della città, come il treno che gira attorno a essa e una coloratissima ruota panoramica all’interno di un Luna Park.

Foto © GiuliaFedel

Indirizzo: via Guido Reni, 7 - Roma
Sito di riferimento: www.guidorenidistrict.com
____

"Artemisia Gentileschi e il suo tempo"
Nasce da un’idea di Nicola Spinosa ed è curata dallo stesso Spinosa per la sezione napoletana, da Francesca Baldassari per la sezione fiorentina, e da Judith Mann per la sezione romana.
Con il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, promossa e prodotta da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e Arthemisia Group e organizzata con Zètema Progetto Cultura.

Museo di Roma - Palazzo Braschi - Roma
da mercoledì 30 novembre 2016 a domenica 7 maggio 2017 - vari orari

Un viaggio nell’arte della prima metà del XVII secolo seguendo le tracce di una grande, vera donna. Una pittrice di prim’ordine, un’intellettuale effervescente, che non si limitava alla sublime tecnica pittorica, ma che seppe, quella tecnica, declinarla secondo le esigenze dei diversi committenti, trasformarla dopo aver assorbito il meglio dai suoi contemporanei, così come dagli antichi maestri, scultori e pittori. La parabola umana e professionale di Artemisia Gentileschi (1593-1653), straordinaria artista e donna di temperamento, appassiona il pubblico anche perché è vista come un’antesignana dell’affermazione del talento femminile, dotata di un carattere e una volontà unici. Un talento che le consentì, giovanissima, arrivata a Firenze da Roma, prima del suo genere, di entrare all’Accademia delle Arti e del Disegno di Firenze; che le fece imparare, già grande, a leggere e scrivere, a suonare il liuto, a frequentare il mondo culturale in senso lato; una volontà che le consentì di superare le violenze familiari, le difficoltà economiche; una libertà la sua che le permise di scrivere lettere appassionate al suo amante Francesco Maria Maringhi, nobile raffinato quanto tenero e fedele compagno di una vita. Una tempra la sua, che pure sotto tortura (nel processo che il padre intentò al suo violentatore Agostino Tassi) le fece dire: “Questo è l’anello che tu mi dai et queste le promesse”, riuscendo così a ironizzare, fino al limite del sarcasmo, sulla vana promessa di matrimonio riparatore. 

Copre l’intero arco temporale della vicenda artistica di Artemisia Gentileschi e consentirà al visitatore di ripercorrere vita e opere dell’artista a confronto con quelle dei colleghi: circa
 100 sono in totale le opere in mostra, provenienti da ogni parte del mondo, da prestigiose collezioni private come dai più importanti musei in un confronto serrato tra l’artista e i suoi colleghi, frequentati, a Roma, come a Firenze, ancora a Roma e infine a Napoli, con quel passaggio veneziano di cui molto è da indagare, così come la breve intensa parentesi londinese.  

È accompagnata da un catalogo edito da Skira che dà conto dei diversi periodi artistici e umani di Artemisia e riporta le schede delle opere esposte, frutto dei più recenti studi scientifici e degli ultimi documenti rinvenuti.
Sponsor della mostra Generali Italia, sponsor tecnico Trenitalia.
L’evento è consigliato da Sky Arte HD.

Indirizzo:  piazza San Pantaleo, 10  - Roma
Sito di riferimento: www.museodiroma.it
____

"GUERRE STELLARI - PLAY"
a cura di Fabrizio Modina

COMPLESSO DEL VITTORIANO  ALA BRASINI - Roma
da venerdì 28 ottobre a domenica 29 gennaio 2017, vari orari

Il Complesso del Vittoriano - Ala Brasini di Roma ospita la mostra dedicata all’affascinante universo di Guerre Stellari, un mito assoluto che ha incantato tre generazioni dal 1977 a oggi.
Oltre 1000 pezzi tra modellini, action figures e stampe d’epoca - alcune esposte per la prima volta in Italia - raccontano ai visitatori le scene e i personaggi più indimenticabili di un mondo che ancora
oggi seduce e appassiona a livello globale.
Guerre Stellari – Play. La mostra sulla saga che ha sedotto tre generazioni si focalizza sull’aspetto ludico della leggendaria narrazione, utilizzando una selezione attinta dall’infinita produzione - partita nel 1977 - di merchandising a marchio Kenner (ora Hasbro) e che Fabrizio
Modina, curatore della mostra e uno dei massimi collezionisti mondiali di toys fantascientifici, mette a disposizione del grande pubblico.
Ai più classici toys sono affiancati rarissimi pezzi vintage da collezione quali costumi, accessori, caschi e armi che, in scala reale, ricostruiscono con accurata presenza scenica quell’universo di valori e stereotipi che sono andati oltre il cinema per divenire icone universali.

Sotto l’egida dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano, la mostra Guerre Stellari – Play. La mostra sulla saga che ha sedotto tre generazioni è prodotta e organizzata da Arthemisia Group e Kornice, è curata da Fabrizio Modina e vede come special partner Mondadori Store e come partner tecnici iGuzzini, Guidi Go e Grafiche Gemma.

Il catalogo è edito da Piazza Editore e Kornice.

Indirizzo: San Pietro in Carcere - Roma
Sito riferimento: www.ilvittoriano.com
____

"LOVE. L’arte contemporanea incontra l’amore"
a cura di Danilo Eccher
Il Chiostro del Bramante festeggia i suoi 20 anni di attività con una mostra dal carattere internazionale.


Chiostro del Bramante - Roma
 da giovedì 29 settembre 2016 a domenica 19 febbraio 2017 - vari orari

Una novità assoluta e imperdibile nel panorama delle proposte culturali capitoline degli ultimi anni che si candida a riportare la città di Roma in linea agli stessi livelli delle più stimate realtà espositive internazionali. Per la prima volta saranno riuniti tra i più importanti artisti dell’arte contemporanea, come Yayoi Kusama, Tom Wesselmann, Andy Warhol, Robert Indiana, Gilbert & George,Francesco Vezzoli, Tracey Emin, Marc Quinn, Francesco Clemente e Joana Vasconcelos, con opere dai linguaggi fortemente esperienziali (All the Eternal Love I Have for the Pumpkins della Kusama tra le più instagrammate al mondo) e adatte a coinvolgere il pubblico attraverso molteplici sollecitazioni.

L'arte incontra l'amore.
L’esposizione romana intende affrontare uno dei sentimenti universalmente riconosciuti e da sempre motivo d’indagini e rappresentazioni, l’Amore, raccontandone le diverse sfaccettature e le sue infinite declinazioni. Un amore felice, atteso, incompreso, odiato, ambiguo, trasgressivo, infantile, che si snoda lungo un percorso espositivo non convenzionale, caratterizzato da input visivi e percettivi.

Inoltre, in coerenza con il progetto scientifico voluto dal DART Chiostro del Bramante, il visitatore potrà vivere un' esperienza di guida attiva assolutamente fuori dal comune, scegliendo per la prima volta tra 5 "partner audio": John, Coco, Amy, David e Lilly saranno gli speciali compagni di viaggio, a seconda del tipo di esperienza che si vuole intraprendere, che racconteranno le opere esposte e aiuteranno il pubblico ad apprezzare le emozioni in esse contenute. Le audioguide sono state realizzate dalla Zeranta Edutainment s.r.l. società specializzata nell'educational ed entertainment.

Artisti presenti: Vanessa Beecroft, Francesco Clemente, Nathalie Djurberg e Hans Berg, Tracey Emin, Gilbert & George, Robert Indiana, Ragnar Kjartansson, Yayoi Kusama, Mark Manders, Ursula Mayer, Tracey Moffatt, Marc Quinn, Joana Vasconcelos, Francesco Vezzoli, Andy  Warhol, Tom Wesselmann.

Con il patrocinio di Roma Capitale - Assessorato alla crescita culturale Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.Chiostro del Bramante in collaborazione conArthemisia Group. - La mostra vede come sponsor JTI e Generali Italia. - Il catalogo è edito da Skira.

Indirizzo: Via Arco della Pace 5 - Roma
Sito di riferimento: www.chiostrodelbramante.it
____

"Edward Hopper"
 curata da Barbara Haskell 
Una grande mostra dedicata a Edward Hopper,
icona dell’arte americana del XX Secolo, amatissimo dal grande pubblico.

COMPLESSO DEL VITTORIANO  ALA BRASINI - Roma
da sabato 1 ottobre 2016 a domenica  12 febbraio 2017, vari orari

A grande richiesta dei visitatori, arriva (anzi torna) nella Capitale Edward Hopper, uno degli artisti più conosciuti e amati dal grande pubblico internazionale. Circa 60 capolavori realizzati da Hopper tra il 1902 e il 1960, prestati eccezionalmente dal WhitneyMuseum di New York, tra cui le opere iconiche Le Bistro or The Wine Shop (1909), Summer Interior (1909), New York Interior(1921), South Carolina Morning (1955) e Second Story Sunlight (1960).
Prestito eccezionale è il complesso e seducente olio su tela Soir Bleu opera della lunghezza di circa due metri, realizzato da Hopper nel 1914 a Parigi.

All’esposizione delle opere si aggiunge una sezione del tutto inedita, dedicata all’influenza di Hopper sul grande cinema come nei film che hanno per protagonista Philip Marlowe, i lavori di Hitchcock - Psycho e Finestra sul cortile -, quelli di Michelangelo Antonioni, fino ai diversi riferimenti hopperiani ne Il GridoDeserto rosso e L'eclisse.
In Profondo rosso, Dario Argento ricostruisce come “Nighthawks” la sequenza del bar; in Velluto blu e Mullholland Drive, il grande David Lynch s’ispira a molte opere di Hopper, così come Wim Wenders in Paris, Texas e Todd Haynes in Lontano dal Paradiso e i fratelli Coen in L'uomo che non c'era.

Sotto l’egida dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano, con il patrocinio della Regione Lazio, in collaborazione conAssessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali di Roma Capitale, la grande retrospettiva dedicata a Edward Hopper è organizzata e prodotta da Arthemisia Group con il Whitney Museum of American Art di New York, ed è curata da Barbara Haskell - curatrice di dipinti e sculture del Whitney Museum of American Art - in collaborazione con Luca Beatrice. La mostra vede come sponsor Generali Italia e come special partner Ricola, come sponsor tecnico Trenitalia e media partner AD eVogue Italia. L’evento è consigliato da Sky Arte HD. Catalogo edito da Skira.

Indirizzo: San Pietro in Carcere - Roma
Sito di riferimento: www.ilvittoriano.com


SERATE con OSPITI

"apeRIVER"
Thursday is the New Saturday
con le Voci di:
Marc Lee (Amici) e Federico Baroni (XFactor)
a seguire:
il Campione di Pesi Leggeri Ennio Zingaro
Palco Aperto a cura di Cantieri Sonori
con Criss e Luca James
Hosted by GIUSVA

BEIGE - Roma
giovedì 12 gennaio 2017 , dalle ore 20.00

Sport e Musica dal Vivo: il binomio perfetto è di scena a Trastevere con apeRIVER

E' il primo appuntamento del 2017 per apeRIVER con un binomio dal sapore leggero, quello tra sport e musica dal vivo. L'aperitivo eterofriendly dedicato a River Phoenix presenta le voci di Marc Lee (Amici) e Federico Baroni (XFactor), seguiti dalla prestigiosa presenza del campione del ring Ennio Zingaro. Durante la serata, la vetrina Palco Aperto, per la prima volta a cura dell'etichetta indipendente Cantieri Sonori (www.cantierisonori.net), il volto Giusva insieme ai suoi inseparabili River Boys, che ospiteranno due scommesse pronte a dar battaglia a suon di note...
E' il giovedì più friendly che ci sia.  Da Aba a Davide Papasidero, da Dario Guidi ad Andrea Maestrelli e poi Mara Venier, Jerry Calà, Michela Andreozzi, Roberta Scardola, Gianni Sperti, Daniel DeCò, Mirko Oliva, Chiara Dello Iacovo, Arianna Alvisi, Alessandro Catalini, Thomas Cheval, Andrea Riccardi, Manuel Aspidi, Virginio, Manuel Foresta, Marco De Vincentiis, Daév, Andrea Orchi, Kaligola, Fabio Canino, Roberta Carrese, Federico Baroni, Paola Pessot, Marco Martinelli, il trio Sgamyx, Anna Laviòla e Francesco Capalbo Duet, Leiner e i Dear Jack... Sono davvero tanti gli amici passati alla serata eterofriendly più accogliente della capitale, che regala al pubblico un momento diverso da ogni situazione! L'ingresso è gratuito ed aperto a tutti, etero, gay, ed eterocuriosi... Because Thursday is the new Saturday. L'obiettivo del giovane fotografo Marco Portanova, catturerà il pubblico in fotoricordo disponibili sulla pagina ufficiale dell'evento: www.facebook.com/ApeRiver.

Informazioni: INGRESSO GRATUITO - con possibilità aperitivo.
Indirizzo: Via del Politeama 13 - Roma
Sito di riferimento: www.beigeroma.com
____


Kirosegnaliamo esce all’inizio di ogni settimana, chi volesse darci comunicazione di eventi con rilievo artistico-culturale può scriverci a kirolandia@gmail.com oppure info@kirolandia.com,  entro la domenica precedente, specificando chiaramente la richiesta di segnalazione, provvederemo previa specifica selezione all'inserimento …

Nessun commento:

Posta un commento