MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | VIDEO | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira VirusKira ManuKira AttiroKira Krouge ChiKira VolpocaKiro MireKira

giovedì 29 luglio 2010

LA CITTA' DI DIO - CITY OF GOD - vivere e morire nelle favelas -



Questo film del  2002 è stato una grandissima sorpresa perché nonostante nasca da una produzione brasiliana, e sia il regista che il cast di attori erano sconosciuti al grande pubblico, è riuscito ad imporsi a livello internazionale.

 Infatti ha ricevuto 4 nomination agli Oscar, per la regia, la sceneggiatura, la fotografia ed il montaggio. Attraverso il sito Internet Movie Data Base (imdb.it), City of God è stato votato dal pubblico di tutto il mondo occupando così la diciottesima posizione tra i migliori film di sempre, per dare un termine di paragone è davanti a “Matrix” e “I soliti sospetti”.

Il film è ispirato al romanzo di Paulo Lins ed è ambientato in una favela brasiliana vicino Rio de Janeiro, chiamata appunto “la città di Dio”. La storia inizia negli anni 60 mostrando la crescita dei protagonisti all'interno di questa favela tra violenza, povertà, droga e corruzione, salvo qualche eccezione. La storia principale racconta il sogno di Buscapè, il vero protagonista del film, che vuole diventare un fotografo professionista, rimanendo distante dalle bande locali.
La storia non è originalissima, molti film si sono occupati della violenza nelle favelas, ma quello che rende la pellicola interessante è la regia di Fernando Meirelles, il quale riesce a trasmettere la frenesia dei vicoli intricati delle favelas (grazie alla steadycam), le inquadrature originali con primi piani inclinati o veloci messe a fuoco su dettagli. Molto valida è anche la tecnica del racconto, che rivela il percorso dei protagonisti attraverso continui flashback sulla loro infanzia.

Insomma sarà un copione un po' banale, ma fa capire com'è difficile in un posto del genere fare una scelta tra il bene e il male e soprattutto com'è facile nelle favelas superare quella sottile linea di confine tra l'essere un onesto cittadino e un bandito.

Per concludere posso dire che è un film assolutamente da vedere per tutti...ne vale la pena!

Scheda Film
Titolo orinale: Cidade de deus
Paese: Brasile
Anno: 2002
Regia: Fernando Meirelles
Sceneggiatura: Braulio Mantovani

di
Ezio Morbidelli (RoyalKiro)

Nessun commento:

Posta un commento