MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | VIDEO | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira VirusKira ManuKira AttiroKira Krouge ChiKira VolpocaKiro MireKira

venerdì 19 settembre 2014

BUGIARDO BUGIARDA il palco diviene metaforico leggio


Recensione critica dello spettacolo teatrale BUGIARDO BUGIARDA regia di Daria Veronese
Prima replica del sedici Settembre duemilaquattordici, Teatro Millelire– Roma



Un lungo silenzio dilatato sino al suo massimo invadere la platea, un fiammifero ... il suo fruscio, la piccola fiamma accende il fuoco su quello sfogliare le vite scritte, su quel dirsi e rispondersi solo attraverso schermaglie rigorosamente lette.

DARIA VERONESE firma una particolare regia per BUGIARDO BUGIARDA, rappresentazione del rapporto in versione epistolare tra il drammaturgo George Bernard Shaw e l’attrice Mrs. Patrick Campbell (Beatrice Stella Tanner) con accorgimenti, interpretazioni, prospettive e approfondimenti nuovi rispetto ad altre varianti già rappresentate sul tema.

Sul palco a parlare è il rapporto non conforme di una coppia di artisti, una vita a due segnata dalla poesia e dall’eleganza del non darsi mai completamente, immersi in quel conoscersi sin troppo bene per potersi condividere appieno. Attraverso continui scambi di sottigliezze, allusioni, sfide verbali, aperte e sottointese si rivivono successi, insuccessi, momenti di gloria, declini di fama, riprese di carriera, reali, immaginarie, volute, anelate. A sfondo le due guerre,  con il dramma del dolore che segna inequivocabilmente anche l’effimero dell’arte teatrale. Un percorso storico, culturale, artistico, umano, nel vivere quotidiano, insieme e divisi anche dalla forte passione del palcoscenico intesa in due uniti differenti modi. Due personaggi dalle singolarità marcate che nel loro interagire epistolare rimangono sempre sospesi in una reciproca dipendenza, indissolubile sino alla fine.

La sperimentazione è l’elemento preponderante di questa particolare lettura teatralizzata che tenta di palesare in modo inconsueto la vicenda intrappolata tra le parole scritte. La regista Daria Veronese cerca di unire totalmente lettura e teatro in un prospettiva dove ogni spazio del palco diviene metaforico leggio ed il presente scivola a terra costituendo un percorso sparso di pagine già passate. L’ardua commistione letto-interpretato, si evidenzia soprattutto per l’intensa ricerca della profondità nel testo, e per soluzioni molto coinvolgenti anche nell’ambito visivo. Non potendosi, però, sciogliere completamente le briglie del recitativo, per via della lettura drammatizzata,  l’aspetto scenico risulta penalizzato, l’azione in movimento forse si restringe a soluzione troppo rigide con campi d’azione dei personaggi troppo delineati, così l’insolita commedia dopo un inizio armonico tende a rallentare per poi riprendersi piacevolmente e concludersi adeguatamente.

I due bravi attori, sono puliti e raffinati nel leggere, Antonio Lupi, conferisce un carattere forte al suo personaggio ma,  non adattandosi perfettamente nell’identità di lettore-attore, ne evidenzia solo in parte i tratti emotivi, Junia Tomasetta come sempre bellissima e carismatica sulla scena, riesce molto bene nell’intento dell’essere lettrice emozionale ma stenta leggermente a modulare quell’ironia intrinseca all’identità interpretata.

Ben pensato il ritrovato intermezzo tra i due atti che, oramai troppo poco utilizzato negli spettacoli di media lunghezza, permette un momento distensivo.

Un grande applauso all’allestimento e alla cura delle luci di Massimo Sugoni, le cui soluzioni supportano e si rapportano alle scelte registiche perfettamente dando loro un maggior rilievo.

Uno spettacolo che va di sicuro premiato per il suo valore sperimentale e visto per la possibilità di immergersi nella vita di un’insolita coppia Show- Campbell che ha segnato del suo particolare esistere insieme le pagine della storia del teatro.


BUGIARDO BUGIARDA
Millelire - Capsaservice
Regia: Daria Veronese
Interpreti: Junia Tomasetta, Antonio Lupi
Disegno Luci: Massimo Sugoni

Nessun commento:

Posta un commento