MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge VeraKira

sabato 24 novembre 2012

LAWLESS di John Hillcoat e Nick Cave è poesia immortale


autore: Andrea Alessio Cavarretta (IppoKiro)


Recensione in anteprima del film LAWLESS      22 Novembre 2012, Cinema Quattro Fontane – Roma



La KochMedia, al suo secondo appuntamento distributivo, mette a segno già un successo. Mentre la sala, con me presente, applaude emozionata al termine dell’anteprima stampa di LAWLESS, io sprofondato nella mia poltrona, immobile, sospiro dopo aver assistito alla messa in scena di una poesia contemporanea.

Quando si è di fronte ad un’opera ben fatta ci si può solo fermare un attimo, l’arte, quella densa, che osa, ti travolge.

LAWLESS diretto dall’affermato regista John Hillcoat (2005 La proposta – 2008 The road),  sceneggiato dall’eclettico artista, scrittore, attore, musicista, Nick Cave e tratto dal romanzo The wettest county in the world - La contea più fradicia del mondo di  Matt Bondurant, è un film che non passa assolutamente inosservato, data la tessitura densa della trama e la forte individuazione emotiva di tutti i personaggi.

John Hilcoat  narra nel suo gangster-movie, una storia vera, che parla di sentimenti travolgenti e di vigori estremi, sottesi nei rapporti di una comune realtà tra le montagne della Virginia.
Nel periodo del proibizionismo americano degli anno ’30, in una modesta cittadina di contea, gli immortali fratelli Bondurant producono di nascosto e distribuiscono del forte Wisky di contrabbando. Lentamente, con vari espedienti, arrivano addirittura a creare un vero business, osteggiato da leggi violente capaci di soluzioni spietate.


Ci sono i due fratelli più grandi induriti dalla vita,  il terzo, quello più piccolo, sensibile ma pronto a tutto per emergere, c’è il giovane ingenuo amico che li aiuta nelle imprese fraudolente, poi lo sceriffo bonario, e con lui il nuovo vice di città cattivo forestiero impomatato, lo spietato gangster con la sua banda di malfattori, ed intorno sta tutta la comunità: gli amici, i nemici, le loro donne adulte, giovani, intoccabili, non ancora sfiorabili, eteree ma forti e determinate.

E come in un componimento si susseguono vicende e sentimenti, sparatorie violente, il sangue fiotta dai corpi morenti, il fuoco brucia, il tabacco viene masticato e sputato a terra, il whisky bevuto a piena bocca. La paura regna accanto alla ruvidezza maschile, la maturità, l’ingenuità, la semplicità giovanile, la delicatezza femminile, l’odio, l’amicizia e l’amore. Dio e il denaro dominano tutto, si susseguono per loro conflitti forti,  accompagnati da esplosioni fragorose, immerse in immagini a contrasto, lune piene in un cielo blu fisso assistono a moti ed impeti di gloria solo passeggera. Il silenzio avvolge una natura incontaminata, le prime macchine corrono borbottando lungo strade sterrate,  la neve delicata scende timida, imbianca leggermente i fazzoletti di terra intorno a umili case di legno, e mentre la vita umana di fronte ai soldi perde valore, l’acquista davanti ai sentimenti primitivi.
Così la storia della famiglia Bondurant va avanti, il tempo passa anche nella modesta cittadina americana e trasforma tutto: il bene diventa quasi male, il male diventa quasi bene.

Tutti i personaggi prendono vita nelle belle interpretazioni dei bravi attori, protagonisti e non, a partire dall’eccezionale Shia LaBeouf , sino a Tom Hardy, Jason Clarke, Guy Pearce , Dane DeHaan  Jessica Chastain, Mia Masikowska insieme anche a Gary Oldman e Bill Camp.

Le musiche di Nick Cave sono bellissime e passionali, la fotografia di Benoite Delhomme è limpida ed avvolgente.

Insomma, se qualcuno è in cerca di poesia energica, non ninnoli e versetti, vada a vedersi LAWLESS.



LAWLESS
Diretto da John Hillcoat  - Sceneggiato da Nick Cave
Tratto dal romanzo di  Matt Bondurant “The wettest county in the world – La contea più fradicia del mondo”
Attori  Shia LaBeouf , Tom Hardy, Jason Clarke, Guy Pearce , Dane DeHaan,  
Jessica Chastain, Mia Masikowska ,Gary Oldman, Bill Camp
Musiche Nick Cave - Fotografia Benoite Delhomme - Montaggio Dylan Tichenor  - Scenografia Chris Kennedy
Prodotto da Annapurna pictures – Douglas Wick/Lucy Fisher – Blumhasonallen Films
Casa di produzione Weinstein Compan/Yuk Films insieme a Benaroya Pictures
Distribuito in Italia da Koch Media



                                                                                           Facebook  Koch Media
                                                                                              Youtube Koch Media


Se consideri questo post interessante scrivi un commento, vota le stelline e clicca mi piace!  

Nessun commento:

Posta un commento