MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | fridaartes | privacy e cookie
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge VeraKira CeresKira

martedì 6 agosto 2019

BUONE VACANZE da KIROLANDIA... siamo i nostri sogni!!!

K-news



Un altro anno denso di sogni realizzati
è passato 
e come sempre ce l'abbiamo messa veramente tutta 
per darvi il nostro meglio!!!

Carissimi KIRI 
grazie con tutto il cuore per averci seguito,
ora ci riposiamo un po' anche noi!!!
Ci ricarichiamo perché la prossima stagione di KIROLANDIA
sarà pienissima di idee, di collaborazioni
 e di novità.
Vi sorprenderemo, Kiropromessa!!!

Come sempre nostri social rimarranno attivi
per non farvi mai sentire troppo soli.
Seguiteci, scriveteci, raccontateci...

BUONE VACANZE
e ricordate... ovunque siate e qualsiasi cosa facciate: SIAMO I NOSTRI SOGNI!!!

www.kirolandia.com
www.kirolandia.blogspot.it
www.fridaartes.wordpress.com 

martedì 30 luglio 2019

ARTISTI 7607 presenta STUDIO PER UN’ISTRUTTORIA nella rassegna I SOLISTI DEL TEATRO - Venerdì 2 Agosto 2019

K-news  



Venerdì 2 agosto 2019, ore 21.30
I Solisti del Teatro, in Via Flaminia, 118 - Roma

ARTISTI 7607
presenta
STUDIO PER UN’ISTRUTTORIA
da Peter Weiss

con gli attori
Adele Armas, Alessandra Mosca Amapola, Andrea Dugoni, Cinzia Scaglione, Davis Tagliaferro, Elisa Menchicchi, Federico Baldini, Ira Fronten, Luca Di Capua, Luca Guastini, Luce Pittalis, Lucia Bianchi, Maria Concetta Liotta, Marit Nissen, Nunzia Mita, Ornella Lorenzano, Piero Nicosia, Rocco Tedeschi, Teodoro De Cristofaro, Serena Di Marco, Valentina D’Amico, Rossella Ambrosini, Luca Restagno e altri attori e attrici di Artisti 7607
Regia PAOLO SASSANELLI

Co-Regia SALVO TRAINA - Coordinamento Artistico DAVIS TAGLIAFERRO
Batteria Paolo Bax - Grafica Progetto Tangram

Venerdì 2 agosto, nell’ambito della rassegna I Solisti del Teatro in Via Flaminia, 118, sarà presentato il lavoro conclusivo della palestra per attori, un progetto di formazione annuale e gratuito voluto dalla collecting Artisti 7607 e coordinato da Davis Tagliaferro e Salvo Traina.

Il gruppo di attori che ha frequentato la palestra durante l'inverno, porterà in scena Studio per un'Istruttoria, da Peter Weiss, con la regia di Paolo Sassanelli (tra i coach della palestra), che dirigerà la mise en espace degli interpreti Adele Armas, Alessandra Mosca Amapola, Andrea Dugoni, Cinzia Scaglione, Davis Tagliaferro, Elisa Menchicchi, Federico Baldini, Ira Fronten, Luca Di Capua, Luca Guastini, Luce Pittalis, Lucia Bianchi, Maria Concetta Liotta, Marit Nissen, Nunzia Mita, Ornella Lorenzano, Piero Nicosia, Rocco Tedeschi, Teodoro De Cristofaro, Serena Di Marco, Valentina D’Amico, Rossella Ambrosini Luca Restagno e altri attori e attrici di Artisti 7607.

venerdì 26 luglio 2019

MORTALI IMMORTALI, TESORI DEL SICHUAN NELL'ANTICA CINA. Ai MERCATI DI TRAIANO di Roma la storia del misterioso popolo SHU

autrice: Mirella Angelelli (MireKira) 




È sempre sorprendente accostarsi a civiltà lontane nel tempo e nello spazio trovando elementi, connotazioni e simbolismi espliciti o misteriosi che fanno riflettere sull’essenza dell’uomo, la sua ricerca di spiritualità, la sua difficoltà e concretezza nell’affrontare il quotidiano sino a constatare che idealmente, nel mondo, i popoli sono uniti dalle acque dei fiumi, simbolo di vita, perché è lungo il loro percorso che si sono sviluppate le loro identità.

A Roma, promossa da ROMA CAPITALE Assessorato alla crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e dall'UFFICIO DEL PATRIMONIO CULTURALE DELLA PROVINCIA DI SICHUAN, nella suggestiva sede dei MERCATI DI TRAIANO prosegue con immenso successo, con il patrocinio dell’ambasciata della Repubblica popolare cinese in Italia e curata dall’archeologo Wang Fang, la grande mostra MORTALI IMMORTALI, TESORI DEL SICHUAN NELL'ANTICA CINA che si protrarrà fino al 18 ottobre 2019.

Notevoli e meravigliosi i reperti provenienti dalla fertile e ricca provincia del Sichuan, nel sud-ovest della Cina, illustrano al pubblico la storia del misterioso popolo Shu vissuto nell’età del bronzo (II° secolo a.c.) fino all’epoca Han (II° secolo d.c.).

Il racconto è introdotto da un simbolico dragone di colore oro che sembra solcare le acque del fiume azzurro e da una particolare e misteriosa maschera in bronzo dalle linee morbide e dagli occhi sporgenti, forse divinità ancestrale, che vuole subito porre l’accento su una teocrazia dove sacralità, riti religiosi e culti sacrificali permeano la vita serena di un popolo legato alla terra.

Un allestimento veramente superbo quello curato da Gaetano di Gesu e Susanna Ferrini che, collocando le varie opere ritrovate nei siti Sanxingdui e Jinsha, in una dimensione scenica ampia e sempre particolare, le valorizza esaltandone la bellezza peculiare ed il significato rituale, rafforzando l’idea che ogni reperto ha un’anima e che la divinità che rappresenta deve essere adorata e per lei devono essere eseguiti riti propiziatori.

Nella sala rotonda si ammirano teste di bronzo di raro splendore,  ed alcune di esse sono ricoperte da una maschera in lamina d’oro di notevole bellezza, enigmatiche ma nello stesso tempo parlanti, sicuramente tramiti tra l’uomo e la divinità.
Nel percorso sono visibili oggetti rituali, lavorati con estrema sapienza, di sottile e preziosa giada usati per attività sacrificali.
Particolare ed affascinante il simbolo del sole, in lamine d’oro, logo della mostra, ed accanto a lui la rana simbolo della luna, maschile e femminile spesso uniti, atti a rappresentare anche il loro aspetto spirituale. Notevoli sono le ricostruzioni di alberi sacri in bronzo, ricchi di minuziose decorazioni, che s'innalzano verso il cielo, come una scala che tende all’immortalità.

Nella seconda parte della mostra si possono ammirare anche numerosi mattoni per lo stampo di oggetti quotidiani o di scene agresti o di attività sessuali praticate sotto un albero di gelso per festeggiare il Dio locale all’arrivo della primavera o dell’autunno;  non mancano statuette particolari di persone o animali in  argilla e ceramiche varie.

Una mostra ricca e completa dunque, da vedere ed ammirare, il tutto accompagnato da ricostruzioni digitali, foto e video che riportano il visitatore in un luogo lontano permettendo l’avvicinamento così ad un popolo antico dalla grande cultura.



MORTALI IMMORTALI, TESORI DEL SICHUAN NELL'ANTICA CINA
a cura dell’archeologo WANG FANG
allestimento a cura di GAETANO DI GESU e SUSANNA FERRINI
ai MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI 
Promossa da
ROMA CAPITALE Assessorato alla crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali 
UFFICIO DEL PATRIMONIO CULTURALE DELLA PROVINCIA DI SICHUAN
AMBASCIATA DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE IN ITALIA
Organizzazione CHINAMUSEUM INTERNATIONAL S.R.L.
Mobility Partner ATAC SpA
Media Partner IL MESSAGGERO
Supporto organizzativo ZÈTEMA PROGETTO CULTURALE
Catalogo GANGEMI EDITORE









mercoledì 24 luglio 2019

DECIBEL "A tutto Volume", in anteprima, la nuova ricca stagione 2019-2020 del TEATRO TRASTEVERE, direttore artistico MARCO ZORDAN

K-news  

Prima di salutare la sua ampia platea per le vacanze estive il prezioso TEATRO TRASTEVERE di Roma, scopre la sua prossima stagione dall'accattivante nome: 



DECIBEL
"A tutto Volume"
LA NUOVA STAGIONE ARTISTICA 2019/2020




Le parole del carismatico direttore artistico Marco Zordan rappresentano perfettamente i dieci intensi anni di lavoro di questo laborioso spazio romano tesi a creare una realtà originale molto vicina agli spettatori:

 ".... I Decibel di cui parliamo sono quelli che abbiamo ASCOLTATO.
Abbiamo ASCOLTATO
il desiderio di un Teatro di qualità.
Abbiamo ASCOLTATO
la necessità di spettacoli in cui una Comunità si possa riconoscere.
Abbiamo ASCOLTATO
la volontà di portare nuovamente sulla scena i Pilastri della nostra cultura.
Abbiamo ASCOLTATO
l’urgenza di idee che fotografassero il Reale.
Abbiamo ASCOLTATO
l’esigenza di compagnie in cerca di una “casa” dove sperimentare nuovi Linguaggi,
nel nome di un teatro popolare nella sua più nobile accezione, cioè un teatro Vero.
Abbiamo deciso quindi di rischiare e non proporre una Stagione "comoda e facile”: abbiamo scelto di festeggiare la nostra DECIMA NUOVA STAGIONE con ironia a cui si accosta la commozione e la riflessione, prediligendo messe in scene moderne senza però trascurare l'esigenza di quelle intramontabili classiche. Raccontare la Realtà in nome di un'onesta ed originale trasposizione artistica.
DECIBEL:
un luogo dove tutti i suoni abbiano cittadinanza,
un posto dove sentirsi…a casa." 



Sin d'ora una data, un invito speciale, da segnarsi in agenda, 30 Settembre 2019 ore 20.30, la serata inaugurale dove verrà presentato ufficialmente il prossimo ricco cartellone 2019/2020.