MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | VIDEO | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira VirusKira ManuKira AttiroKira Krouge ChiKira VolpocaKiro MireKira

giovedì 5 dicembre 2013

NOVEMBRE AL CINEMA la strada virtuale del Festival del Cinema

Cinemistica applicata 


Novembre si è appena concluso.
Nelle sale ha visto trionfare la comicità di Checco Zalone e la potenza muscolare del mitico Thor, ma i cinefili, capitolini e non, si sono affollati attorno al red carpet del Festival del Cinema di Roma. Se dovessimo definire quella che è stata la parola chiave di questa kermesse direi che “strada” è il termine più adatto. Sembra che “l’on the road” tiri ancora moltissimo almeno per quanto concerne il cinema nostrano. Che sia una metafora di vita, un modus operandi, chi può dirlo. Si è, però, manifestata in tutte le sue forme. In tutte le accezioni che possono scaturirne. Ed è stato anche un trionfo della formula documentario, docufilm, reality, come se ormai fossimo incapaci di raccontare qualcosa che non sia una fotografia della quotidianità, come se la fantasia si fosse spenta e il cinema, che da sempre ha raccontato i sogni, avesse chiuso la sua finestra sull’evasione, e oggi avesse esaurito la sua vena fantastica.

Ebbene, dopo il successo a Venezia del documentario Sacro Gra, anche all’ottava edizione del Festival Internazionale del Film di Roma trionfa una docufiction (come è stata definita) che racconta la vita sulle strade d’Europa di un camionista professore.
Tir, del Friulano Alberto Fasulo, racconta la storia vera, anche se ricostruita, di un plurilaureato croato, interpretato da Branko Zavrsan,  che per guadagnare qualche soldo in più diventa camionista in Italia. Lunghi silenzi, paesaggi spiati dal camion e dettagli di una vita modesta, compongono un film fuori dagli schemi che ha forse vinto a sorpresa ma con un verdetto che non è stato contestato.


Un Festival che, a mio avviso, ha fotografato l’attualità sociale. Questo preferire il contatto virtuale a quello fisico, lo sguardo filtrato dalla Rete piuttosto che quello diretto, la comunicazione via app, le chat on line, invece della chiacchierata davanti a una birra. E’ così che la Giuria premia la virtualità anche nell’arte. Ed ecco che il premio per la miglior interprete va a Scarlett Johansson che in Her non compare mai, se non in voce. Ci domandiamo allora la validità del premio quando la pellicola arriverà doppiata da un’altra attrice nelle nostre sale.
Presenza virtuale, per restare in tema, quella di Matthew McConaughey, vincitore come miglior attore per Dallas Buyers Club, assente alla cerimonia di premiazione.

Una certa virtualità anche nei numeri di questa Kermesse. Non si riesce a sapere il bilancio finale sulle presenze alle proiezioni. Secondo le cifre diramate dalla direzione del festival: i partecipanti nelle varie sale della manifestazione sono solo ‘stimati’ e indicati in 150mila. Sono sicuri invece i dati che arrivano dal web: 30.200 likes su Facebook e 6.500 followers su Twitter.
Un “mi piace” solo virtuale, molte le lamentele per i posti riservati agli accreditati, troppi gli accrediti venduti e troppo pochi i posti riservati ai possessori dei passi. Comunque, dopo 163 film da 30 Paesi, proiettati in 7 sale (poche rispetto alle precedenti edizioni) per un totale di 402 proiezioni, non sono mancate le note positive.

Il cinema italiano gode di buona salute: da Come il vento, l’omaggio di Valeria Golino alla coraggiosa direttrice di carcere Armida Miserere, all’attualissimo I Corpi estranei di Mirko Locatelli sul problema dell’integrazione. E ancora L’ultima ruota del carro di Giovanni Veronesi, quarant’anni della nostra storia politica filtrati dalla romanità ironica di Elio Germano e Ricky Memphis, per non dimenticare Il mondo fino in fondo di Alessandro Lunardelli, dove diversità ed ecologia fanno da sfondo a un’opera prima che parte con le migliori intenzioni.

La sottoscritta, va controcorrente, nell’elogio di Out of the Furnace,  il gangster-movie di Scott Cooper, criticato per una trama  un po’ scontata, eppure il passo stanco di Christian Bale, piegato dai dolori dell’esistenza, merita attenzione, la  limpida fotografia di una periferia americana desolata e triste, e la meravigliosa colonna sonora di un classico dei Pearl Jam “Release”, per la prima volta prestato al cinema.

Insomma un mix di dolce e amaro. Anche il direttore artistico Marco Muller ha dovuto riconoscere che: “Inizia adesso il momento della verifica – ha detto Muller – quando sentiremo le opinioni dei soci fondatori. Sono loro che devono, con il Presidente e il consiglio di amministrazione, contribuire ad orientare il Festival. Ma da parte mia, con tutto l’ufficio cinema, ci metteremo a tempestare di e-mail registi, produttori, distributori, per sapere secondo loro cosa ha funzionato e cosa no, che cosa c’era di buono ma anche cosa mancava. Su questa base dobbiamo ridefinire”.
Sarà l’inizio o l’inizio della fine? Lo sapremo nella nona edizione.



CANDIDKIRA CONSIGLIA PER DICEMBRE…
Oldboy di Spike Lee, thriller provocatorio e viscerale
Lo Hobbit: La desolazione di Smaug 3D, per gli amanti della trilogia che narra la storia ambientata nella Terra di Mezzo, 60 anni prima di "Il Signore degli Anelli"
Colpi di fortuna, il classico cinepanettone targato Filmauro, sennò che Natale è
Indovina chi viene a Natale?  per restare in tema, la nuova commedia di Fausto Brizzi




Se consideri questo post interessante scrivi un commento, vota le stelline e clicca mi piace!  

Nessun commento:

Posta un commento