MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge

mercoledì 11 marzo 2015

JIMMY INGRASSIA in concerto lascia il segno


Recensione JIMMY INGRASSIA in concerto (Full Band)
 Venticinque Febbraio duemilaquindici, L'asino che vola - Roma


Esiste una linea invisibile che quando si riesce ad attraversarla poi si va dritti al cuore.

Con la sua passione ed il suo carisma JIMMY INGRASSIA attraversa realmente quell’intangibile traccia che divide l’artista dal suo pubblico, e così mentre si esibisce all’interno di uno spazio già di per sé emotivamente molto coinvolgente, L’ASINO CHE VOLA , lui, bravo cantautore  e grande interprete, in un tutt’uno con la sua armoniosa e carica full band, scalfisce l’animo.

Lasciare il segno, questo è il massimo raggiungimento a cui può ambire chi fa arte: lasciare in un attimo imprevedibile quel possibile segno  non troppo riflettuto.  Evocare un sentimento profondo, incontrollabile in una porzione istantanea di vita, far improvvisamente vagare la mente senza che esista quasi più nulla,  mentre tutt'intorno a quell’intima sensazione personale è come rarefatto.


Jimmy Ingrassia,  riesce a far scattare quell’istante,  lo trova il suo modo per farlo, molto spontaneamente diventando con disinvoltura canto, ma anche interpretazione ed espressione, lo fa applicando quella formula sconosciuta che mette in movimento una forte reazione emotiva.
Lui, Jimmy Ingrassia,  mentre modula la voce s’infila nel testo, e  sfila una ad una le parole, con vari ritmi e tonalità, s’accorda alle note emesse da strumenti che gli suonano intorno, ed arriva lì, lì dove l’essenza del vibrare stessa già esiste, e la scalfisce facendo rimanere quasi solo la sua capacità di dare emozione.
Si modifica di continuo tra varie soluzioni espressive sino quasi alla rappresentazione scenica  del moderno cantastorie, Jimmy Ingrassia sviluppa il suo lungo applaudissimo concerto, con la sua voce che dice da sola,  ed accompagnata da tanti gesti, sorrisi, piccoli intermezzi simpatici ed evocanti, sino a che senza che tu te ne sia reso conto ti ha già ha attraversato con il suo cantare il cuore.

Di nota  in nota, di parola in parola, Jimmy Ingrassia è quel suo saper farti sentire l’ emozione e lasciarti il segno attraverso il suo canto. 

 - Andrea Alessio Cavarretta - 





Potresti anche leggere:








Se consideri questo post interessante scrivi un commento e/o clicca mi piace!!!    

Nessun commento:

Posta un commento