MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | fridaartes | privacy e cookie | desclaimer
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira ManuKira AttiroKira MireKira VeraKira CeresKira VolpocaKiro

sabato 21 novembre 2020

MONICA BINO STUDIO PILATES nel cuore di SONDRIO l’armonia tra corpo, mente e spirito


"La cosa più importante non é ciò che stai facendo, ma come lo fai" sosteneva Joseph H. Pilates così noi Kiri di KIROLANDIA per essere sempre più vicini a tutti voi che continuate a seguirci con grande affetto, anche in questi giorni molto difficili, riprendiamo le nostre Kirointerviste e lo facciamo incontrando MONICA BINO, una donna intensa che vive nel profondo la pratica del PILATES.

Innamorata della vita, delle persone che hanno luce dentro il cuore, Monica già da qualche anno, nel suo STUDIO PILATES nel cuore della Valtellina a Sondrio, insegna con grande passione questa straordinaria disciplina.

Le sue parole ci condurranno in un mondo fatto soprattutto di condivisione il cui fine ultimo è costruire l’armonia tra corpo, mente e spirito.


Monica, intanto un immenso grazie per questo incontro con KIROLANDIA, entriamo subito nel vivo, in modo diretto e rompiamo il ghiaccio, cos'è il PILATES ma soprattutto cos'è per te?
Sono io che vi ringrazio per questo invito così posso condividere con voi un po' del mio modo di vivere questa stupenda disciplina che è il Pilates. E che cos'è il Pilates? Il Pilates è una disciplina che lavora la consapevolezza del corpo e il collegamento tra questo e la mente. Con il suo vasto e vario repertorio di esercizi non solo sviluppa forza, flessibilità, coordinazione, equilibrio, controllo ecc... ma promuove anche un miglioramento posturale e un approccio efficace alla respirazione e tanto altro. Il Pilates è un mondo di scoperte ad ogni movimento! 
Adesso che cos'è il Pilates “per me”? Grazie, adoro questa domanda! Cercherò di rendere viva la mia descrizione.
Mi siedo sul mio tappetino o sul mio attrezzo.
Ascolto il mio corpo, le mie emozioni.
Cerco una connessione tra il mio respiro e il movimento che andrò a fare.
Gli esercizi più faticosi mi mettono davanti alle mie limitazioni ma non mi fermo. Voglio andare oltre con consapevolezza.
Non devo mostrare a nessuno che posso farlo, ma voglio sentire dentro di me che ne sono capace.
In tanti esercizi mi sembra di ballare perché il respiro diventa fluido come il movimento. E alla fine della mia pratica mi sento libera, piena, sento di respirare quel che veramente sono e quel che veramente voglio. Questo è il Pilates per me!
 
Perché e come ti sei avvicinata a questa disciplina sino al punto di insegnarla?
La mia prima pratica di Pilates è stata nel 2009, abitavo ancora in Irlanda e sono uscita da quella lezione innamorata, ma in quel periodo ero immersa nel ruolo di insegnante di Scienze Motorie specializzata in Psicomotricità, volevo specializzarmi nel movimento dell'infanzia e continuare a lavorare con i bambini, così ho proseguito con il Pilates da allieva.
Arrivata in Italia, sono tornata a praticarlo e nel 2013 ho deciso di intraprendere il mio primo corso di formazione. Nel 2014 ho iniziato a insegnare e continuo non solo come insegnante ma sempre come studente perché dal corpo c'è sempre da imparare.
 
Sappiamo che sei molto amata dai tuoi allievi. Facci entrare nel tuo STUDIO PILATES di Sondrio raccontandoci cosa avviene insieme a loro durante una giornata tipo.
I miei allievi sono parte di me e siamo come una comunità che condivide la ricerca del sentirsi bene attraverso il movimento e lo scambio di buona energia.
Il mio Studio, situato nel cuore di Sondrio, è un spazio intimo e accogliente con grandi finestre sul fiume, luminoso e con una bella atmosfera dove i miei allievi ed io possiamo immergerci nel movimento.
Sul muro c’è una scritta che amo e mi rappresenta: “Do what your love Love what you do” che è il mio modo di affrontare la vita.
Ogni lezione è diversa: ci sono i piccoli gruppi, c’è a chi piace la condivisione, c'è a chi piace immergersi nella lezione, c’è chi a piace ridere, c’è chi preferisce lavorare individualmente, c’è chi viene per una esigenza specifica e chi semplicemente per staccare dalla vita quotidiana e avere un momento per sé.
A me piace accompagnare ognuno nel suo percorso dentro un’ora di lezione coinvolgente, cerco di lavorare con versatilità, creatività e sicurezza conducendo i miei allievi a trovare la libertà dentro il loro movimento.
 
Ma il PILATES è qualcosa adatto a tutti ed a tutte le età?
Come ho detto prima il Pilates, essendo un metodo con una grande varietà di esercizi, può essere adattato a diverse esigenze. Può essere praticato dai bambini in età dello sviluppo, anziani, donne, uomini, atleti, ballerini, persone con mobilità ridotta, persone che hanno subito un infortunio oppure un intervento, donne in gravidanza, coloro che cercano equilibrio e benessere.
Si deve provare e lasciarsi incantare...

Il difficilissimo momento che stiamo vivendo ha modificato completamente il nostro stile di vita così tu hai avuto una bellissima idea quella di avvalerti di strumenti tecnologici per continuare a seguire i tuoi allievi anche a distanza.
Sì, la situazione che stiamo affrontando ci ha messo alla prova, ci siamo trovati a doverci adattare a delle nuove realtà. Per me è stato un reinventare il mio mondo lavorativo. Ho attrezzato il mio Studio tecnologicamente per continuare con cura e qualità il percorso con i miei allievi, acquisendone anche di nuovi. E proprio la tecnologia mi ha permesso di espandermi oltre i confini della valle arrivando fino in Brasile. La nuova modalità è ovviamente diversa ma oltre a permetterci di continuare il percorso intrapreso ci dà anche la possibilità di mantenere vivo il contatto e affrontare con più leggerezza questa situazione.
 
Non puoi sottrarti a questa domanda, quanto c'è del Brasile nel tuo insegnamento?
Questa domanda mi diverte davvero! Dico sempre che sono andata via dal Brasile ma il Brasile non andrà mai via da me e nel mio insegnare c'è tanto della cultura del mio paese, credo.
C'è la passione folle e sorridente del Brasile, c'è l'energia di una bella bossanova e di un bel samba, c'è il chiudere gli occhi e lasciarsi andare sentendo una musica, ci sono i colori, c'è l'ironia al punto giusto, la solarità, sì tutto questo metto dentro una lezione. Mi spiego meglio: quello che sono e quello che fa parte di me viene trasmesso attraverso il mio insegnare.
 
Quanto è importante nella complessa epoca che stiamo vivendo riuscire a creare un equilibrio
interiore?
Secondo me dobbiamo vivere questa complessa epoca proprio per acquisire maggiore equilibrio, il momento che stiamo vivendo è il più adatto perché questa ricerca si fa quando qualcosa non va. Dobbiamo giudicare di meno e ascoltare di più, guardarci dentro per migliorare fuori e dobbiamo diventare più forti e coscienti, dobbiamo cambiare iniziando da noi.
 
In molti di noi c'è sempre una lotta tra muoversi o poltrire ma se dovessi dare un consiglio spassionato quale sarebbe?
Iniziamo piano senza fare di questo un dovere! Poltrire è bello e anche a me piace, ma poltrire tanto crea limitazioni nel movimento e un corpo immobile ha un grande impatto sulla mente e sull’umore.
Prova questo esperimento: dopo un po' di ore di divano oppure di computer prova ad ascoltare la tua schiena, il collo, le spalle... fanno male vero?
Pensa cosa succede al tuo corpo se tutti i giorni viene sottoposto a questa “piacevole” tortura.
Prova ad uscirne in maniera graduale, focalizzandoti sui benefici piuttosto che sulla fatica.
Riprova con un altro esperimento: siediti con la schiena bella allungata, gli occhi chiusi e inizia ad ascoltare il tuo respiro.
Osserva interiormente il movimento del respiro, inizia a muoverti come se ti dovessi allungare. Continua a stiracchiarti per qualche minuto.
Ora fai una piccola camminata, fino alla porta di casa e torna ed ascolta le tue sensazioni. Va un po' meglio?
È un modo diverso di rilassarti che non crea dolore o indolenzimento al corpo ma una sensazione di piacevole benessere.
E non ti sei nemmeno mosso!
Adesso pensa dopo una bella lezione di Pilates dove tutti insieme respiriamo, ci allunghiamo e perché no, ci rinforziamo e immagina quale può essere la sensazione che ti rimarrà per tutta una giornata o addirittura (dopo un po’ di pratica) fino alla lezione successiva, fino a diventare non più il risultato di una disciplina ma la normalità.       
 

Siamo i Kiri, crediamo nei sogni quindi chiudi gli occhi e confidaci un tuo grande sogno!
Una glass house! Un bello spazio con giganti finestre di vetro in mezzo alla natura dove condividere le discipline e le arti che nutrono corpo mente e spirito, dove condividere il Pilates.


- Andrea Alessio Cavarretta e Giovanni Palmieri -

_KIROLANDIA®_



    www.monicabinopilates.com