MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | VIDEO | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira VirusKira ManuKira AttiroKira Krouge ChiKira VolpocaKiro MireKira

martedì 12 gennaio 2016

S come SPORT

autore: Claudia Cianchi (Krouge)
Kiripedia 




Lo Sport è l'insieme di attività fisiche, il termine è l'abbreviazione inglese della parola francese "desport" che significa divertimento.

Le prime testimonianze di attività sportive risalgono alla preistoria. Nel XIX secolo infatti vennero scoperti dei graffiti nelle zone dell'Africa e dell'Australia in cui venivano raffigurati degli uomini alle prese con delle attività che non sembrano essere legate né alla sopravvivenza né alla ricerca di cibo, piuttosto al benessere fisico.
L'esercizio più antico in assoluto e il più rappresentato nei graffiti è la corsa, alla quale poi si aggiunsero molte altre attività non legate alla sussistenza, tra cui il nuoto, la canoa, l'equitazione, la lotta, il pugilato, la scherma.
Con il passare degli anni furono inseriti anche degli oggetti per lo sviluppo delle discipline, come la palla, ai tempi costruita con erba e frutti di grandi dimensioni o la lancia, fabbricata con pietre levigate e bastoni.


Molte furono le civiltà ad interessarsi di sport e attività fisica, ma le più rilevanti nell'occidente furono i greci e i romani.
Nella tradizione greca lo sport era principalmente riservato agli aristocratici ed aveva lo scopo fondamentale di educare e disciplinare i più giovani alla salute psichica e fisica. Non a caso i greci furono i fondatori delle Olimpiadi, disputate per la prima volta nel tempio di Olimpia nel 776 a.C. in cui le attività principali furono la corsa, la lotta, il pugilato, il pancrazio (uno sport violento basato sulla lotta e il pugilato), la corsa dei cavalli e il pentathlon.

Nella tradizione romana celebri erano le rappresentazioni storiche, i combattimenti, le sfide che venivano inscenate per intrattenere il popolo, in cui era necessario un importante allenamento fisico. Lo spettacolo più amato e seguito era quello al Colosseo dei gladiatori, sportivi a tutti gli effetti che però correvano il rischio di perdere la vita ad ogni combattimento.

Durante il Medioevo, anche a causa della forte crisi che colpì le civiltà più sviluppate, lo sport e le attività ad esso legate, subirono un forte arresto e l'interesse degli uomini per le varie discipline calò drasticamente. Bisognerà aspettare il Settecento per avere una ripresa graduale dell'attività fisica. In Inghilterra iniziarono a nascere nei college e nei club più importanti nuove discipline sportive come il calcio e il rugby, inizialmente nati come sport violenti e poi regolamentati da codici veri e propri.

Lo sport come lo conosciamo ai giorni d'oggi, si sviluppò alla fine dell'Ottocento quando gli atleti divennero dei professionisti a tutti gli effetti, a cui spettava un risarcimento fisso, uno stipendio da lavoratore.

Una curiosità riguarda le donne.
Molti sono i documenti che sembrano dimostrare che le donne, durante le Olimpiadi dell'antica Grecia avevano la possibilità di partecipare e gareggiare nelle discipline alla pari dei maschi. Con il passare dei secoli la figura delle donne è andata scomparendo nello sport, l'unica loro mansione infatti era quella di consegnare premi e medaglie ai vincitori. L'introduzione delle discipline e delle competizioni femminili alle manifestazioni sportive è recente, risale infatti al XX secolo.

- Claudia Cianchi - 





Nessun commento:

Posta un commento