MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | fridaartes | privacy e cookie
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge VeraKira

sabato 7 ottobre 2017

LA LEGGENDA DEL PESCATORE CHE NON SAPEVA NUOTARE commuove il pubblico del TEATRO QUIRINO

autrice: Mirella Angelelli (MireKira)  



Lo spettacolo LA LEGGENDA DEL PESCATORE CHE NON SAPEVA NUOTARE, diretto da Alessandra Fallucchi, presentato al Teatro Quirino di Roma, nasce dalle interviste fatte da Agnese Fallongo ad uomini, donne e bambini nel sud Italia.

Le voci del loro vissuto accolgono il pubblico in una sala che si fa subito parte attiva e non appena  le luci si spengono ed il sipario si apre, si sviluppa uno spettacolo organico di ricerca, la cui finalità intrinseca è che le storie non siano mai dimenticate e che possano arrivare sempre vive e palpitanti.

Quattro giovani Mamozio e Arturo, Maria e Reginella si avvicendano in un racconto poetico, a volte divertente e frizzante, altre melanconico e sognante; il timo serrato, il palcoscenico essenziale, ma vissuto con maestria da personaggi che si muovono e si alternano in modo corale e individuale con somma bravura nel recitato, nei gesti, nelle canzoni e nei balli.


"La leggenda del pescatore che non sapeva nuotare" apre la storia e la conclude, tra i "pisciari" di Gioiosa Ionica è l'unico a non saper nuotare ma di lui, della sua storia e del suo grande amore per il mare ci rimangono, una statua ed un racconto popolare che la regia accorta e la drammaturgia raffinata ci fanno rivivere attraverso un percorso profondamente poetico.
Il filo conduttore sono i grandi temi dell'umanità, la morte, la nascita, l'odio e l'amore che ti trascinano in epopee di cavalieri o in storie reali vissute negli anni prima e dopo la seconda guerra mondiale. 

È la musica a collegare i quattro racconti, gli strumenti tradizionali e le belle voci degli artisti accompagnano stornellate, serenate, ninne nanne struggenti, voci del mare, della risacca o di onde che tutto abbracciano, come la madre terra che tutto rigenera. 
Così l'umanità che soffre, piange, gioisce e sogna diventa mito nella tradizione popolare e giunge  fino a noi. 

Il pubblico commosso ringrazia e applaude.

- Mirella Angelelli -



Gitiesse Artisti Riuniti
"LA LEGGENDA DEL PESCATORECHE NON SAPEVA NUOTARE"
Progetto e drammaturgia: Agnese Fallongo
Interpreti: Eleonora De Luca, Agnese Fallongo
Teo Guarini, Domenico Macrì
Regia: ALESSANDRA FALLUCCHI


TEATRO QUIRINO di ROMA