MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | VIDEO | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira VirusKira ManuKira AttiroKira Krouge ChiKira VolpocaKiro MireKira

domenica 23 marzo 2014

I FRATELLI KARAMAZOV il film rivoluzionario di Petr Zelenka




Si parla molto di un Medioevo culturale che sta vivendo il nostro Paese, una povertà intellettuale che va di pari passo con la crisi economica internazionale. Come in tutti i periodi di buio, arriva qualcosa di illuminante. Poche sale, la scelta coraggiosa di evitare il doppiaggio, un film potente, energico: “I fratelli Karamazov”.

La scelta di lasciarlo in lingua originale lo renderà fruibile a pochi ma ne ha mantenuto la forza e il fascino. Ed è così che Distribuzione indipendente il prossimo 27 marzo porta nelle sale italiane l’opera di Petr Zelenka, rilettura sperimentale dell’omonimo lavoro di Fëdor Dostoevskij. La pellicola è interpretata dai più quotati attori teatrali di Praga, Varsavia e Cracovia: Ivan Trojan, David Novotny, Michaela Badinková, Igor Chmela, Radek Holub, Marti Mysicka e Lenka Krobotova.

La storia la conosciamo: una famiglia russa disgregata, dominata da un pater familias materialmente volgare. Il suo assassinio e il processo nei confronti di Dimitrij, il figlio primogenito accusato di parricidio. Questo è Karamazovi. La novità sta nel fotografare la rappresentazione teatrale dell’opera in un non luogo, in un contesto surreale come una fonderia. S’intersecano i piani di finzione e realtà: gli attori sembrano più presi da ciò che ruota attorno alla loro quotidianità fino al dramma di un manovale il cui figlio è in coma dopo essere caduto da una passerella. Il non luogo si anima, la fabbrica diventa un enorme palcoscenico dove lo stesso povero operaio trova sollievo nell’arte, in una rappresentazione ad personam. Ma l’arte scenica avrà solo un effetto placebo. La rivoluzione di Zelenka sta nello spogliare gli interpreti del ruolo di attori, il maestro ceco li umanizza e li trasforma in semplici persone che si aggirano tra materiali fatiscenti e operai stanchi. Sono tutti consapevolmente o meno, catturati in una recita con la conseguente sovrapposizione di finzione e realtà. Fusione che potrebbe risultare pesante ma non è così, la regia ha trovato una chiave di svolta grazie al ritmo serrato di battute veloci e dirette.

“Gli attori sono come bambini – ci racconta Zelenka – sono inaffidabili, sfuggono. E questo è il loro fascino”. “Questa compagnia porta da anni a teatro ‘I Fratelli Karamazov’ – continua il maestro – ma l’adrenalina che dà il cinema è un’altra storia”. E ancora “C’è molta religiosità nel film, si può dire che Dio sia uno dei protagonisti. Per i Cechi è fondamentale, abbiamo una spiritualità molto forte, pur credendo nel libero arbitrio, la volontà di una mano superiore è sentita moltissimo nel nostro Paese” . E il tema è affrontato seguendo un percorso tragicomico, non mancano scene forti, quasi blasfeme, si uccidono gli “idoli” e si dileggia l’icona di Papa Giovanni Paolo II. Ma Zelenka se lo può permettere, riconosciuto e premiato a livello internazionale.

Nel 1998 con “Buttoners (Knoflikari)” vince il Tiger Award al Rotterdam International Film Festival e quattro Czech Lion (Czech Academy Award), mentre con “Year of the Devil” (Rok d’ábla) vince il Crystal Globe all’edizione 2002 del Karlovy Vary International Film Festival e porta a casa sei Czech Lion, tra cui Miglior Regia e Miglior Film.

Con “I fratelli Karamazov” Zelenka si aggiudica una Menzione Speciale della Giuria e il Premio FIPRESCI al 43° Karlovy Vary International Film Festival, e due Czech Lion (Miglior Regia e Miglior Film).
Agli Oscar del 2008 il film viene presentato ufficialmente dalla Repubblica Ceca come Miglior Film in Lingua Straniera. 
Il risultato finale è poderoso, dall’alta spettacolarità e teatralità. Che sia possibile vedere del buon teatro solo al cinema?

Nelle sale dal 27 Marzo 2014

I FRATELLI KARAMAZOV
Drammatico, 100' Minuti
Titolo originale: Karamazovi
Produzione: Cestmír Kopecki
Regia: Petr Zelenka
Sceneggiatura: Petr Zelenka
Interpreti: Ivan Trojan, Igor Chmela, Martin Mysicka, David Novotny, Radek Holub, Lenka Krobotova
Paese: Repubblica Ceca/Polonia, 2008
Fotografia: Alexandr Surkala
Montaggio: Vladimir Barak
Musiche: Jan A.P. Kaczmarek
Distribuzione in Italia: Distribuzione indipendente
Direzione commerciale: Mariposa Cinematografica




Ti potrebbe interessare anche:


Se consideri questo post interessante scrivi un commento e/o clicca mi piace!!!    


Nessun commento:

Posta un commento