MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge

venerdì 20 gennaio 2017

"LA DIVINA" di Alessandro Fullin, una divertente nuova commedia tutta da ridere

Autore: Andrea Alessio Cavarretta (IppoKiro)  


Recensione critica dello spettacolo teatrale LA DIVINA di Alessandro Fullin
Replica di sabato quattordici gennaio duemiladiciassette (pomeridiana), Teatro Sala Umberto - Roma



Fortissimo e veramente meritato lo scroscio di applausi per "LA DIVINA" di Alessandro Fullin, uno spettacolo la cui potente ironia si eleva a spassosa rappresentazione del nostro complesso, quanto assurdo, sociale non meno ritorto di quello rappresentato da Dante nel suo allegorico capolavoro medioevale.

La somma opera dantesca, in questa bella pièce, viene rivisitata in chiave umoristica e riattualizzata con buona capacità drammaturgica attraverso un tessuto di tante battute e trovate che sdrammatizzano l'ampiezza e la portata del poema e lo traghettano verso una simpatica commedia nuova.
Una rappresentazione molto ben costruita in tutto il suo andamento scenico, nella quale, non solo si ride moltissimo, ma ci si immerge, con grande spasso, nel cammino di un moderno e divertente quanto sarcastico Dante, accompagnato da un arguto e sorridente Virgilio tra anime dannate che si colorano di una novella dimensione degna di un terzo millennio infernale. 
Tutta la tradizione è rispettata ma, a ragion veduta, ritoccata in modo spassoso e irriverente, sino ad uno snodarsi tra vari generi teatrali che insieme si identificano in una nuova interessante tipologia di spettacolarità, forse ancora più definibile, ma di certo molto ben costruita lungo una serie di equilibri atti ad accompagnare il pubblico, appassionandolo e non lasciandolo mai solo, irretendolo anche con piccole rapide e divertenti aperture attraverso una quarta parete alquanto sottile.


Della "Divina Commedia" c'è quello che serve: Caronte, Paolo e Francesca, Brunetto Latini, sono citati molti personaggi e ci sono tanti richiami, ma ogni identità e rimando con Alessandro Fullin si è evoluto, riassestato, rimodulato dentro pregevoli invenzioni verbali e genialità creative.
Tra  gironi, bolge, cerchi gremiti di idee, canti, balli e trovate c'è anche l'immagine di una nuova Beatrice la cui beltà si è come depauperata in una sembianza non più tanto eterea quanto piuttosto molto corporea.
C'è spazio per quel gustoso punzecchiare in modo elegante i costumi e gli atteggiamenti di due epoche quasi messe a confronto, la nostra e quella trecentesca, ci sono tantissime frecciatine dissacranti e "bottarelle" mordaci.

Tra i tanti meriti di Alessandro Fullin, anche quello autoriale e registico dell'essere riuscito a dare bilanciato spazio a tutti gli interpreti, sia attori che danzatori, facendo emergere di ognuno la sua capacità scenica.

Una bella compagnia a partire dallo stesso autore e regista, che come attore, conferisce corpo a tutte le sue battute con grande naturalezza, per continuare con il suo compagno sul palcoscenico Simone Faraon, giusto ed equilibrato nel suo originale ruolo, andando avanti con Tiziana Catalano eccellente attrice dotata di un'elevata verve comica, passando poi per tutti gli altri bravi attori Sergio Cavallaro, Paolo Mazzini, Mario Contenti, Ivan Fornaro, in grado di rivestire bene i vari ruoli interagendo tra loro con grande capacità.

Degne di nota sono le coreografie, molto efficaci, la scenografia ed i costumi capaci di creare quella giusta atmosfera da medioevo contemporaneo.

Complimenti! Risate intelligenti in questo spettacolo adattato a tutti, anche per "contrappasso".

- Andrea Alessio Cavarretta -  

LA DIVINA 
Scritto e diretto da ALESSANDRO FULLIN
Con Alessandro Fullin,  Tiziana Catalano, Sergio Cavallaro, Simone Faraon, Paolo Mazzini, Mario Contenti, Ivan Fornaro 
 Coreografie di Sergio Cavallaro - Costumi di Monica Cafiero
Produzione Nuove Forme - Distribuzione Terry Chegia







Nessun commento:

Posta un commento