MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | fridaartes | privacy e cookie
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge VeraKira CeresKira

giovedì 19 marzo 2020

IL GIORNO CHE IL TEMPO RICOMINCIÒ… #iorestoacasa

Autrice: Raffaella Ceres (CeresKira)




Mi piace immaginare che il mese di Marzo 2020 possa venir ricordato, fra tanto tanto tempo, come il mese delle fiabe. Delle fiabe raccontate, suonate, sognate e inventate. Tutto questo grazie a un virus. Un virus malvagio che le fiabe cercano di sconfiggere con le loro parole di rinascita e di speranza.

Il Covid-19 ci ha colti davvero alla sprovvista. Voglio provare a tradurre questa situazione pensando che il Coronavirus ci abbia offerto una possibilità. Come accade nelle fiabe. Questo ospite indesiderato ci ha consegnato la possibilità di stare. Nella frenetica corsa che stava ingoiando in un vortice tutto e tutti, siamo ora costretti a fermarci, rivalutando il significato etimologico del verbo stesso: le parole sono importanti.

Trattenersi e non, semplicisticamente, (in)trattenersi per riappropriarci del tempo senza far nulla, dell’ozio, e anche della noia. La noia, considerata quasi un nemico da sconfiggere quando, soprattutto a livello educativo, è uno strumento importante per entrare in comunicazione con noi stessi e con le nostre emozioni. Anche quelle etichettate erroneamente come scomode.

Questa pandemia, situazione instabile e del tutto inusuale, ci offre la possibilità di stare sull’osservazione e sulla riscoperta. Di chi abbiamo accanto, di chi vorremmo accanto e di chi ci siamo dimenticati. Stare sulle nostre emozioni. Ci offre e la possibilità di cambiare, possibilmente in meglio. Di avere cura per un mondo fatto di persone che, nonostante tutto, amiamo.


Stare nel coraggio di dire no. Di non accettare passivamente quello che ci accade ma di essere artefici della meraviglia delle nostre giornate. Stare su di un futuro che è tutto da riscrivere e sarà faticoso ma, affidato a mani innocenti: quelle dei bambini e dei ragazzi che oggi più che mai non ascolteranno le nostre parole ma osserveranno a loro volta il nostro quotidiano.

È una prova che prevede sacrifici importanti e, in questa fiaba, vorremmo scrivere che tutti vissero poi felici e contenti ma non sarà così e la vera rinascita starà, anch’essa, nella capacità di mettere il Noi al posto dell’Io per aiutare le tante persone che avranno bisogno.

La mia rubrica “Non chiamateli piccoli” dedica queste riflessioni a tutte le famiglie incontrate in questi mesi a teatro e a quelle che ancora dovrò incontrare e, si trasforma per qualche tempo in uno spazio di condivisione per testi da leggere insieme.

 Per i più grandi (direi dai 9 ai 100 anni e più) il libro che vi dedico è “Momo” di Michael Ende. Un romanzo di rara bellezza che, insieme alla naturalezza della sua protagonista, ci insegna a combattere gli Uomini Grigi e tutti coloro che ci “rubano” la preziosità del tempo.

 Per i campioni dai 6 ai 9 anni è impossibile non leggere “Un grande giorno di niente” della fantastica Beatrice Alemagna. “Devi proprio stare lì tutto il giorno a non far niente?”: provate a chiedervelo dopo aver letto questo poetico albo illustrato.

 Ai più piccoli, dai 3 ai 6 anni, dedico il divertente “Le favole a Rovescio” di Gianni Rodari perché, ogni favola è un gioco da costruire intorno alla nostra fantasia, senza fretta.

 E se ci fossero con voi dei lettori in erba sotto i 3 anni, fatevi un regalo e permettetevi di meravigliarvi insieme ai “Pre-libri” di Bruno Munari.



LA SCINTILLA
Pensare come i grandi. Immaginare come i più piccoli. Il teatro ci insegna che…

Cosa si può fare di altro con queste stupende storie, oltre a leggerle fermando il Tempo? Proviamo a trovare un momento di condivisione per ognuno di questi libri.

Momo: al termine del romanzo fate un bel respiro e… scrivete su un foglio il nome di 10 persone alle quali regalare un sorriso e poi, fatelo senza perder tempo!

Un grande giorno di niente: andate, insieme a mamma e papà, a caccia dei vostri giochi dimenticati. Fatene un bellissimo disegno e scrivete perché vi piacevano tanto. Poi, chiudete il disegno in una busta e riponetelo in un posto segreto e sicuro. Quando sarete grandissimi quel disegno vi racconterà una storia dimenticata.

Le favole a Rovescio: prendete una scatola delle scarpe e fatela diventare una scatola magica. Pitturatela, coloratela, attaccatevi sopra pezzetti di carta colorati, o scottex, carta igienica…tutto quello che vi piace! Poi, disegnate e ritagliate tutti i personaggi delle vostre fiabe preferite insieme a mamma e papà. Quando saranno pronti, riponeteli nella scatola e--, a occhi chiusi, pescate e mescolate i personaggi due alla volta e inventate storie nuove e anche un po’ buffe!

I Libri illeggibili di Bruno Munari sono essi stessi un laboratorio sensoriale e di scoperta. Lasciatevi trasportare dalle sensazioni: basta semplicemente questo.



“Il mondo intero è un grande racconto e noi abbiamo la nostra parte” Momo.


 - Raffaella Ceres -
_KIROLANDIA®_