MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | VIDEO | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira VirusKira ManuKira AttiroKira Krouge ChiKira VolpocaKiro MireKira

sabato 18 marzo 2017

GIOVANNI BOLDINI al Complesso del Vittoriano di Roma

autrice: Mirella Angelelli (MireKira)  





Il 4 Marzo 2017 è stata inaugurata a Roma presso il COMPLESSO DEL VITTORIANO Ala Brasini, la mostra GIOVANNI BOLDINI,  a cura di Tiziano PanconiSergio Gaddi.

Il pittore ferrarese anticonformista, che sposò ad 80 anni una giovanissima dama, colto e raffinato, non bello, non alto, dotato di una forza d'attrazione magnetica non comune, re dei salotti parigini degli aristocratici e dell'alta borghesia affascina le dame, le ritrae e sa rappresentare la belle époque dell'immaginario collettivo.

I 160 capolavori provenienti dall'Italia e dall'Europa raccontano il percorso dell'artista che, pur avendo contatti e amici di tutte le correnti europee di fine '800 e dei primi del '900, è libero nella sua espressione e sa raggiungere livelli altissimi attraverso una pennellata rarefatta che crea volumi ed immagini.


Maestro della trasparenza, non solo nell'uso dell'olio ma soprattutto con il pastello compie il miracolo di sfumature delicatissime: sguardi, incarnati, veli, ventagli, gioielli, le figure ci appaiono carnali, ma allo stesso tempo eteree ed irraggiungibili.

Nel suo atelier, le dame forse parlano, confessano i loro segreti più nascosti ed il pittore, attraverso il bianco, il nero e le sfumature leggere, ci rappresenta ciò che non appare, il mistero che le circonda. I dipinti ci guardano, rivelano fascino, sensualità, eleganza squisita, corpi giovani e flessuosi ci fanno sognare; nelle loro pose non statiche, il movimento appena suggerito dà allo spettatore, la sensazione di un prima o l'atteso di un dopo, lo sguardo è penetrante e misterioso e l'eleganza è raffinata. Quel mondo non appare più effimero e la donna è rappresentata nella sua totalità, un femminismo ante litteram.

Icona della mostra, eccezionale prestito, è il ritratto della "Regina di Sicilia", così chiamata dai siciliani, donna Franca Florio, definita dal poeta D'annunzio "L'unica...": l'incarnato del décolleté e del volto è di perla, ella si gira, volge lo sguardo sognante verso l'infinito, attira e suscita desideri, è la celebrazione della femminilità.

- Mirella Angelelli - 

Immagine a corredo: Giovanni Boldini, Ritratto di Donna Franca Florio, 1901-1924. Olio su tela, 221x119 cm, AMT Real Estate SPA in c.p.o







Nessun commento:

Posta un commento