MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | fridaartes | privacy e cookie
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge VeraKira CeresKira

domenica 21 aprile 2019

BUONA PASQUA da KIROLANDIA

K-news  




BUONA PASQUA da KIROLANDIA a tutti i Kiri


www.kirolandia.com
www.kirolandia.blogspot.it
www.fridaartes.wordpress.com


mercoledì 17 aprile 2019

AAHHMM... PER MANGIARTI MEGLIO al CENTRALE PRENESTE TEATRO una favola golosa per bambini curiosi!

Autrice: Raffaella Ceres (CeresKira)




Mangia tutto, così diventi grande!
Confessate, chi di voi non è cresciuto con questo ritornello nelle orecchie? E chi, raggiunta l’enigmatica e misteriosa meta targata “da grande”, non si è ritrovato a ripeterne a sua volta la formula magica?

"Aahhmm... Per mangiarti meglio un perfetto s-galateo a tavola" di Pandemonium Teatro da Bergamo e in scena lo scorso 7 aprile al Centrale Preneste Teatro, è un dialogo aperto e brioso fra più generazioni sotto il segno della sana alimentazione. Il testo e la regia sono di Tiziano Manzini, in scena con Giulia Manzini. Tutto inizia con un giocoso litigio fra il protagonista e la sua bilancia pesa persone, prima originale metafora che si inserisce nel più ampio argomentare fra ciò che si vorrebbe essere e ciò che si è. Accettazione senza passività, miglioramento senza ansia da prestazione: questi sembrano essere i primissimi suggerimenti in scena fra barrette proteiche e zucchine poco cotte.

La dispettosa bilancia sembra proprio non volerne sapere di accontentare i desiderata del bravissimo Tiziano e lui stesso inizia così un viaggio nel tempo che lo riporta ai capricci e alle gioie dell’essere un bambino alle prese con il cibo, le regole della buona educazione a tavola e alla scoperta di quello che piace e quello che non piace.

sabato 13 aprile 2019

FROM MEDEA al TEATROSOPHIA convince anche nella versione spettacolo

Autrice: Elena Costa (VeraKira)




Torno al TEATROSOPHIA di Roma, l’ultima domenica di Marzo, a rivedere lo spettacolo FROM MEDEA, o meglio a vedere cosa sia successo alla mise en espace dall' omonimo titolo andata in scena lo scorso Novembre e che tanto mi aveva colpita .

Il foyer è già gremito, gli spettatori aspettano di scendere le scale ed entrare in quella pancia misterica che è il palcoscenico per aprirsi ad altri mondi.
E ancora una volta FROM MEDEA è una scoperta. Le quattro madri infanticide ripropongono il loro orrore e questa volta hanno quattro elementi rossi che le raccontano. Un triangolo, una quadrato, un cerchio, un cilindro che diventano fiori, pupazzi, metronomi, scatole: tutto quel che serve ai personaggi.

mercoledì 10 aprile 2019

HERMÈS DIETRO LE QUINTE. INCONTRO CON GLI ARTIGIANI DI HERMÈS una bellissima ed insolita mostra al Museo dell'ARA PACIS di Roma

autrice: Mirella Angelelli (MireKira) 



HERMÈS, la grande azienda francese nata a Parigi nel lontano 1837 e cresciuta nel tempo, fino a diventare il prestigioso gruppo, conosciuto amato ed apprezzato in tutto il mondo è arrivato a Roma negli spazi del Museo dell’ARA PACIS con HERMÈS DIETRO LE QUINTE. INCONTRO CON GLI ARTIGIANI DI HERMÈS.

10 lavoratori, come 10 botteghe con artigiani esperti e bravissimi, alcuni provenienti anche dall’Italia, mostrano la preziosa e prodigiosa produzione della maison e il lavoro di somma qualità che precede ogni creazione.

Professionisti di altissimo livello accolgono il pubblico, rispondono alle domande, mostrano il lungo ed accurato percorso del loro manufatto in cui mente, cuore e mano si uniscono per realizzare l’eccellenza.

Così, con immenso stupore, si segue la nascita di un favoloso carrè, per il quale ci vogliono anche 24 mesi di progettazione e preparazione, sul quale l’artigiano stampatore con la tecnica così detta “alla Lionese” imprime, con quadri che possono arrivare fino a 15 per le figure più complesse, sulla preziosa seta prodotta a Lione, il disegno preparato. Il risultato è di una perfezione incredibile e strabiliante.

Le dimostrazioni sono tutte interessantissime, dalla lavorazione di una sella alla produzione dei guanti, dall’incastonatura di pietre preziose per raffinati gioielli, alla cucitura della famosa borsa “Kelly” fino alla confezione di originali cravatte e alla decorazione delle porcellane.