MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | fridaartes | privacy e cookie
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge VeraKira

mercoledì 9 maggio 2018

GENERAZIONE DISAGIO con KARMAFULMINIEN sbalordisce e coinvolge completamente il pubblico dell 'OFF OFF THEATRE

Autore: Andrea Alessio Cavarretta (IppoKiro) 


Recensione critica dello spettacolo "KARMAFULMINIEN  Figli di Puttini"
di e con Enrico Pittaluga, Graziano Sirressi, Luca Mammoli - Regista  e co-autore: Riccardo Pippa. 
Replica di sabato cinque maggio duemiladiciotto, Off Off Theatre - Roma.



Assistere ad una rappresentazione della compagnia GENERAZIONE DISAGIO è un'esperienza indimenticabile, ci si può aspettare di tutto dai componenti dell'affiatato gruppo milanese, tra le loro arguzie sceniche ci si può fondere, confondere, sbalordire, sbellicare dalle risate ma anche riflettere ed emozionare, dentro le loro dinamiche si può esistere.

Il teatro non è forse questo? Vivere un'esperienza altra sino ad essere anche altro o altri.

Metateatro? Sicuramente sì,  ma  anche intrattenimento, avanspettacolo dei nostri giorni, cabaret attualizzato, trasformismo eccentrico. Un genere nuovo che si sostanzia dell'oggi, dell'essere e del dire attuale e che attraversa i generi con astuzia, non solo quelli teatrali ma anche narrativi, comunicativi, social mediatici, poetici, ritmici.

"KARMAFULMINIEN  Figli di Puttini" di  Enrico Pittaluga, Graziano Sirressi, Luca Mammoli e Riccardo Pippa è uno "spettacolone", solo così può essere definito l'organismo vivente che si struttura sul palco nell'abbondantissima ora in compagnia del continuo divenire dei tre personaggi sempre presenti in scena quali piumati contenitori di fantasie e espressioni surreali e dissacranti.
Ecco dunque la trama: tre angeli contemporanei, la loro discesa tra la gente comune con le loro valigie bianche, colme di idee e possibilità. Narrazione semplice, esile, chiara quindi ideale per essere corredata di continue trovate,  per essere arricchita di parole, comicità, velocità del pensiero, connessioni analogiche, complessità figurative e simboliche tutte leggibili e comprensibili ed in grado di comporre una pièce che porta al divertimento assoluto.


La nostra società vivisezionata, scandagliata, rielaborata in espressioni metaforiche, raccontata e riflessa sul e dal pubblico, sino al punto di inserirlo, a pieno titolo, nella vicenda come quarto attore connesso con grande naturalezza nelle tante possibilità del divenire progressivo dello spettacolo. Dunque spettatori che diventano non solo fruitori ma figurazioni e simbologie salienti nella rappresentazione dell'umanità tutta.

I bravissimi Enrico Pittaluga, Graziano Sirressi, Luca Mammoli dominano con capacità le varie evoluzioni drammaturgiche da loro pensate e scritte insieme al regista Riccardo Pippa che muove con maestria i loro assurdi quanto credibili personaggi facendoli passare dalla raffinata ed ironica nudità metafisica, al gioco del volano spirituale, alla caccia celestiale, all'assorbimento globale delle attese mistiche del pubblico senza mai nessun momento di stanca.

A tutto questo si unisce  un'onirica scenografia e degli stravaganti costumi che nella loro armonia coadiuvano l'irretire il pubblico immerso tra continue, assurde quanto ben accette follie teatrali di GENERAZIONE DISAGIO.

Complimenti vivissimi! Che dire ancora... alla prossima discesa tra di noi e che sia il prima possibile. 

- Andrea Alessio Cavarretta - 



Generazione Disagio e Fondazione Luzzati - Teatro della Tosse
presenta
"KARMAFULMINIEN  Figli di Puttini"
Di e con Enrico Pittaluga, Graziano Sirressi, Luca Mammoli
Regista e co-autore: Riccardo Pippa  
Scene: Anna Maddalena Cigni  - Costumi: Daniela De Blasio, Anna Maddalena Cigni / Luci Danilo Deiana  
Produzione: Fondazione Luzzati - Teatro della Tosse 
Si ringraziano: Bruno Cesereto e Pietro Fabbri per le voci fuori campo e Niccolò Masini per la locandina