MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | fridaartes | privacy e cookie
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge VeraKira

lunedì 11 settembre 2017

KIROSEGNALIAMO Settimana 11-17 Settembre 2017

K-news  




Kiri, continuano anche in questa nuova stagione,  le segnalazioni di Kirolandia blog di cooperazione dell'omonima corrente culturale.



Di settimana in settimana vari suggerimenti tra teatro, musica, arte  e tanti altri eventi selezionati  accuratamente sulla base delle vostre importanti indicazioni.




Dunque ecco per sognare con voi...


TEATRO

DEBUTTI...

GABRIELE MARCONI
in
"SCHERZI  DEL… CECHOV"
atti unici di Anton Cechov
regia di Luca Pennacchioni

TEATRO BIBLIOTECA QUARTICCIOLO - Roma
14 settembre  2017,  ore 21.00

Gabriele Marconi  torna a teatro. Dopo il debutto al Teatro Ar.ma  l'attore, comico romano, arriva al Teatro Biblioteca Quarticciolo con  "Scherzi  del ...Cechov", atti unici di Anton Cechov.

Lo spettacolo articolato in due atti unici, mette in scena “L’orso” e “Domanda di matrimonio”. Nel Primo assistiamo alla storia di una vedova inconsolabile che ha giurato, dopo la morte del marito, di non uscire più di casa e di non frequentare più alcun uomo, nonostante le insistenti preghiere a ripensare la sua decisione da parte del suo servitore. La situazione si capovolge quando un ufficiale di artiglieria in congedo, interpretato dallo stesso Marconi, va dalla vedova a riscuotere delle cambiali. Il rifiuto di lei a pagare e la volontà di lui ad esigere quanto dovuto originano un dialogo concitato, che degenera in un duello fra la vedova e l'ex ufficiale con un imprevedibile esito finale. In Domanda di matrimonio, invece, fra ruggini antiche di buon vicinato e comici squarci di vita campestre, si assiste al ruvido approccio fra due rampolli di buona famiglia in cui i battibecchi si alternano a riappacificazioni preludendo a quello che sarà la futura vita matrimoniale. Luca Pennacchioni, nei panni di Lomov, si presenta in casa del vicino,  possidente terriero, interpretato da Gabriele Marconi, per chiedere in moglie la figlia (Claudia Spedaliere). La giovane pensa che Lomov sia venuto per un contratto d'affari e scopre solo alla fine che si trattava di un contratto di matrimonio. Partendo da una piccola disputa sulla proprietà di un prato o da un diverbio sulle capacità dei propri cani, i due continueranno a scambiarsi invettive in un crescendo di battibecchi comici dallo scoppiettante finale.

Atti unici di Anton Cechov  - regia di Luca Pennacchioni  - con Gabriele Marconi,  e con  Valentina Mauro, Claudia Spedaliere, Luca Pennacchioni - Alla fisarmonica M° Gianni Mirizzi - Assistente alla regia Gabriella Onofri - Costumi Fjorilda Dyli - Scenografia Luca Pennacchioni - Foto di Scena Agnese Ruggeri - Disegno Luci Massimo Sugoni - Tecnico Luci Gianpaolo Amico

Costo: Biglietto  Intero 10 € – Ridotto 8 € (over 65, under 24, possessori di Bibliocard) 
Informazioni:  info@capsaservice.it - 06 98951725
Indirizzo: Via Ostuni,  8 -  Roma (tra via Prenestina e viale Palmiro Togliatti)
Sito di riferimento: www.teatrincomune.roma.it
__________________________________________________________________________


MANIFESTAZIONI e FESTIVAL

"M.A.F. 2017"
Montefiascone Art Festival

ROCCA DEI PAPI - Montefiascone (VT)
dal  9 al 17 settembre 2017, vari orari 


I luoghi suggestivi dell’ex Carcere, l’Enoteca Provinciale della Tuscia e la Rocca di Montefiascone si fanno terra libera e ricca di arte, sovvertendo la propria originale destinazione d’uso per lasciare ai visitatori orme di storia e di società attraverso la Prima Edizione del M.A.F. – Montefiascone Art Festival, promosso dalla Società Sportiva Lazio e dall’Officina d’Arte OutOut e patrocinato dal Comune di Montefiascone, Assessorato allo Sviluppo del Territorio e Eventi e con la collaborazione del Museo della Mente di Roma  e dell'agriturismo Borgo Campanile.

Contaminazione è la parola che contiene sufficientemente e con chiarezza l’importanza che il M.A.F.riserba, in questa prima edizione ed in quelle a venire, all’incontro tra le differenti forme artistiche e lo spazio neutrale nel quale si presenta. Le celle dell’ex Carcere divengono occhi vivi, quelli degli artisti, che dal loro interno, attraverso la propria espressione d’arte, racconteranno vita e accadimenti di alcune tra le persone più importanti della nostra storia: da Oscar Wilde, ad Alda Merini, da Enzo Tortora ad Aldo Moro, da Richard Dadd a Hurrican Carter. Il tutto raccontato attraverso l’Arte, quella da sempre promossa dall’Officina d’Arte OutOut, in grado di abbracciare differenti forme espressive: teatro, cinema, danza, materie plastiche e pittoriche.
Il M.A.F. si presenta come un naturale container di cultura dove i visitatori/fruitori non saranno passivi spettatori di accadimenti, ma potranno interagire e sentirsi parte sensibile dell’insolita kermesse. La caratteristica peculiare del Festival è l’essere un progetto “culturale vivo”, interpretando vite del passato dando loro nuova forma, percependone contenuti e aspirazioni per manifestarli e comunicarli attraverso monologhi, interpretazioni di danza, proiezioni, pittura e manipolazioni materiche nei vari spazi “ridisegnati” da artisti provenienti da tutta Italia, fra i quali spiccano Giulia Spernazza, Sergio Cavallerin, Paul Kostabi, per raccontare storie, vicende e persone che con il loro agire hanno lasciato segni e moniti per le generazioni a venire. 
L’obiettivo è restituire la libertà privata con l’arte tout court, raccontando le reclusioni forzate e costrittive, figlie di errori giudiziari, che a partire da fine ‘800 e giungendo sino ai nostri giorni, hanno lasciato tracce indelebili nella storia di tutti, dall’altra creare un contatto con il territorio raccontandone sensazioni, emozioni, aspettative.
In tal modo il M.A.F. sarà contaminato, contagiato e contagioso, intrecciato e meticcio, come un insieme di eventi, di relazioni ed esperienze, appartenenze e identità. Diverse sono le figure di spicco interessate dal presente Progetto: Antonio Veneziani, poeta e saggista, autore della “Scuola Romana” (assieme a Pier Paolo Pasolini, Dario Bellezza, Amelia Rosselli, Renzo Paris), curatore di molteplici progetti culturali e di antologie per le più importanti Case Editrici italiane, sarà il supervisore alla trascrizione testuale delle singole storie e allo studio linguistico della messa in scena; il M.° Abdayem Aziz Moussa, professore dell’Accademia di Belle Arti e incisore d’adozione romana, il solo artista italiano ad aver collaborato con Joan Mirò, sarà il responsabile della sezione pittorica e scultorea, selezionando i singoli artisti che prenderanno parte a questa prima edizione; Claudio Miani, studioso di cinema, teatro e letteratura, nonché direttore della testata OutOutMagazine e curatore di differenti progetti realizzati sul nostro territorio (C.A.F.F. – Centro America Film Festival – vincitore del Bando della Regione Lazio, 2007; Lazio: Saturnia Tellus – Vincitore del Bando ARSIAL e Regione Lazio, 2016, assieme a Mauro Malgrande, scenografo teatrale e televisivo studioso di arte sequenziale, saranno i Direttori Artistici del M.A.F., curando la selezione degli eventi e le manifestazioni presenti in questa prima edizione e nelle successive; Maria Concetta Borgese, danzatrice e coreografa RAI e Mediaset, selezionerà le danzatrici e studierà la linguistica della rappresentazione.
  
La Prima Edizione del M.A.F. prevede cinque importanti riconoscimenti:
Il Premio alla Carriera per l’impegno sociale: Giobbe Covatta; il Premio per l’Impegno Sociale nella rivalutazione del territorio e della comunità attraverso la cultura dello sport: Claudio Lotito; il Premio al Format Tv che ha coniugato Cultura e informazione: Dott. Sigfrido Ranucci conduttore di Report Rai3; il Premio Artista Emergente: Francesco Chiatante; il Premio al Regista teatrale per l’impegno sociale di Teatro-terapico: Claudio Jankowski.
Verrà inoltre presentata, nella giornata conclusiva del Festival, il bimestrale di controcultura Les Restes Culturels, a tiratura limitata che tra gli altri presenta firme del giornalismo e della narrativa contemporanea: Riccardo D’Anna, Antonio Veneziani, Claudio Marrucci, Igor Patruno.

Programma della SETTIMANA:
>>> Venerdì 15 settembre:
ore 17.30-19.00: presso le ex carceri: mostra sulle reclusioni forzate;
ore 19:30 presentazione del libro “LETTERE A FRANCESCA", edito da Pacini Editore con la Fondazione Enzo Tortora e l’Unione delle Camere Penali Italiane. Interverranno l’autrice del volume, la Dott.ssa Francesca Scopelliti, il Segretario dell’Unione delle Camere Penali Italiane, Avv. Francesco Patrelli e l’Avvocato della Società Sportiva Lazio, Gian Michele Gentile. Moderatore: Antonio Veneziani
20:30 presso la Sala Innocenzo III: Memorie del principio, CONCERTO PER PIANOFORTE DEL M.° THEO ALLEGRETTI.

>>> Sabato 16 settembre:
ore 17.30-19.00: presso le ex carceri: mostra e performance sulle reclusioni forzate;
ore 19,30: presso gli scavi della Rocca: evento di teatro danza NEL VENTRE DEL FORNO con Maria Concetta Borgese 

>>> Domenica 17 settembre:
ore 11.00: proiezione presso la Sala Innocenzo III della Rocca dei Papi del Docu-film di Francesco Chiatante “ANIMELAND”;
ore 17.30-19.00: presso le ex carceri: mostra sulle reclusioni forzate;
ore 19,30: SERATA CONCLUSIVA del Festival presso la Sala Innocenzo III, con l’assegnazione del Premio alla carriera per l’impegno sociale a Giobbe Covatta, del Premio al Miglior Format di formazione e informazione culturale, Report di Rai3, del Premio al Regista teatrale che meglio ha legate arte e terapia, Claudio Jankowski, e del Premio al Miglior Giovane Esordiente a Francesco Chiatante;  premio per la Rivalutazione territoriale e sociale attraverso la cultura dello sport al Presidente della S.S. Lazio Claudio Lotito  Inoltre verrà presentato alla stampa il Primo Numero della neonata rivista culturale Les Restes Culturels  Segue aperitivo e degustazione dei prodotti tipici della Tuscia offerto dalla Direzione del M.A.F.

Mediapartner del presente Progetto è Lazio Style Radio che seguirà in diretta l’intero svolgersi del Festival.
Hashtag: #MAF #montefiasconeartfestival #montefiascone #outoutmagazine #cultura #art #LesRestesCulturels l #MAF #MontefiasconeArtFestival #Outoutmagazine  #lanternamagica

Costo: Ingresso GRATUITO
Informazioni: officinadarteoutout@gmail.com  - 3289334464 ; 3389562627
Indirizzo: Piazzale Urbano V - Montefiascone (VT)
Sito di riferimento: www.artinconnesione.com
__________________________________________________________________________

"AGORÀ - TEATRO E MUSICA ALLE RADICI"
Sesta Edizione

ANFITEATRO DI VIA BOMBICCI A PIETRALATA - Roma
dal 10 al 30 settembre  2017, vari orari 


Torna per il sesto anno consecutivo, per le strade della Capitale, la Rassegna “Agorà – Teatro e Musica alle radici”. Sei le date all'interno della manifestazione Estate Romana, finanziata dal Comune di Roma Capitale e con un contributo della Regione Lazio. Diversi gli eventi a cui sarà possibile assistere, anche partecipando attivamente, dal 10 al 30 settembre, presso l’Anfiteatro ‘Colosseo di Pietralata’, sito in via Luigi Bombicci.
Da ormai sedici anni, l’associazione culturale Il NaufragarMèDolce porta lo spettacolo dal vivo fuori dai consueti spazi teatrali e musicali, realizzando una serie di eventi nelle periferie storiche di Roma.Da sei anni “Agorà” è il festival che anima l’estate romana nella periferia est della Capitale.
Quest'anno una novità: il lancio di un progetto triennale, che ogni anno avrà al suo centro un tema diverso affrontato in maniera differente in ogni performance. Il tema scelto per il 2017 è ‘Linguaggi e mondi possibili’. Ci mostrerà la complessità dei rapporti umani, la loro dimensione, l’incontro e il fondersi delle diverse culture. La rassegna “Agorà” ha lo scopo di far diventare il teatro strumento di conoscenza, impegno sociale e integrazione, l’arte come finestra su un mondo lontano attraverso le realtà di casa nostra. Un insieme di spettacoli, eventi e proposte artistiche all'insegna dell'esplorazione e della ricerca che si inserisce nel territorio e lo fa parte integrante dello spettacolo stesso.

In scena si alterneranno, tra gli altri, artisti del calibro di Raiz degli Almamegretta che, con il suo concerto, apre formalmente la rassegna; Lucilla Galeazzi, tra le più grandi cantanti di musica popolare italiana ed europea, madrina di Agorà fin dalla prima edizione; Chiara Casarico e Tiziana Scrocca, attrici, autrici, registe e fondatrici dell’associazione Il NaufragarMèDolce.

Laboratori di canto, danze popolari, teatro e yoga, con percorsi e giornate dedicate, stimoleranno la partecipazione e il coinvolgimento attivo degli spettatori.

QUESTA SETTIMANA:
 >>> sabato 16 settembre
19:00 ARTI VARIE: “CLOWNDROID”
regia Anna Rizzi (Movimento Comico)
20:00 PERCORSI: “ROMA POPOLARE itinerari di altro turismo”
a cura di Tiziana Scrocca, con Jessica Bertagni, Consuelo Casu Di Gaetano, Maria Chiara Russo, Danilo Turnaturi
20:30 TEATRO: “Zit 2.0 – LA VENDETTA”
Chiara Casarico e Tiziana Scrocca

>>> domenica 17 settembre
18:00 LABORATORI: Canti di lotta e di passione
a cura di Chiara Casarico (Coro Pettirossi da Combattimento, San Lorenzo)
19:00 LABORATORI: Danze popolari internazionali
a cura di Lucrezia Lo Bianco (Folk Atelier Reggio Emilia)
20:00 LABORATORI: Performance Teatro “Don Chisciotte”
a cura di Tiziana Scrocca (Laboratorio teatrale Arteatrando dell’Associazione dei genitori, Scuola San Cleto)
21:00 TEATRO: “LE CITTÀ INVISIBILI” - The way to the Indies

Costo: Ingresso LIBERO
Informazioni e prenotazioni:  info@ilnaufragarmedolce.it - 328 0677440 
Indirizzo: Via Luigi Bombicci - (Pietralata) Roma
Sito di riferimento www.ilnaufragarmedolce.it
__________________________________________________________________________
LIBRI

Presentazione del Libro

"VITE INFINITE MEMORIE AD ACCESSO CASUALE DI UN VIDEOGAMER"
di DIEGO K. PIERINI
EDIZIONI ULTRA

GIARDINO DI MONK monkclubroma - Roma
Giovedì 14 settembre,  ore 19.30 

Modera la presentazione il giornalista Alfredo Angelici. 
Ospiti: il musicista Roberto Angelini e l’autore e musicista Emanuele Martorelli,  indirettore di Starmale.net
All'interno dello spazio postazioni retrogaming per rivivere le emozioni con gli storici giochi che hanno segnato la storia del videogioco. 

Questo libro non è un romanzo né un semplice saggio, ma un diario atipico, minuzioso e a suo modo profondamente intimo che mescola impressioni, spunti di riflessione, nostalgie, ricordi personali e molta ironia per parlare di uno dei più grandi fenomeni intergenerazionali dell’era moderna: il videogame.

IL LIBRO Leggere questo libro significa indossare di nuovo, magicamente, i panni di un ragazzino degli anni Settanta. Uno di quelli (tutti, più o meno) che da un giorno all’altro si sono trovati di fronte a una sconosciuta tecnologia aliena fatta di schermi luminosi, manopole e fessure avide di monetine. Catapultati in una dimensione alternativa ricolma di enigmi, mostri di fine livello, genitori apprensivi e vite extra. Sarete protagonisti di un’avventura lunga oltre tre decenni che ha finito per influenzare settori artistici come quello cinematografico e musicale. Vite Infinite è lo specchio delle passioni di un qualsiasi adolescente cresciuto negli anni ottanta che ha fatto del “video” il suo mondo: chi già era appassionato di cinema viene quindi, inevitabilmente, attratto dalle storie e dai personaggi avventurosi dei videogame. Vite intense, piene di ostacoli e obiettivi da raggiungere. E così i due mondi cominciarono ad influenzarsi in un mutuo scambio di codici formali ed estetici: i videogiochi si trasformano in narrazioni coinvolgenti e cariche di suspense fino agli interactive movie degli anni novanta e alle attuali superproduzioni il cui immaginario si avvicina sempre di più a quello dei film e delle serie, mentre i film si appropriano di ritmi e stili tipici dei videogame ma anche di supereroi e ambientazioni artificiali.

Costo: Ingresso LIBERO
Informazioni sul libro: Edizioni Ultra – 192 pp. – 15 € 
Indirizzo: Via Giuseppe Mirri, 35 - Roma
Sito di riferimento: www.monkroma.it
__________________________________________________________________________
ARTE

INAUGURANO...

"THE TIMELESS DANCE. Beyond the Mountains"
di MAO JIANHUA

COMPLESSO DEL VITTORIANO  ALA BRASINI - Roma
dal 13 al 26 settembre  2017,  dal lunedì al giovedì 9.30 – 19.30; venerdì e sabato 9.30 – 22.00; domenica 9.30 – 20.30.
SOTTO L’EGIDA DELL’ISTITUTO PER LA STORIA DEL RISORGIMENTO ITALIANO E CON IL PATROCINIO DELLA REGIONE LAZIO E DI ROMA CAPITALE 

Approda  al Complesso del Vittoriano - Ala Brasini di Roma la prima tappa della mostra The Timeless Dance. Beyond the Mountains, un viaggio fantastico alla scoperta delle opere e dell’universo di valori di Mao Jianhua, imprenditore a lungo impegnato a livello internazionale che, una decina di anni fa, ha saputo dare una svolta alla propria esistenza avviando un intenso percorso d’indagine dei fondamenti culturali e spirituali di certa tradizione cinese.
Le sue opere che scandiscono un percorso a spirale, in sette tappe, suddiviso per concetti ed emozioni: tutte eseguite con pennello e inchiostro su carta di cotone fatta a mano.

Gestione e organizzazione Complesso del Vittoriano - Ala Brasini: Arthemisia. - Organizzazione e coordinamento generale: Roberta Cardinali

Costo: Ingresso LIBERO(consentito fino ad un’ora prima delle chiusura)
Indirizzo: San Pietro in Carcere - Roma
Sito di riferimento: www.ilvittoriano.com
__________________________________________________________________________

PROSEGUONO...

SALA BLU presenta
"HEARTS  EXHIBITION BY 31 WOMEN" di LAURA PENNA
MOSTRA FOTOGRAFICA PERSONALE
a cura di Rossana Calbi
con la collaborazione di Linda De Zen

GALLERIA LA CLESSIDRA BLU - Roma
dal  9 al 30 settembre 2017, orario apertura: dal martedì al sabato 16.00  23.00

Lo spazio espositivo SALA BLU inaugura la stagione espositiva 2017-18 con il progetto fotografico di Laura Penna: heArts.
31 donne forti nell’arte, nello sport, nella musica e nel teatro, fotografate da un’altra donna: Laura Penna. 31 scatti diversi perché ogni volto, espressione, 
sentimento e volontà merita di essere analizzata e studiata dallo sguardo della fotografa che interpreta per raccontare.

heArts 
 Exhibition by 31 Women ha una chiara ispirazione: Peggy Guggenheim, un’altra donna!
Nel 1942 la collezionista, curatrice e miliardaria americana di origini svizzere, inaugura la galleria newyorkese Art of This Century, e dal 5 gennaio al 6 febbraio 1943, dietro consiglio di Duchamp, la Guggenheim presenta 31 Women, un omaggio all’arte al femminile. Un’esposizione che conobbe anche molte critiche, il 
«Time» non se ne volle neanche occupare, e che quest’anno ha ricevuto l’omaggio della stilista Jenny Packham che le ha dedicato un’intera collezione.
heArts è una citazione della fotografa Laura Penna a un progetto che è stato trasformato in un nuova storia, con nuove protagoniste: le 31 donne italiane che per forza e caparbia hanno colpito l’immaginario della fotografa romana sono diventate le protagoniste di heArts la mostra che sarà ospitata presso SALA BLU dal 9 al 30 settembre.

Il progetto non si è limitato ai molteplici scatti fotografici, gli incontri di Laura sono diventati nuovi legami, la mostra fotografica si è arricchita delle opere delle artiste ritratte: Beatrice Bogoni, Martina D’Anastasio, Gerlanda Di Francia, Silvia Faieta, Zoe Lacchei e Francesca Pizzo. Le artiste visive hanno voluto disegnare con Laura il loro percorso non esponendo solo i loro volti ma presentando anche ciò che creano.

Durante la mostra, venerdì 22 settembre, dalle ore 19.00, l’artista Gerlanda Di Francia realizzerà un live painting prima della presentazione di Aurora nel buio di Barbara Baraldi, edito da Giunti editori. 

I volti di heArts sono di Barbara BaraldiBirthhBeatrice BogoniFrancesca BonoAlice CaligiuriMimosa CampironiMartina D’anastasioIlaria D’AngelisGerlanda Di FranciaVera Di LecceSarah DietrichClaudia DucaliaSilvia FaietaValentina FarinaccioChiara GamberaleGiunglaIo e la TigreZoe LaccheiSara LoreniMarianne MirageAndrea MiròErica MouNadaIlenia  PastorelliAlessandra PernaFrancesca PizzoElisa PucciVeronica RaimoMarina ReiVerano e Margherita Vicario.

Costo: Ingresso GRATUITO
Informazioni: //
Indirizzo: Via del Teatro Pace, 3 - Roma
Sito di riferimento: www.facebook.com/laclessidrasalablugallery
__________________________________________________________________________

"EXTINCTION Anteprima di una grande mostra dedicata all'estinzione"
&
"GODZIL-LAND Un viaggio fantastico dal MONDO PERDUTO a JURASSIC PARK"
esposizione curata da Fabrizio Modina

MONASTERO DI SAN BENEDETTO - Gubbio
sino al 1 ottobre 2017, orari vari.

Gubbio, 31 marzo 2017 – I dinosauri si sono davvero estinti?
Questa la domanda che lega come un filrouge le due mostre, Extinction. Anteprima di una grande mostra dedicata all'estinzione e Godzil-Land.
Un viaggio fantastico dal MONDO PERDUTO a JURASSIC PARK , che apriranno i battenti sabato 1 aprile 2017 alle ore 10 presso l'ex Monastero di San Benedetto a Gubbio, location vocata alla divulgazione scientifica, in un contesto geologico davvero unico e straordinariamente pertinente: la Gola del Bottaccione. 

La mostra Extinction , realizzata da Geomodel di Mauro Scaggiante in collaborazione con il Comune di Gubbio, curata dai paleontologi Simone Maganuco e Stefania Nosotti, si presenta al pubblico con un'anteprima di una grande mostra dedicata all'estinzione, e si racconta in due sezioni. Preistoria e avanguardia dialogano con l'obiettivo di restituire scientificamente la vicenda racchiusa nelle stratificazioni rocciose della Gola del Bottaccione, a Gubbio: la drammatica estinzione di massa, verificatasi sessantasei milioni di anni fa, la più celebre tra quelle che hanno scandito il tempo geologico, originata dalla caduta sulla Terra di un enorme meteorite e che ha provocato la scomparsa anche dei giganteschi dinosauri non-aviani, dominatori del Mesozoico, vere e proprie icone della Preistoria come il tirannosauro e il triceratopo. Ma non è tutto: Extinction va oltre, e indaga sulla possibilità di riportare in vita un dinosauro tra le teorie di John R. «Jack» Horner, curatore scientifico della celeberrima saga di Jurassic Park , e le ricostruzioni iperrealistiche di dinosauri e altri animali estinti, frutto del lavoro sinergico tra paleontologi e paleoartisti, perfettamente esplicitato dalla sezione Making of , dalla pannellistica e dai video. C'è un altro luogo in cui i dinosauri continuano ad esistere, sfuggendo in qualche modo alla loro estinzione, quello dell'immaginario collettivo e della fantasia, che ci viene proposto da Godzil-Land.

Un viaggio fantastico dal MONDO PERDUTO a JURASSIC PARK , esposizione curata da Fabrizio Modina, realizzata anch'essa in collaborazione con il Comune di Gubbio, in un percorso tra  letteratura, fumetto, cinema, televisione, arti figurative e musica, presentando una straordinaria selezione di materiali provenienti da collezioni private e musei, tra cui manifesti, fotografie, proiezioni, toys e molto altro ancora. Godzil-Land è una mostra nella mostra, che in un viaggio tra fantasia e fantascienza si propone di indagare il fascino dei dinosauri come assoluti protagonisti della Pop Culture e la loro costante presenza nella nostra quotidianità. Le ricostruzioni strettamente scientifiche dei paleontologi si affiancano alle produzioni fantasiose della cultura di massa, trovando un comune denominatore nell’attrattiva che entrambe esercitano sul grande pubblico e nella risonanza di cui godono presso i mass media.

A completamento di queste straordinarie esposizioni, che saranno visitabili fino a domenica 1 ottobre 2017, sono previste numerose giornate-evento che spazieranno da workshop a conferenze divulgative, da laboratori a visite guidate oltre a proporre una ricca offerta didattica rivolta alle scuole; organizzazione e ideazione a cura di Anna Giamborino, geologa e Presidente della neonata Associazione Paleontologica Paleoartistica Italiana.
Accedendo alle mostre sarà inoltre possibile visitare la Quadrisfera di Paco Lanciano. I dinosauri si sono davvero estinti? Venite a scoprirlo.

Costo: vedi Sito
Indirizzo: via del Perilasio 2, Gubbio
Sito di riferimento: www.dinosauricarniossa.it
__________________________________________________________________________

"GUERRE STELLARI – PLAY. La mostra sulla saga che ha sedotto tre generazioni" 
a cura Fabrizio Modina

PORTO ANTICO DI GENOVA, MAGAZZINI DEL COTONE - MODULO1 - Genova
sino al 15 ottobre 2017, vari orari

PROROGATA SINO AL 15 OTTOBRE 2017

Dopo il grande successo ottenuto al Complesso del Vittoriano - Ala Brasini di Roma, arriva ai Magazzini del Cotone del Porto Antico di Genova - in una versione più ricca e interattiva - la mostra dedicata all’affascinante universo di Guerre Stellari – Play, un mito assoluto che ha incantato tre generazioni dal 1977 a oggi.
Oltre 1000 pezzi tra modellini, action figures e stampe d’epoca - alcune esposte per la prima volta in Italia - raccontano ai visitatori le scene e i personaggi più indimenticabili di un mondo che ancora oggi seduce e appassiona a livello globale.
A distanza di 40 anni dalla prima uscita nelle sale del primo film della saga (anniversario che sarà celebrato a maggio 2017), si conferma l’importanza mediatica di un fenomeno divenuto parte integrante della cultura popolare mondiale, della quale questa mostra rappresenta una delle molteplici sfaccettature, unica esposizione al mondo a narrare le pellicole attraverso il merchandising.

Guerre Stellari – Play. La mostra sulla saga che ha sedotto tre generazioni si focalizza sull’aspetto ludico della leggendaria narrazione, utilizzando una selezione attinta dall’infinita produzione - partita nel 1977 - di merchandising a marchio Kenner (ora Hasbro) e che , curatore della mostra e uno dei massimi collezionisti mondiali di toys fantascientifici, mette a disposizione del grande pubblico.
Ai più classici toys sono affiancati rarissimi pezzi vintage da collezione quali costumi, accessori, caschi e armi che, in scala reale, ricostruiscono con accurata presenza scenica quell’universo di valori e stereotipi che sono andati oltre il cinema per divenire icone universali.

Con il patrocinio del Comune di Genova e da un’idea di Kornice, è prodotta e organizzata dal Gruppo Arthemisia ed è curata da Fabrizio Modina.
L’evento vede come sponsor Generali Italia e media partner Il SecoloXIX e Radio Babboleo.

Costo: vedi Sito
Indirizzo:  Calata Molo Vecchio, 15 - Genova
Sito di riferimento: www.centrocongressigenova.it
__________________________________________________________________________

INCONTRI

"LA DANZA DELLA MEDITAZIONE E LO YOGA DEL MOVIMENTO"
La via tibetana alla salute e al benessere

CASA INTERNAZIONALE DELLE DONNE Chiostro  -  Roma
17 settembre 2017, dalle 16.00 alle 20.00

Interverranno:
Gino Vitiello – medico e psicoterapeuta
Christiane Rhein – insegnante di Danza del Vajra
Annamaria Moscatelli – psicologa
Sergio Quaranta – istruttore di Yantra Yoga

Una giornata, suddivisa in sessioni teoriche e pratiche, all’insegna dello Yoga tibetano, della meditazione e della Danza per il beneficio degli Esseri, come importanti strumenti per migliorare la qualità della vita e incrementare la salute fisica e mentale.
La padronanza del corpo, la conoscenza della mente e dei flussi energetici controllati dal respiro sono gli obiettivi di ogni tipo di yoga e di ogni forma di meditazione. Quelli sviluppati in Tibet offrono tecniche originali, rimaste inalterate fino ad oggi, capaci di garantire salute e benessere.

Lo Yantra Yoga o Yoga del Movimento è un sistema di pratica introdotto in Tibet nell’VIII secolo d.C. dal grande maestro Padmasambhava e messo per iscritto, nello stesso periodo, dallo studioso e maestro Vairocana autore del testo “L’Unione del sole e della luna”.
Questo testo è il più antico documento riferito allo yoga che nella tradizione, utilizza movimenti armonici legati a diversi aspetti della respirazione in modo da ottenere benefici non solo a un livello fisico, ma anche energetico e mentale.
Considerato un vero e proprio cammino spirituale e un importante strumento di conoscenza, lo Yantra Yoga è una disciplina che porta benessere sin dal primo approccio, molto efficace per ristabilire l’equilibrio a livello energetico, specialmente quando si è soggetti a stati di stress, ansia e panico.

La Danza del Vajra è una forma di meditazione unica il cui scopo è armonizzare l’energia dell’individuo. La dolcezza nell’esecuzione e l'immediatezza dell’esperienza sono caratteristiche del sentiero dello Dzogchen.
In tutte le tradizioni buddhiste lo scopo delle diverse forme di meditazione e contemplazione è approfondire la conoscenza della propria mente.

A partire dal 18 settembre il centro Zhenphenling propone una settimana di classi gratuite e aperte a tutti.

Programma dettagliato
PRIMA PARTE – ore 16,00
Introduzione:
- Zhenphenling , ovvero il centro della Comuntà Dzogchen di Roma- Significato del nome - Dove si trova - Cos'è
- Chogyal Namkhai Norbu (Professore universitario e Maestro di DzogChen)
- Nozioni base dell'insegnamento DzogChen
Conferenza:
- Gino Vitiello - Conoscere il corpo, coordinare l’energia, allenare la mente
- Sergio Quaranta - lo yoga tibetano del movimento, un momento esperienziale
PAUSA
SECONDA PARTE - 18,15
- Annamaria Moscatelli  - Imparare a meditare, imparare a conoscere la mente
- Christiane Rhein - Quando meditare diventa una danza
- In chiusura dell’evento le Danza del Vajra: danze popolari tibetane

Informazioni: INGRESSO LIBERO(sino ad esaurimento posti)
Informanzioni: posta@zhenphenling.it - 334 7860563
Indirizzo: via San Francesco di Sales, 1a  - Roma
Sito di riferimento: www.zhenphenling.it
__________________________________________________________________________

Kirosegnaliamo esce all’inizio di ogni settimana, chi volesse darci comunicazione di eventi con rilievo artistico-culturale può scriverci a kirolandia@gmail.com oppure info@kirolandia.com,  entro la domenica precedente, specificando chiaramente la richiesta di segnalazione, provvederemo previa specifica selezione all'inserimento …