MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | VIDEO | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira VirusKira ManuKira AttiroKira Krouge ChiKira VolpocaKiro MireKira

venerdì 4 aprile 2014

I CORPI ESTRANEI intervista al regista Mirko Locatelli




Mirko Locatelli, ha 39 anni, è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico. Nel 2002 fonda con Giuditta Tarantelli, sua compagna di vita,  la casa di produzione Officina Film, con la quale realizza principalmente documentari.
Nel 2008 il suo lungometraggio d’esordio, Il primo giorno d’inverno, viene presentato in concorso nella sezione Orizzonti alla sessantacinquesima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, e in numerosi festival di cinema internazionali.
Con la Strani Film realizza nel 2013 la sua opera seconda, I corpi estranei, in concorso al Festival Internazionale del Film di Roma. Il film, interpretato da uno straordinario Filippo Timi insieme al giovane esordiente Jaouher Brahim, è uscito nelle sale cinematografiche il 3 aprile, distribuito da Strani Film e Mariposa Cinematografica.


Cosa l'ha spinta a trattare un tema così delicato come quello della malattia? Un padre solo con un bimbo piccolo.
Si tratta di un’immagine che avevamo in testa, io e Giuditta, da circa vent’anni. Un uomo solo, lontano da casa con un bimbo in braccio, un bimbo malato, con il cancro. Un’immagine che risiedeva nella memoria di Giuditta: “vorrei che ne facessimo un film” mi ha detto “quando ho visto quel bambino non era lui ad avermi impressionata, ma il padre, quell’uomo solo, sradicato dal suo contesto, lontano dagli affetti, voglio scrivere un film su un uomo così”. Ho accettato, abbiamo letto molto, studiato, incontrato psicologi clinici, oncologi, e ci siamo aggiornati su un mondo spesso trascurato dai media, la migrazione sanitaria e il dramma dei genitori. Sembrava quasi “Una figura sacra” quell’uomo che si stagliava in controluce, come dire “un madonno”. 

Ha pensato subito a Timi per il personaggio di Antonio?
E’ stato scritto pensando a Timi. Un corpo forte, un uomo ruvido, in contrasto con un bimbo esile, etereo. Volevo un corpo che riuscisse a comunicare odio e amore contemporaneamente. Ho voluto Timi con una forza ossessiva . 

Mi ha colpito anche la scelta dei luoghi...
, ho scelto appositamente dei non luoghi, ho preferito dei posti che avessero senso solo se animati. Ma soprattutto in contrasto tra loro. L’ospedale di giorno è un fermento, un brulicare di persone mentre di notte regna il silenzio. Il mercato notturno, a sua volta, con le tenebre si anima mentre di giorno si spopola.

Anche la decisione di come ha girato il film è particolare, sembra un documentario.
Infatti, il film è stato girato come se fosse un documentario. Ho fatto questa scelta perché Timi doveva essere sempre in scena. Lo spettatore vede quello che vede Antonio. Anche Milano, osservata da una finestra, la decisione di non farsi coinvolgere dalla città, è una scelta di Antonio. Il mondo visto da un papà solo.

Come mai i Baustelle per la colonna sonora?
Avevo ascoltato ‘Fantasma’, un album dei Baustelle, e ho sentito un’energia pazzesca, la stessa energia del film. Ho detto a Giuditta che dovevano essere loro a curare le musiche. A far scattare la nostra collaborazione è stato il brano “Il futuro”. Ho contattato la band, che a sua volta è stata conquistata dalla sceneggiatura del film. Proprio “Il futuro”, insieme a "Radioattività", è presente nel film in una versione strumentale. Ho realizzato sul set del film anche il video del brano.

Quali sono i suoi impegni per il futuro ?
Oltre ad aver iniziato a sviluppare il mio nuovo film, nel prossimo anno sarò impegnato con la Strani Film nella produzione del primo lungometraggio di un esordiente, Fabio Bobbio; produrremo un film “di confine”, dallo stile particolare, dove sperimenteremo nuovi linguaggi.

---
 ---

I CORPI ESTRANEI
Durata 102 minuti, paese Italia
Regia Mirko LOCATELLI
Sceneggiatura Mirko LOCATELLI, Giuditta TARANTELLI
Fotografia Ugo CARLEVARO
Interpreti:Filippo TIMI,  Jaouher BRAHIM, Gabriel e Tijey DE GLAUDI, Dragos TOMA,  Naim CHALBI,  El Farouk ABD ALLA
Suono in presa diretta: Paolo BENVENUTI, Simone OLIVERO, Daniele SOSIO
Montaggio: Fabio BOBBIO, Mirko LOCATELLI
Musiche: BAUSTELLE
Prodotto da Fabio: CAVENAGHI, Paolo CAVENAGHI,
Mirko LOCATELLI, Giuditta TARANTELLI
Produttore esecutvo: Andrea CUCCHI
Produzione: STRANI FILM
in associazione con OFFICINA FILM, DENEB
in collaborazione con SAE INSTITUTE MILANO
con il supporto di FONDAZIONE MAGICA CLEME
Distribuizione; FILM distribuzione
in collaborazione con Mariposa Cinematografica
 ---



 ---

Ti potrebbe interessare 


Se consideri questo post interessante scrivi un commento e/o clicca mi piace!!!    

Nessun commento:

Posta un commento