MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | VIDEO | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira VirusKira ManuKira AttiroKira Krouge ChiKira VolpocaKiro MireKira

giovedì 21 novembre 2013

BUNKER, al Millelire lo psicothriller teatrale diretto da Anastasia Astolfi

autore: Andrea Alessio Cavarretta (IppoKiro)

Recensione dello spettacolo teatrale BUNKER scritto e diretto da Anastasia Astolfi, interpretato da Anastasia Astolfi e Alessandra Chieli  
Venti Novembre Duemilatredici, Teatro Millelire – Roma


AL MILLELIRE, interno con dialoghi articolati tra immagini fisse a contrasto. Sequenze profonde immerse nelle luci e nelle ombre interiori di due donne.

BUNKER, ben scritto, ben diretto e ben interpretato da Anastasia Astolfi che condivide perfettamente la scena con la bravissima Alessandra Chieli è uno psicothriller teatrale da non perdere.

Già nell’attimo iniziale con chiaro effetto scenografico, si viene tirati dentro una vicenda a scena fissa che si articola tra molteplici fili conduttori, tanto da far rimanere sospesi sino all’ultimo attimo. Tra dialoghi e silenzi così densi da essere espressivi quanto le parole, lo spettacolo dal palcoscenico amplifica la sua valenza diventando quasi filmico, e tutte le rispettive forme si compenetrano mediante adeguate modulazioni.

E’ esploso un ordigno nucleare, dentro un rifugio rimediato in una cantina, due donne, forse uniche superstiti all’immane tragedia, la salvatrice e la salvata, stanno cercando di organizzarsi mentre tentano di capire cosa sia realmente accaduto e perchè. L’esterno è invisibile, probabilmente ricoperto da una coltre di ricaduta radioattiva, di fuori i suoni sono assenti, in quel disastro ogni sensazione è quasi scomparsa, anche lo stesso dolore per l’accaduto.
Poche sono le provviste di cibo, l’acqua è razionata, unici contatti una radio silente, dei ricordi non troppo nitidi.

Con un ritmo che inizia in adagio e poi prosegue in un lento quanto inesorabile salire sino a giungere ad un vorticoso scoppio di energia interpretativa, si leva anche un indubbio margine di incredulità che è costantemente pronto a risopirsi in ogni sapiente risposta, in ogni abile taciuto. Le sensazioni, all’inizio quasi scomparse, tentano così di amplificarsi facendo aumentare anche la fame di comprensione e mentre le razioni di cibo sono sempre più ponderate, inizia un gioco subdolo di ricatti, provocazioni, che sfociano in complesse e passionali inversioni di ruoli.

Attraverso un’eccellente recitazione sempre serrata, nemmeno per un istante lasciata andare, le due abili protagoniste, ben dirette, costruiscono due personalità che nel continuo confronto, si lambiscono verbalmente, fisicamente, si provocano sino a scontrasi e a farsi male con i loro opposti, sino alla violenza mentale, verbale, e poi la più tremenda materiale.

Così, nell’alternarsi di chiaroscuri, accompagnati da adeguati commenti musicali, arriva una luce, il risvolto, che lascia spazio all’ ulteriore confronto tra le due donne ora in cerca di chiarificazioni, sino all’ultimo sospeso interiore denso silenzio.

BUNKER
scritto e diretto da Anastasia Astolfi
Interpreti Anastasia Astolfi  Alessandra Chieli
TEATROinMOVIMENTO





Potresti leggere anche

LA LEZIONE al MILLELIRE, uno Ionesco decisamente potente ed attuale



Se consideri questo post interessante scrivi un commento, vota le stelline e clicca mi piace!  

Nessun commento:

Posta un commento