MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | VIDEO | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira VirusKira ManuKira AttiroKira Krouge ChiKira VolpocaKiro MireKira

martedì 23 febbraio 2010

LA CATTEDRALE DEL MARE di Ildefonso Falcones

Ho letto “La cattedrale del mare” di Ildefonso Falcones e voglio raccomandarlo a tutti voi perché la trama – benché si dipani lungo un arco di tempo molto ampio e sia piuttosto articolata – vi terrà letteralmente incollati a queste 634 pagine!



La storia ha inizio nella Barcellona del XIV secolo dove vive Arnau, figlio di un servo fuggiasco che per tale condizione dovrebbe essere condannato ad un futuro di miseria e sopraffazione e che invece, grazie al suo carattere volitivo e generoso, saprà cambiare il proprio destino.
Sullo sfondo delle ora drammatiche e ora felici vicende personali del protagonista e di tutti i personaggi che gli gravitano attorno, la capitale catalana in pieno fermento: all’ascesa del ceto borghese, che rappresenta la modernità, si contrappone l’influenza, al suo apice, dell’Inquisizione che non agevola la convivenza tra musulmani, ebrei e cristiani e che vorrebbe lasciare la popolazione nel suo rassicurante stato di ignoranza e pregiudizio.
La vita di Arnau è all’ombra della chiesa di Santa Maria del Mare e il lento progredire della sua costruzione, alla quale lui partecipa fattivamente, sarà il cardine della sua esistenza, fino alla fine…

A mio parere, questo libro è semplicemente bello e spero che, per voi, leggerlo possa essere ugualmente un’esperienza interessante.

Se volete leggere LA CATTEDRALE DEL MARE è stato edito nel 2007 da LONGANESI

Non leggete “Ogni cosa è illuminata” di Jonathan Safran Foer: l’ ho iniziato un mese fa e sto ancora cercando di venirne fuori!!

di
Silvia Di Giambernardino
(BreeKira)

Nessun commento:

Posta un commento