MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge VeraKira

mercoledì 16 luglio 2014

METALLICA il popolo del metallo pesante a Roma



Spesso si dice che gli amici li possiamo scegliere mentre la famiglia no. La famiglia ci capita, ci nasciamo, ci cresciamo... al limite possiamo solo decidere di lasciarla. Non sempre è così... ci sono famiglie a cui si decide di appartenere, quella dei metallari è una di queste. Lo ha detto spesso James Hetfield, voce e mente dei Metallica, lo ha ripetuto più volte nelle oltre due ore di concerto romano lo scorso 1 luglio.  "È bello cantare davanti a voi perché se dimentico una parola ci pensate voi. Le conoscete proprio tutte. È la famiglia dei Metallica". Il leader della band californiana si rivolge così a noi, fans di tutte le età, dai cinquantenni nostalgici di Kill ‘em all, agli adolescenti con una peluria appena accennata sotto il naso e gli occhi sognanti, ci ha chiamati "la nostra famiglia".
L'esibizione a "Rock in Roma", unica data italiana del tour europeo, non è stato solo un concerto ma un omaggio che i “four horsemen” hanno voluto tributare ai loro sostenitori, il popolo del metallo pesante.  Avremmo dovuto capirlo subito che non sarebbe stata una performance qualsiasi ma un grande regalo, a partire dalla formula adottata già nel titolo del tour  "Metallica by request", Metallica a richiesta, la nostra richiesta, con una scaletta programmata sul web dai seguaci del gruppo. Ed eravamo in 32 mila sul prato dell'Ippodromo di Capannelle per verificare che le nostre scelte fossero state rispettate. Abbiamo assistito non solo a un grande show ma a un vero e proprio festival metal, iniziato dal pomeriggio con le di Volbeat, Kvelertak, e soprattutto dei magnifici Alice in Chains.

Guardandomi intorno, nel privilegiato settore dell’inner circle (esclusivo quanto costoso), ho visto molti quarantenni e cinquantenni, come me, ma anche tanti ragazzi ed è stata la piacevole dimostrazione che dopo oltre 30 anni di palco, i Metallica restano un punto di riferimento della scena musicale heavy metal. A chi li vedeva già sul viale del tramonto il frontman dagli occhi di ghiaccio ha gridato: "Ci vediamo presto, Roma. Domani forse mi farà male il collo e la gola, ma non importa". Dobbiamo ammettere, infatti, che l’età ha il suo peso e che quella voce potente non ruggisce più come una volta, ma sicuramente ancora lascia il segno. Così come ha mantenuto la sua energia l'instancabile Lars Ulrich alla batteria, non hanno perso fascino le dita dell'altro storico membro della band, il chitarrista Kirk Hammet, che continuano a volare sulle sei corde, così come non fa rimpiangere il passato, il bassista Robert Trujillo, unitosi al gruppo dieci anni fa, dopo le mille vicissitudini legate alla drammatica scomparsa di Cliff Burton.
I Metallica sono sicuramente una famiglia, la mia famiglia, in grado  di restare unita e reinventarsi nel tempo, a discapito delle solite accuse di conformismo legate al black album, nonostante i pettegolezzi sulle dipendenze e i problemi di salute, capaci di emozionare ancora, di far sgranare gli occhi, di alzare le braccia al cielo, fare mosh anche se con una chioma meno folta e pogare sulle note eccitate dei grandi classici. Dalla loro parte hanno decenni di successi: oltre 100 milioni di dischi venduti, nove Grammy Awards, esordio per cinque volte consecutive in vetta alla classifica di Billboard.
La domanda sorge spontanea: è stata rispettata la nostra scaletta? La risposta è sì, i Mets non si sono risparmiati e hanno interpretato brani amatissimi selezionati dal loro pubblico, in una scenografia vestita di fuoco, lampi di luce, giochi di laser oltre a proiezioni sul video wall con soldati in marcia verso il fronte che si trasformano in scheletri, fantasmi segregati dietro sbarre di galere senza nome. Le immagini nascono dai testi dei Metallica che affrontano temi come la rabbia, la solitudine, l’emarginazione, la follia, la droga ma soprattutto l’ipocrisia della nostra società.  Ore 22, l'avvio sulle note di Ennio Morricone: la scena in cui Eli Wallach, il "Brutto" del capolavoro di Sergio Leone (scomparso tra l’altro da pochi giorni), corre tra le lapidi del cimitero, da lì tuona il saluto di Hetfield che si staglia granitico su uno sfondo di croci e tombe, magnifico gigante nella sua posa tipica con l’Esp imbracciata all’altezza delle ginocchia.
Subito dopo è il delirio, partiamo con Battery, a seguire l’amatissima Master of Puppets. Poi senza respiro One, Fade to Black, Enter Sandman, Sad But True, Welcome Home (Sanitarium), Creeping Death, ...And Justice for All, Orion, Ride the Lightning, Blackened, Fuel, fino alle ballads The Unforgiven e Nothing else matters. Tra i pezzi eseguiti, anche Lords of summer, brano scritto appositamente per la tournee. Il finale, poi, non ha lasciato dubbi, alla domanda “Do you want heavy?”: l’esplosione di Seek & destroy,  cuore trash  dei quattro cavalieri.
Fiera di appartenere a questa famiglia.
M
- Marcella Sullo - 
Foto: Massimo Righetti





Se consideri questo post interessante scrivi un commento o clicca mi piace!!!    
Diventa fan della nostra pagina fb!  Seguici su Google+!  O su tw!  Su Pinterest!  Oppure su In! 

Nessun commento:

Posta un commento