MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | VIDEO | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira VirusKira ManuKira AttiroKira Krouge ChiKira VolpocaKiro MireKira

martedì 24 gennaio 2017

KIROSEGNALIAMO 24-30 Gennaio 2017

K-news   


Kiri, continuano le segnalazioni di  Kirolandia blog di cooperazione dell'omonima corrente culturale.



Di settimana in settimana vari suggerimenti tra teatro, musica, arte  e tanti altri eventi selezionati  accuratamente sulla base delle vostre importanti indicazioni.






Dunque ecco per sognare con voi...


TEATRO

Le NoChoice
Ovvero: Federica Tuzi: voce narrante
Merel Van Dijk: voce e chitarra, pianola, pc
Nel concerto teatrale:
"DILEMMI soluzioni impossibili per animi sensibili"

MAGAZZINO 33 - Roma
24 gennaio 2017, ore  21.30
                                                                        
Le due artiste affrontano temi universali e attualissimi: le unioni civili, il desiderio di maternità, la paura di invecchiare, la difficoltà di stare in relazione, il gender, l’ossessione per le diete, l’ossessione per i tatuaggi … Con sincerità e tantissima ironia propongono uno show composto da monologhi, rap, letture e varie formule di teatro canzone per voce narrante e per voce cantante. Una formula intelligente capace di coniugare filosofia e demenzialità, tenerezza e sarcasmo, comicità e commozione.
La cifra è autobiografica: Federica Tuzi è una scrittrice (premio John Fante per il romanzo “Non ci lasceremo mai”) con una lunga carriera di filmmaker alle spalle (abbiamo seguito le sue avventure nella serie tv “Santiago. Anche le lesbiche sono pellegrine” in onda su Fox Cult). Merel Van Dijk è una musicista performer che canta in italiano, inglese e olandese passando dalla dolcezza all’ironia, dai graffi rock agli acuti soprano. Insieme formano il duo NoChoice.
Ogni pezzo è un dilemma (Esco o sto a casa? Ti lascio o ti sposo? Mi tatuo o non mi tatuo?): si ride assistendo all’indecisione, all’incoerenza, agli assoluti con cui le certezze vengono affermate e poi smentite un attimo dopo. Un dilemma (dal greco δί-λημμα: proposizione doppia) è infatti un problema che offre un'alternativa fra due soluzioni spesso inadeguate, se non inaccettabili (Muoio o mi ammazzo?).

Dilemmi è stato rappresentato con grandissimo successo al Gay Village 2016 e alla Limonaia di Firenze, subito dopo alcune anteprime romane alla libreria Tuba e al Monk Club nell’ambito della serata “Amorucci”. Il “mantra” Lesbica Tardiva, uno dei pezzi dello show, ha ottenuto in venti giorni più di 10.000 visualizzazioni su You Tube, oltre ad articoli usciti spontaneamente su l’Internazionale, l’Espresso online e Q Magazine

Informazioni: INGRESSO GRATUITO
Indirizzo: via Portuense 88 - Roma
Sito di riferimento: www.magazzino33.it
____


L'Associazione Culturale Teatro Trastevere
in collaborazione con
I Cani Sciolti Compagnia Teatrale Artigianale
presenta
"CLUB 27 -a song for no one-"
regia e drammaturgia di Luca Pastore

TEATRO TRASTEVERE - Roma
da martedì 24 a domenica 29 gennaio 2017 , ore 21.00_dom. 17.30
“Hai provato ad innalzarti oltre l’Amore?  E oltre L’Odio? Hai cercato Dio per dipingerti con la finta salvezza?  O hai cercato il diavolo?
HAI FALLITO
Ora sei in un mare di plastica e puoi solo annegare, non c’è l’Arte, non c’è l’Amore, non c’è nemmeno il suono, ci sei solo tu e i tuoi idoli di plastica.
Scopri la vita – non impazzire
Scegli la vita – non annegare
Proteggi la vita
NON FALLIRE DI NUOVO

Luca Pastore porta in scena Club 27, uno spettacolo che prende il via ispirandosi alla vicenda di molti artisti morti all’età di 27 anni. Per primi furono i giornali a parlare di questa triste “coincidenza”, dandole il nome di Club 27. Di questo Club fanno parte artisti del calibro di Jim Morrison, Jimi hendrix, Janis Joplin, Kurt Cobain, Amy Winehouse, Jean Michel Basquiat, Jonathan Brandis e Robert Johnson.
Il CLUB è come un limbo in un tempo sospeso che racchiude molte delle maggiori e influenti personalità dell’ultimo secolo d’arte. Un CLUB delimitato dallo spazio bianco, dalla totale mancanza di confini ai quali gli artisti sono tanto legati e sui quali hanno costruito il loro essere “artista”.
“...il DOLORE È BIANCO.”

Regia e drammaturgia Luca Pastore  - con Miriam Messina, Martina Caronna, Ludovica Avetrani Luca Laviano, Dimitri D’Urbano , Claudio Filardi -
Oggetti di scena supporto tecnico: Matteo Antonucci - Musiche e suoni: Mattia Yuri Messina

Indirizzo: via Jacopa de Settesoli 3 - Roma
Sito di riferimento teatro: www.teatrotrastevere.it
____

"SHH NON LO DIRE A NESSUNO"
Fiaba distorta di una principessa moderna ancora in costruzione
Scritto, diretto e interpretato da Ludovica Bei

TEATRO STUDIO UNO - Sala Specchi  - Roma
da giovedì 26 a domenica 29 gennaio 2017 , dal giov. al sab. ore 21.00_dom. 18.00

Torna in scena al Teatro Studio Uno Ludovica Bei con una nuova commedia da lei scritta e diretta.

È la fiaba distorta di una principessa moderna, come suggerisce il sottotitolo. Un anno; il 1990. nasce la principessa della nostra fiaba. Nello stesso anno si giocano i Mondiali, vince la Germania dell’Ovest.

In questa fiaba distorta la principessa è risentita per il modo in cui è stata organizzata la sua storia e chiede spiegazioni circa alcune scelte prese.
Si sviluppa un "dialogo" a senso unico, surreale e ironico, che riflette in maniera critica e sarcastica sull'attuale stato delle cose. A confronto i ragazzi degli anni 90’ con la generazione dei padri e delle madri cercando di capire, con l’occhio ingenuo che solo una principessa della Disney può avere, quanto questa continua evoluzione li stia sostenendo o comprimendo.

A far da guida una bambina normale con la sua famiglia, le sue credenze, le prime volte, le rivelazioni. Attraverso sfide, prove, antagonisti cattivi, mostri, formule magiche, l’eroina della pièce attraverserà con coraggio gli ultimi anni del ‘900.

Come ogni Principessa che si rispetti, ad accompagnarla nel suo viaggio, il fidato Aiutante Magico cantautore Nico Maraja, che non solo sosterrà e aiuterà la protagonista ma l’ammonirà, impersonando la voce della coscienza che cerca di orientare le scelte della principessa. Sarà anche il musicista che renderà l’atmosfera incantevole, con canzoni anni 90’ e musiche originali.

Indirizzo: via Carlo della Rocca, 6 - Roma (Torpignattara).
Sito di riferimento teatro: www.teatrostudiouno.com
____

"MOLTO RUMORE PER NULLA"
di William Shakespeare
Adattamento e regia: Andrea Pergolari

TEATRO LE SEDIE -  Roma (Labaro)
da giovedì 26 a domenica 29 dicembre 2017, ore 21.00_dom. 18.00
Nella solare città di Messina, il ricco Leonato accoglie nella sua magione il principe d’Aragona don Pedro di ritorno dalla guerra insieme ai suoi più stretti compagni. L’atmosfera gaia e leggera dell’estate mediterranea fa da sfondo agli amori tra il giovane Claudio e la dolce Ero e tra i litigiosi Beatrice e Benedetto. Nell’imminenza delle nozze di Claudio ed Ero, don Juan, geloso del favore che Claudio gode presso don Pedro, fa di tutto per screditare Ero e impedirle così di sposare il suo amato. Nulla però potrà impedire all’amore di trionfare sui cattivi sentimenti che saranno giustamente puniti. Piena di riferimenti letterari, giochi di parole, equivoci, finte morti, tradimenti, Molto rumore per nulla è il non plus ultra delle commedie shakespeariane: in questa versione ne è sottolineata la carica farsesca e clownistica.

Di William Shakespeare - adattamento e regia Andrea Pergolari -  Con Edoardo Ciufoletti, Gioia Montanari, Mauro Serio, Angelica Pula, Simone Calcagno, Marilisa Protomastro, Alessio Pala, Valentina Pacchiele, Francesco De Laurenzi e con Giovanni Bocci, Luca Menicucci, Federico De Antoni - al pianoforte Sara Ferrandino - musiche Federico De Antoni - scene e costumi Erika Cellini - aiuto regia e coreografie Carlotta Guido - adattamento e regia Andrea Pergolari

Indirizzo: vicolo del Labaro, 7 - Roma (Labaro)
Sito di riferimento teatro: www.teatrolesedie.it
____

PROSEGUONO...

"MAMMAMIABELLA!"
il colpo di scena più interessante della nostra vita
Diretto da
Elena Sofia Ricci

Una commedia musicale di Sabrina Pellegrino,
da un'idea di Valentina Olla
con le musiche di Stefano Mainetti

TEATRO MARCONI -  Roma
da giovedì 19 a domenica 29  gennaio 2017_ mart., giov., ven. e sab. ore 21.00_merc. e dom. ore 17.30

Dopo Che Dio ci aiuti,  il suo ultimo straordinario successo televisivo che ha registrato oltre sei milioni di telespettatori nella prima puntata, Elena Sofia Ricci, una delle attrici più amate dal pubblico italiano, si cimenta nella sua prima regia teatrale.
Il Teatro Marconi apre il sipario sulla commedia musicale Mammamiabella!

Valentina, una comune trentasettenne in carriera fashion - addicted, è impegnata a far spazio nel suo armadio per la nuova vita che arriva. Il fondo della cabina armadio si apre e, di volta in volta, lascia entrare i personaggi con i quali la futura neo mamma si confronta nel meraviglioso, sconvolgente, "apocalittico" periodo di metamorfosi che è la gravidanza. Ecco quindi avvicendarsi in questa storia di nove mesi a suon di musica e parole i genitori di lei, la suocera, l'amico gay, la migliore amica, i vari ginecologi consultati, l'impiegato addetto all'assegno di maternità e tanti altri improbabili quanto amorevoli dispensatori di consigli in una materia nella quale è impossibile laurearsi. Un periodo importante per la donna, perché quando nasce un bambino nasce anche una mamma! E il papà ?
Lui che si era innamorato di una bomba sexy, in questi nove mesi si ritrova a dover soddisfare le improbabili voglie e intemperanze di una specie di otaria spiaggiata. Tacchi a spillo e t-shirt alla moda verranno messi da parte per far spazio a body, pannolini e soprattutto ansie, paure, preghiere, e aspettative, di lei e di lui facendo trapelare un improbabile manuale d'amore per la nuova vita.

Una commedia musicale di Sabrina Pellegrini - da un'idea di Valentina Olla - diretto da Elena Sofia Ricci - Con Valentina Olla, Federico Perrotta, Sabrina Pellegrino - con le musiche di Stefano Mainetti e la musica dal vivo con Marco Cascone (fisarmonica),  - Vincenzo Meloccaro (fiati), Gino Binchi (percussioni)  - scene e costumi Andrea Taddei.

Indirizzo: viale marconi 698E - Roma
Sito di riferimento teatro: www.teatromarconi.it
____

Produzione Stabile della SITI
"LOGIN"
di Giorgia Mazzucato

TEATRO STUDIO UNO - Sala Teatro  - Roma
da giovedì 19 a sabato 28  gennaio 2017 , dal giov. al sab. ore 21.00_dom. 18.00

Torna la giovanissima e talentuosa Giorgia Mazzucato, attrice, autrice e regista, che dopo aver conquistato il pubblico romano con  “Guerriere”, “Viviamoci” e “Gesù aveva l’erre moscia”, porta in scena uno spettacolo interattivo.

Login è uno spettacolo di improvvisazione teatrale in cui tutte le regole della messa in scena sono a totale discrezione del pubblico in sala.
Gli attori in scena attraversando il confine tra mondo reale e virtuale, accedono ad un Account che, pur non essendo ancora stato creato e pur non conoscendolo, è il loro. Dovranno effettuare il Login appunto, l’accesso a questa nuova realtà, non sanno cosa succederà loro, chi saranno o cosa diranno.
Le storie che li vedranno protagonisti, i personaggi i che interpreteranno, saranno solo e soltanto quelli che il pubblico chiederà loro di mettere in scena.
Questa è la loro unica possibilità di esistere. La loro unica possibilità di non rimanere dietro le quinte. Ma l’ Account, ciò per cui gli attori in scena devono vivere e combattere è conosciuto  esclusivamente dagli gli autori e gli autori sono tutte le persone presenti in sala, il pubblico, l’unico e vero moderatore dello spettacolo.

con Marco Allegretti, Maria Beatrice Alonzi, Paolo Berini, Simone Congedo, Simona Faustino Ventapane, Sara Fraietta, Silvana Lagrotta, Emanuela Ghini, Giorgia Mazzucato, Dario Paltera, Maria Teresa Robusto, Viviana Valastro e Mauro Vottari.

Indirizzo: via Carlo della Rocca, 6 - Roma (Torpignattara).
Sito di riferimento teatro: www.teatrostudiouno.com
____

Planet Arts Collettivo Teatrale
presenta
"Torre Elettra"
DRAMMATURGIA & REGIA Giancarlo Nicoletti
Prima nazionale

TEATRO BRANCACCINO - Roma
da giovedì 19 a domenica 29 gennaio 2017, dal giov. al sab. ore 20.00_dom. 18.00

Alla periferia di una Roma futuribile c’è Torre Elettra, dove la legge non arriva, la giustizia non è più istituzione, il sangue chiama sangue. A Torre Elettra c’è una famiglia segnata da violenze, tradimenti, omicidi, si discute di una vendetta da compiere, sullo sfondo dei postumi di una guerra civile fra il potere statale e i cittadini delle periferie in rivolta. Un’Orestea contemporanea dei sobborghi, dove i vincoli familiari e di sangue fanno i conti con la deriva dei concetti occidentali di giustizia e Stato postmoderni.

Il nuovo lavoro drammaturgico-registico di Giancarlo Nicoletti (segnalazione Premio Hystrio - Scritture di Scena 2016) e della compagnia Planet Arts Collettivo Teatrale trova nel paradigma classico una nuova cartina tornasole per raccontare le contraddizioni della contemporaneità, la spirale dei legami familiari, lo smarrimento di senso dell’uomo moderno e il rapporto dialettico fra il singolo e lo Stato. Una riscrittura originale del mito che guarda alle recenti involuzioni del concetto di democrazia occidentale, per riannodare un filo che arriva fino ai tragici greci, non prima di essere contaminato dalle riflessioni e dai contributi di autori come Pasolini, Von Hoffmanst
al, Sartre, O’Neill, Icke, Marguerite Yourcenar.

Con Valentina Perrella, Liliana Massari, Cristina Todaro, Luciano Guerra, Alessandro Giova, Matteo Montalto - FOTO Luana Belli GRAFICA OverallsAdv   - VIDEO David Melani - SCENE Giulio Villaggio – Alessandra De Angelis - UFFICIO STAMPA Rocchina Ceglia - AIUTO REGIA Sofia Grottoli – Paola Musollino  - DISTRIBUZIONE & PROMOZIONE Altra Scena Art Management - PRODUZIONE PlanetArts CollettivoTeatrale - DRAMMATURGIA & REGIA Giancarlo Nicoletti

Indirizzo: Via Mecenate, 2 - Roma
Sito di riferimento teatro: www.teatrobrancaccio.it/brancaccino/il-teatro-brancaccino.html
____

Planet Production presenta
"TUTTO PER LOLA"
 Di Roberta Skerl - Regia di Silvio Giordani
La tragicomica storia di quattro ex prostitute “in pensione” che, per colpa dei loro trascorsi lavorativi, vengono coinvolte in un giallo-rosa frizzante dagli esiti imprevedibili
.
TEATRO DE' SERVI - Roma
da martedì 10 a domenica 29 gennaio 2017, ore  21.00_sab. ore 17.30 e 21.00_dom. ore 17.30

Arriva la tragicomica storia di quattro ex prostitute scritta da Roberta Skerl e diretta da Silvio Giordani.
Piuttosto avanti con l’età e da tempo pensionate, le quattro donne vivono insieme in un villino liberty isolato e ormai decaduto che un tempo era la casa di appuntamenti dove svolgevano il mestiere. A prezzo di enormi sacrifici e anni di duro lavoro, sono riuscite a comprarsi la casa e ora vi trascorrono una serena vecchiaia fatta di passeggiate, peonie piantate in giardino e serate alla TV. Ma un giorno, proprio sotto le finestre del loro villino, compare la giovane Lola, un’adolescente nigeriana costretta sul marciapiede da uno sfruttatore connazionale. Le donne si affezionano a Lola e cominciano a seguire le sue vicende, un po' come delle zie in apprensione per la nipotina.
Seppur attempate, le quattro ex prostitute conservano un certo caratterino: una notte, una di loro si imbatte nello sfruttatore di Lola che sta facendo pipì nel giardino della loro casa, e decide di dirgliene quattro. I due si scontrano ma la situazione precipita e l'uomo viene, accidentalmente, ucciso.
Le quattro pensionate, terrorizzate ma solidali, si ritrovano così a dover gestire un delitto per il quale non intendono assolutamente pagare.

Di Roberta Skerl con Caterina Costantini (Ester), Lorenza Guerrieri (Livia), Lucia Ricalzone (Carla),  Monica Guazzini (Lucia), Geremia Longobardo (Commissario Mascari) - Regia di Silvio Giordani

Indirizzo: Via del Mortaro (ang. Via del Tritone), 22 - Roma
Sito di riferimento teatro: www.teatroservi.it
____

TEATRO PER RAGAZZI

Centrale Preneste Teatro
CREST Teatro (Taranto)
in scena con
"La bottega dei giocattoli"
Testo e regia Sandra Novellino e Delia De Marco

CENTRALE PRENESTE TEATRO-  Roma
domenica 29 gennaio  2017, ore 16.30

Per la rassegna Infanzie in gioco 2016/17 uno spettacolo della Compagnia CREST in arrivo da Taranto.

La storia si svolge in una bottega di giocattoli e le botteghe di giocattoli non sono forse delle città in cui i giocattoli vivono come delle persone? O meglio, le città non sono forse delle botteghe di giocattoli in cui le persone vivono come dei giocattoli? C’è sempre una bambola più bella e c’è una bambola invidiosa, un orsacchiotto che si innamora e un soldatino geloso, una mamma cattiva e una buona fata, giostre e macchinine che non si stancano di girare. Un mondo parallelo che aiuta i bambini a fare esperienza di emozioni, imparando a non perdere “la bussola”, passando dalla gioia alla delusione, dalla malinconia all’allegria, dall’amore al risentimento.  Il testo e la regia sono di Sandra Novellino e Delia De Marco, in scena ci sono Delia De Marco, Valentina Elia, Giuseppe Marzio. Lo spettacolo prende corpo anche grazie alle musiche originali di Mirko Lodedo, vero tappeto sonoro di azioni, danza e racconto che danno vita ai giocattoli. O sono i giocattoli a dar vita agli attori? Lo si potrà scoprire solo a teatro.

Testo e regia: Sandra Novellino e Delia De Marco - Con: Delia De Marco, Valentina Elia, Giuseppe Marzio - Voci registrate: Anna Ferruzzo e Giovanni Guarino - Scene costumi e disegno luci: Maria Pascale  - Musiche originali: Mirko Lodedo   - Tecnico di scena: Walter Mirabile  - Un particolare ringraziamento a Chiara Calò

Informazioni: dai 3 in poi
Indirizzo: Via Alberto da Giussano, 58, Roma
Sito di riferimento: www.centraleprenesteteatro.blogspot.it
____

STAND UP COMEDY

AltraScena Art Management
presenta
VELIA LALLI LIVE
“Lasciate che i pargoli vengano a me”
Parte con Velia Lalli la rassegna di  Stand Up Comedy allo Spazio Diamante

SPAZIO DIAMANTE - Roma
venerdì 27 e sabato 28 gennaio 2017 - ore 21.00

Con Velia Lalli, la comica più irriverente e dissacrante d'Italia, ora volto fisso di #Sbandati (Rai2), parte la rassegna di Stand Up Comedy Live allo Spazio Diamante di Roma. La prima comica italiana ad emergere come stand up comedian sale sul palco con il suo nuovo monologo.

Avete quarant'anni e non avete scelto un percorso canonico: matrimonio, famiglia, figli? Velia Lalli, con interrogativi, ipotesi graffianti e tesi difficili da digerire, dà vita allo spettacolo che fa per voi.
Il quarto monologo di stand up comedy della “bad girl” della comicità italiana ironizza sulla sorpresa di non essere più una ragazza, ma ormai una donna. Uno sguardo inclemente su come sia difficile dare una definizione verbale interiore a questo ruolo.
Cosa ci ha portato ad essere gli adulti che siamo? Cosa possiamo fare per gli adulti di domani?  Lo spettacolo è la demolizione dei fantasmi del passato, una zavorra di cui ci si può liberare solo ridendo. È la decostruzione dei ruoli imposti, in cui ci troviamo nelle diverse età della vita.
La comica ha deciso di non risparmiarne nessuno: che siate madri, padri, figli, mogli, mariti, compagni, uomini, donne, bambini… nessuno è al riparo dalla “carezza” della sua comicità sferzante e impietosa. Ogni ruolo ha il suo risvolto comico, è accettarlo può fare solo che bene.

Scritto, diretto ed intrapretaoto da Velia Lalli

Indirizzo: via Prenestina 230/ b - Roma
Sito di riferimento: www.spaziodiamante.it
____

ARTE

PROSEGUONO...

"City Lego®."
La più grande città al mondo costruita con i Lego
Ideata da  LAB Literally Addicted to Bricks, prodotta e organizzata da  Arthemisia Group e  Kornice 
"Guido Reni District" 
da giovedì 8 dicembre 2016 a domenica 29 gennaio 2017 - orari vari
7 milioni dei famosi  mattoncini LEGO® riproducono una città unica al mondo con tutti i suoi dettagli, irripetibile nel suo genere e per la prima volta presentata nella sua versione integrale a Roma.
Ideata da  LAB Literally Addicted to Bricks, prodotta e organizzata da  Arthemisia Group e  Kornice e ospitata presso il  Guido Reni District, la mostra porta nella capitale un grandioso diorama (15 metri per 5) interamente dedicato al tema urbano: un incredibile progetto che prende il nome di City Booming e che, con la meticolosa precisione nella realizzazione veritiera di ogni angolo di vita, racconta la magia scatenata dai mattoncini più famosi al mondo, riproducendo un’intera “città fantastica” in ogni minimo dettaglio.
City Booming, costruita in circa 1 anno di lavoro e iniziata nel 2012 - con i pezzi provenienti dalla collezione di Wilmer - arriva a Roma mettendo in scena tutto l’estro creativo del team di LAB.


In mostra non solo costruzioni ma anche sistemi di automazione e illuminazione che danno vita a storie incredibili che solo questi veri e propri “artigiani dei Lego” riescono a realizzare: tra gru, elevatori, cinema e pinacoteche, sono diversi i meccanismi presenti all’interno della città, come il treno che gira attorno a essa e una coloratissima ruota panoramica all’interno di un Luna Park.

Foto © GiuliaFedel

Indirizzo: via Guido Reni, 7 - Roma
Sito di riferimento: www.guidorenidistrict.com
____

"Artemisia Gentileschi e il suo tempo"
Nasce da un’idea di Nicola Spinosa ed è curata dallo stesso Spinosa per la sezione napoletana, da Francesca Baldassari per la sezione fiorentina, e da Judith Mann per la sezione romana.
Con il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, promossa e prodotta da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e Arthemisia Group e organizzata con Zètema Progetto Cultura.

Museo di Roma - Palazzo Braschi - Roma
da mercoledì 30 novembre 2016 a domenica 7 maggio 2017 - vari orari

Un viaggio nell’arte della prima metà del XVII secolo seguendo le tracce di una grande, vera donna. Una pittrice di prim’ordine, un’intellettuale effervescente, che non si limitava alla sublime tecnica pittorica, ma che seppe, quella tecnica, declinarla secondo le esigenze dei diversi committenti, trasformarla dopo aver assorbito il meglio dai suoi contemporanei, così come dagli antichi maestri, scultori e pittori. La parabola umana e professionale di Artemisia Gentileschi (1593-1653), straordinaria artista e donna di temperamento, appassiona il pubblico anche perché è vista come un’antesignana dell’affermazione del talento femminile, dotata di un carattere e una volontà unici. Un talento che le consentì, giovanissima, arrivata a Firenze da Roma, prima del suo genere, di entrare all’Accademia delle Arti e del Disegno di Firenze; che le fece imparare, già grande, a leggere e scrivere, a suonare il liuto, a frequentare il mondo culturale in senso lato; una volontà che le consentì di superare le violenze familiari, le difficoltà economiche; una libertà la sua che le permise di scrivere lettere appassionate al suo amante Francesco Maria Maringhi, nobile raffinato quanto tenero e fedele compagno di una vita. Una tempra la sua, che pure sotto tortura (nel processo che il padre intentò al suo violentatore Agostino Tassi) le fece dire: “Questo è l’anello che tu mi dai et queste le promesse”, riuscendo così a ironizzare, fino al limite del sarcasmo, sulla vana promessa di matrimonio riparatore. 

Copre l’intero arco temporale della vicenda artistica di Artemisia Gentileschi e consentirà al visitatore di ripercorrere vita e opere dell’artista a confronto con quelle dei colleghi: circa
 100 sono in totale le opere in mostra, provenienti da ogni parte del mondo, da prestigiose collezioni private come dai più importanti musei in un confronto serrato tra l’artista e i suoi colleghi, frequentati, a Roma, come a Firenze, ancora a Roma e infine a Napoli, con quel passaggio veneziano di cui molto è da indagare, così come la breve intensa parentesi londinese.  

È accompagnata da un catalogo edito da Skira che dà conto dei diversi periodi artistici e umani di Artemisia e riporta le schede delle opere esposte, frutto dei più recenti studi scientifici e degli ultimi documenti rinvenuti.
Sponsor della mostra Generali Italia, sponsor tecnico Trenitalia.
L’evento è consigliato da Sky Arte HD.

Indirizzo:  piazza San Pantaleo, 10  - Roma
Sito di riferimento: www.museodiroma.it
____

"GUERRE STELLARI - PLAY"
a cura di Fabrizio Modina

COMPLESSO DEL VITTORIANO  ALA BRASINI - Roma
da venerdì 28 ottobre a domenica 29 gennaio 2017, vari orari

Il Complesso del Vittoriano - Ala Brasini di Roma ospita la mostra dedicata all’affascinante universo di Guerre Stellari, un mito assoluto che ha incantato tre generazioni dal 1977 a oggi.
Oltre 1000 pezzi tra modellini, action figures e stampe d’epoca - alcune esposte per la prima volta in Italia - raccontano ai visitatori le scene e i personaggi più indimenticabili di un mondo che ancora
oggi seduce e appassiona a livello globale.
Guerre Stellari – Play. La mostra sulla saga che ha sedotto tre generazioni si focalizza sull’aspetto ludico della leggendaria narrazione, utilizzando una selezione attinta dall’infinita produzione - partita nel 1977 - di merchandising a marchio Kenner (ora Hasbro) e che Fabrizio
Modina, curatore della mostra e uno dei massimi collezionisti mondiali di toys fantascientifici, mette a disposizione del grande pubblico.
Ai più classici toys sono affiancati rarissimi pezzi vintage da collezione quali costumi, accessori, caschi e armi che, in scala reale, ricostruiscono con accurata presenza scenica quell’universo di valori e stereotipi che sono andati oltre il cinema per divenire icone universali.

Sotto l’egida dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano, la mostra Guerre Stellari – Play. La mostra sulla saga che ha sedotto tre generazioni è prodotta e organizzata da Arthemisia Group e Kornice, è curata da Fabrizio Modina e vede come special partner Mondadori Store e come partner tecnici iGuzzini, Guidi Go e Grafiche Gemma.

Il catalogo è edito da Piazza Editore e Kornice.

Indirizzo: San Pietro in Carcere - Roma
Sito riferimento: www.ilvittoriano.com
____

"LOVE. L’arte contemporanea incontra l’amore"
a cura di Danilo Eccher
Il Chiostro del Bramante festeggia i suoi 20 anni di attività con una mostra dal carattere internazionale.


Chiostro del Bramante - Roma
 da giovedì 29 settembre 2016 a domenica 19 febbraio 2017 - vari orari

Una novità assoluta e imperdibile nel panorama delle proposte culturali capitoline degli ultimi anni che si candida a riportare la città di Roma in linea agli stessi livelli delle più stimate realtà espositive internazionali. Per la prima volta saranno riuniti tra i più importanti artisti dell’arte contemporanea, come Yayoi Kusama, Tom Wesselmann, Andy Warhol, Robert Indiana, Gilbert & George,Francesco Vezzoli, Tracey Emin, Marc Quinn, Francesco Clemente e Joana Vasconcelos, con opere dai linguaggi fortemente esperienziali (All the Eternal Love I Have for the Pumpkins della Kusama tra le più instagrammate al mondo) e adatte a coinvolgere il pubblico attraverso molteplici sollecitazioni.

L'arte incontra l'amore.
L’esposizione romana intende affrontare uno dei sentimenti universalmente riconosciuti e da sempre motivo d’indagini e rappresentazioni, l’Amore, raccontandone le diverse sfaccettature e le sue infinite declinazioni. Un amore felice, atteso, incompreso, odiato, ambiguo, trasgressivo, infantile, che si snoda lungo un percorso espositivo non convenzionale, caratterizzato da input visivi e percettivi.

Inoltre, in coerenza con il progetto scientifico voluto dal DART Chiostro del Bramante, il visitatore potrà vivere un' esperienza di guida attiva assolutamente fuori dal comune, scegliendo per la prima volta tra 5 "partner audio": John, Coco, Amy, David e Lilly saranno gli speciali compagni di viaggio, a seconda del tipo di esperienza che si vuole intraprendere, che racconteranno le opere esposte e aiuteranno il pubblico ad apprezzare le emozioni in esse contenute. Le audioguide sono state realizzate dalla Zeranta Edutainment s.r.l. società specializzata nell'educational ed entertainment.

Artisti presenti: Vanessa Beecroft, Francesco Clemente, Nathalie Djurberg e Hans Berg, Tracey Emin, Gilbert & George, Robert Indiana, Ragnar Kjartansson, Yayoi Kusama, Mark Manders, Ursula Mayer, Tracey Moffatt, Marc Quinn, Joana Vasconcelos, Francesco Vezzoli, Andy  Warhol, Tom Wesselmann.

Con il patrocinio di Roma Capitale - Assessorato alla crescita culturale Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.Chiostro del Bramante in collaborazione conArthemisia Group. - La mostra vede come sponsor JTI e Generali Italia. - Il catalogo è edito da Skira.

Indirizzo: Via Arco della Pace 5 - Roma
Sito di riferimento: www.chiostrodelbramante.it
____

"Edward Hopper"
 curata da Barbara Haskell 
Una grande mostra dedicata a Edward Hopper,
icona dell’arte americana del XX Secolo, amatissimo dal grande pubblico.

COMPLESSO DEL VITTORIANO  ALA BRASINI - Roma
da sabato 1 ottobre 2016 a domenica  12 febbraio 2017, vari orari

A grande richiesta dei visitatori, arriva (anzi torna) nella Capitale Edward Hopper, uno degli artisti più conosciuti e amati dal grande pubblico internazionale. Circa 60 capolavori realizzati da Hopper tra il 1902 e il 1960, prestati eccezionalmente dal WhitneyMuseum di New York, tra cui le opere iconiche Le Bistro or The Wine Shop (1909), Summer Interior (1909), New York Interior(1921), South Carolina Morning (1955) e Second Story Sunlight (1960).
Prestito eccezionale è il complesso e seducente olio su tela Soir Bleu opera della lunghezza di circa due metri, realizzato da Hopper nel 1914 a Parigi.

All’esposizione delle opere si aggiunge una sezione del tutto inedita, dedicata all’influenza di Hopper sul grande cinema come nei film che hanno per protagonista Philip Marlowe, i lavori di Hitchcock - Psycho e Finestra sul cortile -, quelli di Michelangelo Antonioni, fino ai diversi riferimenti hopperiani ne Il GridoDeserto rosso e L'eclisse.
In Profondo rosso, Dario Argento ricostruisce come “Nighthawks” la sequenza del bar; in Velluto blu e Mullholland Drive, il grande David Lynch s’ispira a molte opere di Hopper, così come Wim Wenders in Paris, Texas e Todd Haynes in Lontano dal Paradiso e i fratelli Coen in L'uomo che non c'era.

Sotto l’egida dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano, con il patrocinio della Regione Lazio, in collaborazione conAssessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali di Roma Capitale, la grande retrospettiva dedicata a Edward Hopper è organizzata e prodotta da Arthemisia Group con il Whitney Museum of American Art di New York, ed è curata da Barbara Haskell - curatrice di dipinti e sculture del Whitney Museum of American Art - in collaborazione con Luca Beatrice. La mostra vede come sponsor Generali Italia e come special partner Ricola, come sponsor tecnico Trenitalia e media partner AD eVogue Italia. L’evento è consigliato da Sky Arte HD. Catalogo edito da Skira.

Indirizzo: San Pietro in Carcere - Roma
Sito di riferimento: www.ilvittoriano.com
____

SERATE con OSPITI

"apeRIVER"
Thursday is the New Saturday
Ospite Speciale FEM (XFactor 10)
 E da Colorado l'attore DANIELE GATTANO
Hosted by GIUSVA
Una voce che incanta. Da XFactor sbarca a Roma FEM e illumina apeRIVER...

BEIGE - Roma
giovedì 26 gennaio 2017 , dalle ore 20.00

E' al suo quarto appuntamento apeRIVER, serata dedicata all'indimenticabile River Phoenix, che in un crescendo di ospiti riserva ogni volta una sorpresa per il pubblico trasteverino. Dai locali del Beige si sentiranno i vertiginosi acuti di FEM, ospite speciale dell'aperitivo eterofriendly, che per l'occasione si veste a festa con ospiti di prestigio. Dal talentuoso di XFactor alla comicità dell'attore Daniele Gattano, direttamente da Colorado, passando per le risate teatrali raccontate da Sara Vannelli e dagli attori di Il Conto è Servito, capeggiati per l'occasione dalla splendida Roberta Garzia. Infine, annunciati dal frontman Giusva, arrivano le giovani voci dell'etichetta discografica CANTIERI SONORI, curatrice della sezione Palco Aperto, che si chiuderà con il saluto di Francesco Meoni e Vincenzo Marti, in scena con Once I Was, Oltre la Storia di Tim e Jeff Buckley.

La sezione Palco Aperto, a cura dell'etichetta discografica Cantieri Sonori, presenterà il giovane Giannetti (al secolo Alessio Giannetti), rientrato nelle ultime selezioni sanremesi dedicate alle voci in erba. Palco Aperto culminerà nei saluti da parte del cast Il Conto è Servito di Sara Vannelli, in scena al Teatro Golden dal 28 Gennaio. Con l'autrice Vannelli arrivano alcuni dei protagonisti dello spettacolo, tra cui Roberta Garzia, Martina Carletti, Barbara Abbondanza, Andrea Zanacchi, Simone Villani e Alessandra Schiavoni. Ciliegina sulla torta sarà l'arrivo di Francesco Meoni e Vincenzo Marti, in scena dal 20 Gennaio presso il Teatro Due Roma con uno spettacolo che il pubblico riveriano apprezzerà di certo... Once I Was, Oltre La Storia di Tim e Jeff Buckley, è un excursus poetico che alterna la storia delle vicissitudini personali dei due artisti e delle loro carriere...

L'ingresso è gratuito ed aperto a tutti, etero, gay, ed eterocuriosi... Because Thursday is the new Saturday.
L'obiettivo del giovane fotografo Marco Portanova, catturerà il pubblico in fotoricordo disponibili sulla pagina ufficiale dell'evento: www.facebook.com/ApeRiver.

Informazioni: INGRESSO GRATUITO - con possibilità aperitivo.
Indirizzo: Via del Politeama 13 - Roma
Sito di riferimento: www.beigeroma.com

Kirosegnaliamo esce all’inizio di ogni settimana, chi volesse darci comunicazione di eventi con rilievo artistico-culturale può scriverci a kirolandia@gmail.com oppure info@kirolandia.com,  entro la domenica precedente, specificando chiaramente la richiesta di segnalazione, provvederemo previa specifica selezione all'inserimento …

Nessun commento:

Posta un commento