MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | fridaartes | privacy e cookie
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge VeraKira

venerdì 4 maggio 2018

La ricchissima stagione 2018/2019 del TEATRO QUIRINO VITTORIO GASSMAN, spettacoli coinvolgenti e iniziative pregevoli

autrice: Mirella Angelelli (MireKira)  





Il Teatro Quirino Vittorio Gassman presenta il suo nuovo cartellone e sorprende da subito il pubblico con il suo affascinante logo che invita tutti, con ironia ed eleganza, ad una stagione 2018/2019 densa di spettacoli interessanti e coinvolgenti, e di iniziative tutte pregevoli.

Il più antico teatro di Roma, si prepara sin da ora a festeggiare i suoi futuri 150 anni dalla nascita (1871-2021) e già si parla delle tantissime attività che continueranno a renderlo sempre più fruibile alle molte tipologie di spettatori di tutte le età.

I direttori artistici Geppy Gleijeses e Guglielmo Ferro presentano in anteprima ai giornalisti, ai blogger ed al pubblico la ricchissima programmazione che varia dalle rappresentazioni impegnate, a quelle divertenti  ed anche dissacranti.
Tanti gli attori e i registi intervenuti  alla conferenza stampa  dalle cui parole emerge sempre l'attualità delle opere proposte e l'originalità delle regie anche quando si parla di mettere in scena classici come Pirandello, sempre moderno nelle sue dinamiche e nell'analisi della società, sino a Cechov, Hugo, Brancati e Palazzeschi. Molti anche gli spettacoli,  tratti da film di successo, che nella loro varietà potranno soddisfare la sensibilità e gli interessi di tutti.


Ben 15 gli importanti titoli, dal trittico pirandelliano "Il Fu Mattia Pascal", "Sei personaggi in cerca d'autore" ed "Il berretto a Sonagli", la ripresa del campione d'incassi della scorsa stagione  "Sorelle Materassi",   il musical "Viktor und Viktoria" ma anche "I Miresarabili", "La governante", il "Gabbiano" e "Otto donne e un mistero", questi alcuni rilevanti esempi pronti ad impreziosire il palcoscenico dello storico teatro.

Molti i nomi che calcheranno le scene tra cui in ordine di apparizione Giovanna Ralli, Giuseppe Pambieri, Paola Quattrini, Cochi Ponzoni, Franco Branciaroli, Daniele Pecci, Rosario Coppolino, Michele Placido, Lucia Poli, Milena Vukotic, Marilù Prati, Sebastiano Lo Monaco, Marina Biondi, Massimo Ghini, Geppy Gleijeses, Marisa Laurito, Benedetto Casillo, Veronica Pivetti, Marianella Bargilli, Francesco Bonomo,  Maurizio Donadoni, Ralph Palka, Gianluca Ramazzotti, Emanuele Salce, Silvia Siravo, Ornella Muti, Enrico Guarneri, Massimo Ranieri, Anna Galiena, Debora Caprioglio, Paola Pitagora, Gigio Alberti, Filippo Dini, Giovanni Esposito, Valerio Santoro, Gennaro Di Biase e tanti altri.
E tanti i registi di grande rilievo: Patrick Rossi Gastaldi, Franco Però, Guglielmo Ferro, Michele Placido, Geppy Gleijeses, Sebastiano Lo Monaco, Massimo Ghini, Emanuele Gamba, Julien Sibre e Virginia Acqua, Giancarlo Sepe, Marcello Cotugno.

Ma il Teatro Quirino Vittorio Gassman, vuole dare ancora di più, ed anche quest'anno ci sarà la rassegna pomeridiana di proiezioni "Dal palco allo schermo" a cui verrà abbinata una vera chicca, la degustazione di Tè.

Notevole soprattutto lo sforzo per avvicinare i giovani al teatro con "Il Sogno italiano", ovvero mattinée e pomeriggi tutti dedicati alle scuole e all'università, protagonisti gli uomini e le donne che hanno lasciato un segno nella storia del Belpaese.  Nella stessa saranno avviati laboratori di lettura, scenografia, costume anche per i diversamente abili, perché l'arte è sempre salvifica.

Con tanta bellezza proposta non ci resta che applaudire forte a tutti coloro che, con grande passione, lavoreranno alla prossima stagione del  Teatro Quirino Vittorio Gassman di Roma, sino a renderlo quel luogo di riferimento e aggregazione per tutte le cittadine e i cittadini che amano lo svago culturale.

- Mirella Angelelli -