MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | VIDEO | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira VirusKira ManuKira AttiroKira Krouge ChiKira VolpocaKiro MireKira

lunedì 3 ottobre 2011

LOTTA VIDEO/SOCIALE in una Italia decadente



Indagine fenomenologica contemporanea nell’ambito della musica e del video che lo supporta. 


Per tutta l’estate ho cercato una nuova ispirazione.

Il nostro paese offre agli occhi increduli del mondo e dei suoi attoniti abitanti uno spettacolo poco decoroso.  Le vicende, non solo politiche, si intrecciano e sfociano sempre più in episodi scandalosi.
L’arte di fronte a questa depressione socio-culturale non si  ferma  e, come un rigurgito culturale nato dal profondo, ne trae nuova forza.
Ecco così la mia nuova indagine fenomenologica su un Italia decadente o forse già decaduta e sulla lotta sociale fatta a colpi di VIDEO musicali!

Molti artisti, anche profondamente diversi tra loro sia per stile che per genere, denunciano, raccontando in note, il dilagante fenomeno di mal costume.


Carmen Consoli  attraverso una sua personale metamorfosi propone per la canzone “AAA cercasi”,  un video che mette in risalto lo stereotipo della donna oggetto nella nostra società pesudomoderna.
Tra travestimenti trash ben riusciti e adeguate interpretazioni la “cantantessa” catanese si muove dentro immagini intrise di superficialità volgare ed effimera, in una rappresentazione dello spaccato quotidiano visto con gli occhi della casalinga attraverso il tubo catodico quasi fosse una soap opera, di cui lei si nutre voracemente.
La sintesi è perfettamente riuscita infatti la potenza del connubio video/canzone non ha subito nessuna mutazione anche nella nuova versione “rivestita” con arrangiamento elettro-Rock.


Con la stessa finalità l’ormai avvezzo alla denuncia sociale Immanuel Casto, decide di dare il suo decisivo contributo.
Il video della canzone “Escort 25” propone istantanee di un mondo a cui lo stesso Casto ci ha iniziati, il tutto supportato da testi spinti ,diretti ed irriverenti degni del principe del Porn Groove.
Le immagini del video sono allusive quanto basta e le sonorità elettroniche vagamente retrò rendono perfettamente l’idea: un paese in declino ed in preda alla mercificazione di tutto, ma proprio tutto, corpo compreso!
D’altronde cos’è più oscena una politica escortiana o la sua rappresentazione!?


Altro illustre artista da sempre dedito alla lotta è Caparezza, anche lui con la canzone “Legalize the Premier”, dice la sua!
Nel video le allegre sonorità reggae contornano i brindisi e i festeggiamenti dei potenti inquisiti che incuranti delle proteste popolari sfuggono a ciò che dovrebbe essere uguale per tutti: la legge.
Una classe dirigente auto referenziata, cerca la sua assoluzione tra bollicine di champagne e cascate di soldi.


Non possiamo che applaudire l’ironia e l’acuta critica che viene mossa da questi  autorevoli artisti socialmente utili ad un Italia forse già decaduta.




Se consideri questo post  interessante scrivi un commento, vota le stelline e clicca mi piace! 
Diventa fan della nostra pagina fb!  Iscriviti al gruppo fb!  Seguici su tw! 

Nessun commento:

Posta un commento