MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | fridaartes | privacy e cookie | disclaimer
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira ManuKira AttiroKira MireKira VeraKira CeresKira VolpocaKiro Krouge Krouge

venerdì 19 novembre 2021

CHEF stringe in una morsa tesissima gli spettatori di TREND NUOVE FRONTIERE DELLA SCENA BRITANNICA – XX EDIZIONE



Prosegue  al Teatro Belli la rassegna Trend – nuove frontiere della scena britannica, curata da Rodolfo di Giammarco e giunta alla sua XX edizione. E mai come quest’anno gli spettacoli sembrano parlare direttamente allo spettatore, alle paure, alle incertezze, alle metamorfosi che l’anno pandemico ha prodotto e amplificato. I personaggi disturbati e disturbanti raccontano i nostri disagi, superabili o insuperabili, comunque molto umani e vivi, che toccano lo spettro intero dei nostri sentimenti.
 
E questa complessità risuona in Chef, magnificamente interpretato da Viola Marietti, in un monologo fisicamente ed emotivamente impegnativo, che stringe lo spettatore in una morsa tesissima, tra battute fulminanti e divertenti, momenti tragici e teneri che producono una connessione profonda tra pubblico e personaggio. Chef è rinchiusa in un box smerigliato con l’acqua che le arriva alle caviglie e che lei tenta disperatamente di asciugare usando i suoi vestiti di cui via via si libera mentre racconta di un padre violento e assente, una madre non protettiva, un ex traditore criminale e di come sia finita a gestire la cucina di un carcere femminile. Eppure Chef continua a sognare un suo ristorante, una stella Michelin e di pubblicare un libro di ricette che proprio in quella gabbia sta componendo.
 
Chef, diretto impeccabilmente da Serena Sinigaglia che amplifica la scrittura tesa e tagliente di Sabrina Mahfouz, evoca vite di periferia londinese, sabati sera passati a sbronzarsi e a mangiare cibo cinese scadente, serate di violenze insensate e inutili vestiti firmati. Chef cerca riscatto e lontananza, cerca l’amore, qualcuno da cui essere finalmente vista, qualcuno, forse di cui prendersi cura. Come Candice, la giovane detenuta sua sottoposta in cucina, che però la tradisce andando incontro a una tragica fine. Allora Chef si rifugia ancora una volta nel “cibo”, crea i suoi piatti, maneggia i suoi ingredienti, così riesce a vivere, per un breve momento, a lasciare di sé qualcosa di buono, anche se quel qualcosa verrà consumato subito, sparirà nelle viscere e sarà eliminato, sembrerà non lasciare più traccia se non nel remoto ricordo delle papille gustative. E così Chef, infine nuda sulla scena, spogliata di tutto, si aggancia alla sua essenza, si dà in pasto a se stessa, forse, pronta a ricominciare…
 
Nell’attesa di rivedere presto questo potente spettacolo sulle scene, vi invitiamo a continuare a seguire come noi di Kirolandia la rassegna dedicata alla scena britannica contemporanea che proseguirà ad impreziosire il TEATRO BELLI fino al 20 dicembre.

- Elena Costa -
_KIROLANDIA®_


Chef
Di Sabrina Mahfouz
Regia di Serena Sinigaglia
Con Viola Marietti
Un progetto di Viola Marietti, Marina Conti, Katarina Vukcevic
Traduzione Monica Capuani
Produzione Centro Teatrale Bresciano

www.teatrobelli.it

TREND 
nuove frontiere della scena britannica – XX edizione

Facebook 
TREND – Nuove Frontiere della Scena Britannica
 
Instagram
@trend_nuovefrontiere 

Twitter
@Trend_NFSB