MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | VIDEO | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira VirusKira ManuKira AttiroKira Krouge ChiKira VolpocaKiro MireKira

mercoledì 23 febbraio 2011

INCEPTION tra sogno e realtà

autore: Ezio Morbidelli (RoyalKiro)


Questo film è arrivato in Italia dopo l'estate 2010, mi ha subito attirato per i mega incassi fatti negli USA e per le critiche molto positive sia giornalistiche che dei forum che si occupano di cinema.

Alla regia c'è Cristopher Nolan famoso per “Memento”, un film decisamente particolare per il modo in cui è costruito, e soprattutto per aver risollevato la saga di Batman grazie a “Batman begins” e “Il cavaliere oscuro” (è in lavorazione “Il cavaliere oscuro 2” in uscita nel 2012).

Raccontare il film non è semplice perchè spiegandolo si rischia di svelare dettagli che sono importanti e che lo rendono interessante. Comunque quello che si può dire è che il protagonista, Dom Cobb, interpretato da Leonardo Di Caprio, riesce ad entrare nei sogni delle persone per rubare i segreti dalla loro mente. Del suo team fanno parte il socio Arthur, Arianna (Ellen Page, la protagonista di “Juno”), un architetto che crea il mondo in cui si svolgono i sogni, Eames, un trasformista che riesce ad interpretare più personaggi nei sogni e Yusuf, un chimico che crea sostanze anestetizzanti.
Un ricco uomo d'affari giapponese, Saito, gli propone un lavoro più difficile, inserire nella mente di un suo rivale in affari l'idea di dividere l'impero finanziario di cui è a capo, fare un “inception”, appunto. Come ricompensa, oltre ai soldi, il magnate giapponese si impegnerà a far cadere le accuse contro di lui per la morte della moglie, consentendogli così di rientrare negli Stati Uniti e riabbracciare i figli.
Questa, a grandi linee, è la trama, ma come dicevo all'inizio questo film non si può raccontare senza dire troppo o troppo poco, l'unico suggerimento che posso darvi è di vederlo più volte per capire le piccole sfumature, i dettagli che lo rendono veramente intrigante.
Ovviamente gli effetti speciali sono di altissimo livello, specialmente nella prima parte del film e lasciano a bocca aperta.
Non ho mai amato Di Caprio (sarà per colpa di “Titanic”?) ma devo dire che migliora col tempo, anche se ha sempre quell'aria da eterno ragazzino, nonostante i suoi 36 anni.
L'attore non ha ricevuto la nomination agli “Oscar” 2011 mentre il film è stato candidato a ben 8 statuette, tra cui: miglior film, regia, sceneggiatura originale ed effetti speciali, quindi i più importanti.

Tra l'altro proprio in questi giorni esce in DVD, quindi fatevi un bel regalo se non l'avete già visto.

Nessun commento:

Posta un commento