MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | VIDEO | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira VirusKira ManuKira AttiroKira Krouge ChiKira VolpocaKiro MireKira

martedì 25 marzo 2014

IL TOPO NEL CORTILE forti applausi per la potente pièce di Daniele Falleri


Recensione critica dello spettacolo teatrale IL TOPO NEL CORTILE scritto e diretto da Daniele Falleri
Giovedì Venti Marzo Duemilaquattordici - Teatro Belli - Roma



IL TOPO NEL CORTILE è un dramma potente, ben scritto, ben diretto, ben interpretato, ben preparato passo dopo passo.

Il bravissimo Deniele Falleri autore e regista dello spettacolo, racconta con capacità l’orribile che lentamente si consuma nella realtà apparente di in una famiglia medio borghese. Accende le luci su una spaventosa vicenda domestica, ambientata in sala da pranzo, e proprio lì fa che si consumi l’indicibile verità ben celata sino al momento del suo irrompere tra le complesse dinamiche umane.

Una figlia muta, una madre forte, un padre premuroso, un fratello maggiore, la loro è un’esistenza tradizionale,  ma qualcosa scuote gli equilibri, i non detti agghiaccianti avanzano in un adagio ironico e mentre tendono a palesarsi si chiariscono anche le possibili soluzioni. Il silenzio attraversa la vicenda e come un roditore rosicchia l’esteriorità,  una grande finestra simbolica si apre verso un esterno che quasi a forza vorrebbero entrare nei delicati equilibri familiari, in una grande cassettiera sono racchiuse e richiuse le vicissitudine passate e presenti. Il sospetto arriva a concretizzarsi, e quando la ragazzina gestante annuisce, lei, la mater familias, è pronta a fare di tutto per difendere l’integrità di quel focolare che da sempre preserva da ogni possibile intromissione.

La sceneggiatura è densa, ben calibrata, la sua tessitura fluida, la mano dello scrittore attraversa con capacità ogni avvenimento, crea attesa, dissemina segnali, ribalta situazioni attraverso una serie di punti di svolta, e con picchi ironici conduce l’intera aspra vicenda.
La direzione degli attori è presente, incisiva, determinata, anche lievemente sporcata dal quel non assoluto perfetto che dona veridicità ad ogni battuta.  

Gli interpreti sono tutti molto bravi e riescono a rivestire i loro personaggi in continuo contrasto sfruttando anche le differenti capacità e propensioni sceniche.
Elena Russo,  indiscussa protagonista della pièce, elabora, con una recitazione cinematografica, la sua doppia natura ironica e drammatica.    
Emanuele Salce attore di spessore e profonda espressività teatrale porta il suo complesso ruolo ad una semplicità espositiva molto convincente.
La giovane Laura Adriani interpreta con maturità ed equilibrio la sua difficilissima parte, recitando in lingua dei segni con espressività mimica e corporea.
Andrea Standardi ricopre bene il suo ruolo di sostegno concretizzandone il valore emblematico ed elevandolo ad elemento di raccordo.

La bella scenografia di Valerio Cappelletti e Costantino Pellegrino è in grado di contenere tutto il racconto e di palesare il suo forte valore simbolico.

Ogni elemento di questo dramma, degno di essere rivisto per la seconda volta, è ben costruito tanto da tenere il pubblico sempre attento sino alla conclusione distinta da forti applausi.

IL TOPO NEL CORTILE
LDM Comunicazione
Autore: Daniele Falleri
Regista: Daniele Falleri
Aiuto regista: Antonella Ricchiuti
Interpreti: Elena Russo, Emanuele Salce, Laura Adriani, Andrea Standardi
Costumi: Alexandra Toesca
 Musiche: Marco Schiavoni
Scenografi: Valerio Cappelletti e Costantino Pellegrino
Foto e grafica: Thomas Battista
Organizzazione: Fabrizio Perrone













Se consideri questo post interessante scrivi un commento e/o clicca mi piace!!!    

Nessun commento:

Posta un commento