MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge VeraKira

lunedì 15 dicembre 2014

KIROSEGNALIAMO 15-21 Dicembre 2014


Kirosegnaliamo





Kiri, continuano le segnalazioni in Kirolandia blog di cooperazione dell'omonima corrente culturale.
Per voi, di settimana in settimana, alcuni suggerimenti, piccoli e grandi, sia In che Off, selezionati sulla base delle vostre importanti indicazioni, in pieno kirostile, qualità libera da tutto e da tutti!!!


in PALCOSCENICO

DEBUTTO
“BILLIE LA FRIVOLA” di Rosi Giordano
TEATRO DUE ROMA teatro stabile d'essai - Roma - da Martedi 16 a Domenica 21 Dicembre 2014 -  ore 21.00_dom ore 18.00
A chiudere il lancio della stagione 2014-2015 del Teatro Due Roma, ci sarà Billie la frivola, uno speciale omaggio a un’artista. A una donna. Alla storia del jazz. Lo spettacolo tratteggia la figura indelebile della musica blues e jazz, la selvaggia fanciulla del quartiere nero di Baltimora, spirito libero e ingenuo, dolce e geniale. Billie Holiday. Un pianista, due attrici e una cantante, attraverso la loro singolarità, intrecciano uno scambio espressivo tra dramma e ironia, gioco e intensità per ricordare la sua unicità senza emulazioni.
Dal vivo musica, canto e parola si intrecciano creando una texture espressiva variegata attraverso i ritmi, le sonorità e le canzoni del repertorio della Holiday, mentre i momenti di vita, tratteggiati in maniera ideale e reale al contempo, parlano di lei, della sua esistenza disperata fatta di abusi, solitudine, violenza, droghe, discriminazione. Emergono il rapporto con la madre e il padre, con gli amici, con il pubblico e la via d’uscita del canto. Un percorso artistico e umano, oscillando tra l'ironia e il dramma, il gioco e l'intensità. Emerge di lei, Lady Day, la capacità unica di affrontare ogni cosa sdrammatizzando, con “magica frivolezza”. Lo spazio, sintetico ed essenziale, sfonda le barriere spazio-temporali, grazie all’uso di videoproiezioni di immagini e filmati d’epoca, che ci immergono nell’America, dagli anni ’30 alle soglie degli anni ’60,  in quella stessa nazione che l’ha accolta e rifiutata, denigrata ed esaltata come simbolo del riscatto della donna e del popolo nero nonostante le umiliazioni e limitazioni che subì nel suo percorso professionale.
Ass. Macroritmi e Stilnovo_Regia di Rosi Giordano -  Interpreti: Manuela Boccanera, Germana Flamini, Michela Lombardi –Pianista: Riccardo Fassi Musiche: Billie Holiday e Riccardo Fassi-Filmati d'epoca ed editing video a cura di Massimiliano Michetti-Fonica-Illuminotecnica:Fabrizio Murgante-Produzione:Vincenzo La Gioia


DEBUTTO
“SOGNI E BISOGNI incubi e risvegli” di Vincenzo Salemme
TEATRO OLIMPICO - Roma - da Martedì 16 Dicembre a Domenica 25 Gennaio 2014, -  ore 21.00_dom ore 18.00 - 25 dicembre ore 19:30
26 dicembre ore 17:00 e ore 21:00-31 dicembre ore 20:45-1 gennaio ore 19:30-6 gennaio ore 18:00-14 e 21 gennaio ore 17:00-Riposo 18, 23, 24 e 29 dicembre – 7, 8, 12, 19 gennaio
Dal 16 dicembre e per tutto il periodo delle feste torna sul palco del Teatro Olimpico il grande Vincenzo Salemme, presentando al suo affezionato pubblico romano una commedia brillante ricca dell’acuto umorismo proprio del grande mattatore napoletano e da lui scritta, diretta e interpretata.
Rocco Pellecchia, un anonimo e sconsolato piccolo borghese, la mattina di Ferragosto si rende conto che la sua virilità lo ha abbandonato; il suo alter ego è diventato un’entità autonoma dall’ironico nome di “Tronchetto della felicità”. Trascurato e considerato un semplice “inquilino del piano di sotto”, il Tronchetto si presenta dal suo antico padrone e gli dice chiaramente: «se non ricominci a sognare, tu non mi vedi più». Esterna così le sue frustrazioni in riflessioni semiserie sulla vita, evoca ricordi della giovinezza spensierata con l'intento di scuotere Rocco dalla sua condizione passiva per vivere avventure mai provate prima. Fino alla sorprendente conclusione.
Lo spettacolo sarà anche al centro della speciale serata del 31 dicembre che a mezzanotte vedrà il pubblico in sala brindare al nuovo anno assieme alla Compagnia.
Autore, regista interprete: Vincenzo Salemme, Intepreti: Nicola Acunzo, Vincenzo Borrino, Susy del Giudice, Antonio Guerriero, Domenico Aria, Sergio D’Auria, Andrea Di Maria, Raffaella Nocerino – Scena: Alessandro Chiti – Musiche: Antonio Boccia - Costumi Mariano Tufano -
Luci: Umile Vaieneri – Valeria Esposito per “Chi è di Scena” e Gianpiero Mirra per “Diana Or.i.s.”

DEBUTTO
CERCASI CASA DISPERATAMENTE di Antonio Abet e Salvatore Rivoli
TEATRO MILLELIRE  - Roma – da Giovedi 18 a Domenica 21 Dicembre, ore 21.00_dom ore 18.00
Una divertente commedia. Un napoletano, il dott. Varriale, e una ciociara, la signora Gigante, si rivolgono alla stessa agenzia immobiliare per trovare un appartamento in affitto a Roma dove i due si trovano per lavoro.
Per un caso fortuito si trovano a visitare lo stesso appartamento che, per una regola condominiale imposta dalla sorella del cardinale Pacelli, la zitella che abita al primo piano dello stabile, non può essere abitato da "single". Dopo lunghe insistenze l'agente immobiliare convince i due ad abitare lo stesso appartamento e a fingersi marito e moglie.
Noi… Gesti d'Arte e Partenopei e parte...Napoletani – Autori: Antonio Abet e Salvatore Rivoli - Regia Salvatore Rivoli -
Interpreti: Roberto Celestini, Pietro Clementi, Flavia Di Domenico, Daniele Di Matteo, Valentina Mancini, Salvatore Rivoli, Giovanna Valente

DEBUTTO
Non per vantarmi ma avevo capito tutto… Un uomo avanti di Massimo Mirani e Daria Veronese
Kirolandia media partner
TEATRO STUDIO UNO  - Roma -  da Giovedi 18 a Domenica 21 Dicembre 2014, ore 21.00_dom ore 18.00
Spettacolo emozionante e sincero omaggio a Pier Paolo Pasolini, semifinalista al Roma Fringe Festival 2014. Scrittore, poeta, regista, intellettuale straordinario e controverso Pier Paolo Pasolini, viene ricordato in questo intenso e coinvolgente monologo interpretato da Massimo Mirani, che ne ripercorre la storia, partendo dalla morte e rievocando così personaggi, voci, dialetti, musiche, ma anche gli affetti, la sessualità, il cinema e la politica. Al centro la grande poesia dell’autore, ora privata, ora pubblica e politica, ora serena ora tragica, ora affilata ora carezzevole, ora pudica ora sfrontata e scandalosa. A quasi quarant’anni dalla scomparsa di Pasolini questo spettacolo esalta e sottolinea  con estrema semplicità e chiarezza le mille facce di uno degli artisti più discussi amati e odiati del nostro tempo riuscendo a mettere in luce il suo pungente sguardo visionario e profetico. La biografia dell’artista si completa si confonde con l’analisi di un periodo storico delicato e complesso, argomenti scomodi e poco convenzionali che in questa messa in scena vengono raccontati con coraggio, offrendo un nuovo e interessante punto di vista per comprendere un artista e “un uomo avanti”.
CapsaService_Autori: Massimo Mirani e Daria Veronese-Regia Daria Veronese-Interpreti: Massimo Mirani-Disegno luci, musiche e video  Massimo Sugoni- Kirolandia mediapartner
www.teatrostudiouno.com

DEBUTTO
 “ANDERSEN 2014 FIABE CHE NON SONO FAVOLE” di Emanuela Ponzano
con il Patrocinio dell'Ambasciata di Danimarca
TEATRO OROLOGIO – Sala Moretti - Roma - da Giovedi 18 a Domenica 21 Dicembre 2014,  ore 21.00_dom ore 18.00
Il “brutto anatroccolo", "Le scarpette rosse”, "La piccola fiammiferaia", “I vestiti nuovi dell’ Imperatore”,“Il soldatino di Stagno”, “La sirenetta”, “Il Burattinaio”, “L’ombra”... Tramandate di generazione in generazione, le fiabe di Hans Christian Andersen sono storie vere e inventate di uomini, cose e animali, che hanno un'impronta indefinibile di ironia e ingenua finezza popolana. Un mondo spesso spietato, a volte generoso che esprime le paure, le speranze, le difficoltà della vita. Cosa ci lasciano queste fiabe e perché non riusciamo a scordarle?. Tra critica e fascinazione, tra politica e fantasia, ANDERSEN 2014 ruota intorno al racconto d’infanzia e l’impatto duro e crudo dell’era contemporonea, della realtà italiana che offusca la creatività e l’immaginazione. ANDERSEN 2014 è prima di tutto un viaggio all'interno di un mondo, il nostro, quello dei sempre più poveri e dei sempre più ricchi, quello del materialismo e della televisione che annienta gli ideali, la conoscenza e il libero pensiero. La scelta della Compagnia KAOS cade su Andersen, poeta danese che ci ha donato un tipo di fiaba utile alla formazione della mente, di una mente aperta in tutte le direzioni: una leva fondamentale per l'educazione dell’uomo, che non è solo un esecutore ordinato e limitato, un consumatore facilmente plasmabile, un subalterno.Le fiabe di Andersen sono storie inventate, basate sulla fantasia dell’autore e soprattutto basate sulla realtà sociale del suo tempo. Eppure queste storie non son cambiate. Chi è oggi il piccolo anatroccolo o la piccola fiammiferaia? Mescolando linguaggi diversi, suoni, suggestioni e silenzi, con la musica originale di Teho Teardo, i temi fondamentali della fiaba emergono - la vita, la morte, la rinascita, la diversità, l’apparenza e il potere– e i personaggi come ombre escono dal libro per calarsi nella realtà contraddittoria di oggi, come dei fantasmi persi e in cerca di verità. Dal mito al consumismo, dagli eroi alla perdita d’identità. Dopo “Sogno (ma forse no)” di Pirandello e “La più Forte” di Strindberg con la regia di Emanuela Ponzano, Il progetto di spettacolo “Andersen 2014” che la Compagnia KAOS propone, continua il confronto tra realtà e finzione e vuole mettere l’accento sulla riscrittura attuale di alcune fiabe di Andersen per affrontare le tematiche di oggi tra incomunicabilità , solitudine, povertà e speranza in una messa in scena che ricorderebbe oggi il cinema di Tim Burton. Tutto questo nelle più intime sfaccettature dell’universo di Andersen grazie a marionette, luci e ombre, disegni di carta tra ironia, crudeltà, verità e poesia. (Emanuela Ponzano)
Associazione Culturale KAOS_Testi tratti dalle fiabe di Hans Christian Andersen di Serena Grandicelli, Matteo Festa e la linea drammaturgica di Emanuela Ponzan - Interpreti: Graziano Piazza e con Alberto Caramel, Emanuela Ponzano, Maria Teresa Pascale, Davis Tagliaferro, Yavan Wolde –Musiche: Teho Teardo-Scene: Paki Meduri-Costruzione scene: Claudio Petrucci-Costumi:Marco Calandra-Disegno luci:Cesare Lavezzoli-Assistente alla regia: Ester Tatangelo, Andrea Dugoni-Collaboratori:Christian Mario Angeli, Francesca Beatrice Vista-Marionette: Ivan Franek e Antonia D’amore-Tecnico luci: Paolo Meglio-Fotografa di scena: Sefora delli Rocioli-Organizzatrice di compagnia: Annalisa Siciliano-Riallestimento spettacolo sostenuto da Carrozzerie n.o.t e residenze creative del Teatro Potlach, Corviale e Teatro lo Spazio creazione in collaborazione con Teatro METASTASIO Stabile di Toscana
www.teatrorologio.it

DEBUTTO
“FIABE DI NATALE” di Cristina Bartolini
CENTRALE PRENESTE TEATRO  - Roma - (Dai 3 anni in su), Domenica 21 Dicembre 2014 - ore 16.30
A pochi giorni dal Natale, uno spettacolo dedicato alle magiche e suggestive atmosfere di questo periodo. Sulla scena due attori e un'animatrice propongono tre diverse storie di ambientazione natalizia: Babbo Natale e l’oca canterina, Hansel e Gretel sotto la neve e Doni del popolo piccino.
Nel primo racconto il protagonista è l’amatissimo Babbo Natale che compra al mercato un'oca canterina. Tornando a casa si perde nel bosco del Maleficio e decide di passare la notte in una vecchia capanna. Il cattivo Troll gobbo, signore del bosco, ordina alla Talpa sua serva di ammazzare la povera ochetta, spiumarla e cucinarla ben bene. Ma la Talpa ha buon cuore e riesce a scappare con Babbo Natale e l'oca, va ad abitare con loro e insieme trascorrono delle splendide feste, allietate dalle celestiali melodie dell'oca canterina.
In Hansel e Gretel sotto la neve tutte le briciole di pane che Hansel aveva sparso per ritrovare la via di casa sono nascoste da un fitto manto bianco di neve. E così Hansel e Gretel si ritrovano nel bosco, nella casetta di marzapane della strega cattiva. Come per la storia classica il finale felice è garantito, ma in questo racconto coincide addirittura con un felice e bianco Natale!
Infine l’ultima storia dal titolo I doni del popolo piccino racconta del calzolaio Giuseppino e della moglie Mariuccia che sono così poveri da possedere soltanto una piccola quantità di cuoio. Ogni sera vanno a dormire con lo stomaco vuoto ma, forse perché è Natale e a Natale le notti sono magiche, accade che il mattino dopo al posto del cuoio, trovano un paio di scarpe pronte per essere vendute. La stessa cosa accade il giorno seguente. Una bella sorpresa, ma anche un bel mistero! Alla fine i due decidono di scoprire chi si cela dietro questi fatti inspiegabili: e sarà un incontro dolcissimo, emozionante, quello con gli gnomi di buon cuore a cui il calzolaio e la moglie dimostreranno la propria riconoscenza facendo del Natale un vero giorno di festa, di gioia e di calore.
Teatro Evento_Autrice: Cristina Bartolini-Regia e scene: Sergio Galassi-Interpreti: Cristina Bartolini, Massimo Madrigali e Tzvetelina Tzvetkova-Pupazzi e figure: Laboratorio Teatro Evento

--
Spettacolo inerente alla Rassegna Infanzie in gioco 2014/15 del Centrale Preneste Teatro che prosegue sino al 29 Marzo 2015. Per il quarto anno consecutivo il sipario del teatro si apre per dare spazio a spettacoli dedicati ai più piccoli e alle loro famiglie. L’iniziativa è organizzata dalla Compagnia Ruotalibera e da Centrale Preneste Teatro per le nuove generazioni con il sostegno della Regione Lazio - Direzione Regionale Cultura e Politiche Giovanili e in collaborazione con il Municipio V di Roma Capitale.
Ogni domenica alle ore 16.30. In cartellone 24 spettacoli con racconti e storie per grandi e piccini. Alcuni sono proposti dalla Compagnia Ruotalibera, ma tantissimi sono gli ospiti provenienti da Roma e da tutta Italia. Un cartellone ricco e variegato che propone tanti spettacoli divertenti ed educativi per imparare e crescere in famiglia.
www.centraleprenesteteatro.blogspot.it

DEBUTTO
“IL VIAGGIO DI CRISTO” di Claudio Proietti
Basilica di San Lorenzo in Lucina- Roma- Sabato 20 Dicembre 2014 – ore 19.40
Un emozionante viaggio.
È il viaggio di tutti noi, ci riguarda profondamente, nell'attimo in cui prendiamo coscienza che è arrivato il momento di prendere in mano la nostra vita.
Quel momento può arrivare a qualsiasi età e più volte nell’arco della nostra esistenza. Arriva, prima o poi, quell’istante in cui si decide di andare verso la realizzazione di noi stessi e del nostro destino. Allora, inevitabilmente, ci separiamo da tutto quello che ci aveva accompagnato fino a quel momento: persone, idee, luoghi. Semplicemente, si va!
“Ho immaginato un dialogo tra quella Madre e quel Figlio la notte prima della loro separazione” spiega l'autore “Ogni figlio, prima o poi, deve staccarsi da sua madre. È un evento naturale”.
Il testo si rivolge a tutti, ma soprattutto ai giovani. A coloro che vivono quel momento della vita in cui bisogna decidere che strada prendere, senza farsi influenzare da nessuno. “Ecco, mi auguro che ognuno di loro trovi la forza e il coraggio di seguire la propria stella. Buon viaggio”.
Autore e regista: Claudio Proietti-Interpreti: Barbara Scoppa e Simone Ciampi-Musiche originali:Santo Tringali

PROSEGUE
 “Verso occidente l'impero dirige il suo corso” di David Foster Wallace
Con il patrocinio dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico”e dell’Ambasciata degli Stati Uniti d’America a Roma
TEATRO OROLOGIO – Sala Orfeo - Roma - da Martedi 2 a Domenica 21 Dicembre 2014,  ore 21.15_dom ore 17.45
Per la prima volta in Italia
La compagnia BluTeatro porta in scena lo spettacolo “Verso Occidente l’Impero dirige il suo corso” di David Foster Wallace, autore cult della letteratura americana contemporanea, e omaggia l’autore con eventi speciali ed incontri di approfondimento dedicati alle sue opere.  Verso Occidente l'impero dirige il suo corso è il ritratto di un’epoca in bilico fra sfinimento e saturazione, fra input troppo banali da elaborare e input troppo intensi da sopportare. È una critica alle insidie della cultura dei media e della pubblicità e alle degenerazioni della letteratura postmoderna. È il dipinto a tinte brillanti delle inquietudini contemporanee: la paura della solitudine, il moltiplicarsi delle fobie, il rapporto con il proprio corpo in relazione ai modelli proposti, la portata politica del sistema televisivo, le deformazioni del consumismo.
E’ la storia di sei personaggi – il capo di una grande agenzia pubblicitaria, un clown scontroso che profuma di cannabis, una poetessa postmoderna, un giovane arciere malato di timidezza, un aspirante attore claustrofobico, una bella hostess che forse non è quello che sembra -  il cui comune scopo è raggiungere una cittadina dell’Illinois, per radunarsi con gli altri quarantaquattromila attori, attrici, burattinai, clown disoccupati che siano mai comparsi in uno spot di McDonald’s. Una riunione dove migliaia di persone si conosceranno e mangeranno all’insegna del consumismo, sotto gli obiettivi delle telecamere.
Blu teatro_Autore: David Foster Wallace- Regista: Luca Bargagna-Interpreti:: Valeria Almerighi, Viviana Altieri, Luca Bargagna, Vincenzo D'Amato, Luca Mascolo, Massimo Odierna, Sara Putignano- Elementi di scena: Edoardo Aruta-Foto e video: Daniele Alef Grillo-Progetto grafico e web: Francesco Morgante-Organizzazione BluTeatro: Maria Piccolo-Produzione: BluTeatro /Teatro dell’Orologio
www.teatrorologio.it

PROSEGUE
“TEMPI SUPPLEMENTARI” di Marco Falaguasta
TEATRO TESTACCIO – Roma - da Martedi 2 a Martedi 30 Dicembre ore 21.00_dom ore 18.00 - 24 e 25 Dic. riposo - 26 Dic., ore 18.00
Come guardano i giovani all'universo della terza età? Prova a raccontarlo con ironia lo spettacolo Tempi supplementari.
Elvio (Stefano Antonucci) è un vecchio musicista, un artista a tutto tondo, che quasi per caso, dopo tanti anni, incontra di nuovo i suoi nipoti, Giulio (Luca Latino) e Stefano (Flavio Moscatelli). Li aveva lasciati poco più che bambini, ora li ritrova uomini. Elvio si domanda se, nonostante il tanto tempo tempo trascorso e i tanti cambiamenti, sia possibile recuperare il rapporto con i due ragazzi nei confronti dei quali sente di avere una grossa colpa da farsi perdonare. A poco a poco il vecchio artista scopre il piacere di poter ancora imparare dai giovani e allo stesso tempo la gioia di poter trasmettere loro la sua immensa esperienza di vita.
Una storia comica, romantica e delicata, ma allo stesso tempo originale e dissacrante sul tema attualissimo del rapporto generazionale tra giovani e anziani. Tempi supplementari è una delle prime commedie scritte da Marco Falaguasta.
Autore, regista: Marco Falaguasta-Interpreti: Luca Latino, Flavio Moscatelli, Stefano Antonucci, Camilla Diana e Annabella Calabrese-Scenografia: Adelaide Stazi- Luci e Fonica: Simone China
www.teatrotestaccio.it

circa gli SPETTACOLI con DEGUSTAZIONE

PROSEGUE
“Eyes Wine Shot- lo spettacolo/degustazione” con Giuseppe Gandini e Gianantonio Martinoni
TEATRO VASCELLO – Roma  - da Venerdi 12 a Domenica 14 Dicembre 2014 – ore 21.15_dom e festivi ore 19.15
Prosegue ogni fine settimana
Uno spettacolo degustazione che tra ironia e un calice di vino condurrà lo spettatore alla scoperta del mondo enologico.
Uno spettacolo esilarante, divertente e ricco di informazioni sul vino, la sua storia, la sua chimica e il suo linguaggio. Un racconto serrato sul nettare degli Dei con una lettura ironica del linguaggio che si legge nelle guide enologiche. Uno spettacolo piccolo e divertente che si accompagna perfettamente a una degustazione. Uno spettacolo, adatto per qualsiasi luogo e che qui si svolgerà nel foyer/bar del Teatro Vascello.
Testi di grandi autori (Gaber, Neruda), informazioni semiotico-scientifiche e sketch derivati dall’improvvisazione regalano al pubblico 50 minuti di puro divertimento durante il quale saprete ‘tutto quello che volevate sapere sul vino e non avete mai osato chiedere’ (in enoteca).
Interpreti: Giuseppe Gandini-Gianantonio Martinoni
www.teatrovascello.it

del BURLESQUE con Reading

DEBUTTO
“NAKED GIRLS READING (ROME) CHRISTMAS EDITION” di Albadoro Gala
TEATRO CENTRALE - Roma  - Domenica 21 Dicembre 2014,  dalle ore 20.00
Dopo il successo del primo reading tenutosi lo scorso ottobre, che ha visto tremeravigliose performer di burlesque, leggere (nude) i Sonetti di Shakespeare,  torna a Roma il format proveniente dalla brillante Chicago, che in questa domenica natalizia celebrerà lo spirito delle feste con un'edizione decisamente a tema.
Le celebrazioni del corpo e le glorificazioni del proibito. Tanti i modi in cui la fisicità è stata mostrata... ed oggi, c'è ne uno in più! Con sensualità ed eleganza, N.G.R.(acronimo Naked Girls Reading) accenderà gli animi dei curiosi ed amanti del mood Nude... il tutto senza tralasciare l'aspetto fondamentale dell'evento: la Letteratura.
Ed in aria di Natale, non potevamo perderci quest'occasione! Naked Girls Reading - Christmas Edition proporrà al pubblico selezionato, una lettura (decisamente particolare) del grande classico A Christmas Carol - Canto di Natale, dove i fantasmi del passatopresente e futuro, questa volta faranno meno timore del solito, poichè avranno sguardi sensuali e   candide ed incipriate pelli ...adornate solo da perle e monili preziosi! N.G.R. infatti, è un evento che gioca sull'apparente stridente contrasto tra nudo e classico letterario. In una stanza d'albergo, o nell'intimo foiés d'un teatro, circondate da un piccolo pubblico silenzioso, attrici, artiste e donne di ogni genere recitano o leggono i versi tratti dai grandi classici della letteratura mondiale.
In questa occasione, introdotte dalla padrona di casa Albadoro Gala, leggeranno il grande classico di Charles Dickens, l'attrice Mariaelena Masetti Zannini, l'artista di strada Mimì Bohèmien e la burlesque performer Candy Rose, rigorosamente prive dei loro suadenti abiti e vestite solo con ciò che l'Altissimo gli ha fornito in dote. Non possiamo immaginare qualcosa di più sensuale ed intimo di una donna nuda, in una piccolo e curato spazio, leggere grandi classici della letteratura, alla luce fioca di lanterne d'epoca, drappeggi damascati e porcellane d'altri tempi...
Albadoro Gala_ Sul palco: Mariaelena Masetti Zannini, Mimì Bohèmien, Candy Rose
www.centraleristotheatre.com

sul CINEMA

DEBUTTO
“UN GATTO A PARIGI” di Jean Loup Felicioli e Alain Gagnol
Qualifica Film d’essay dal Ministero.
NELLE SALE ITALIANE da Giovedi 18 Dicembre
Film di Animazione
Il gatto Dino ha una doppia vita. Di giorno vive con la piccola Zoé, figlia unica di Jeanne, capitano di polizia. Di notte invece sale sui tetti di Parigi con Nico, un ladro abile e di buon cuore. 
Zoé ha smesso di parlare da quando suo padre, poliziotto come la moglie Jeanne, è stato ucciso da un noto criminale, Victor Costa. Jeanne è totalmente votata al lavoro e non dedica molto tempo alla figlia: è impegnata a organizzare la sorveglianza del Colosso di Nairobi, una preziosa statua presa di mira da Victor Costa. 
Dino, di ritorno dai suoi giri notturni, porta spesso a Zoé dei doni: un giorno le porta un braccialetto che l’assistente di Jeanne, Lucas, riconosce come parte del bottino di una rapina. Qualche sera dopo, Zoé decide di seguire di nascosto il suo gatto. Incappa così nella gang di Victor Costa, e scopre che Claudine, la sua fidata baby-sitter, fa parte della banda.
TRAILER
Durata: 70 Minuti
www.catinparis.com - www.pfafilms.com

DEBUTTO
“PROTAGONISTI PER SEMPRE” di Mimmo Verdesca
CASA DEL CINEMA - Sala Grande (Deluxe) – Roma - 19 Dicembre 2014 ore 20.30
Grazie al generoso sostegno e all’ospitalità del direttore Caterina d’Amico
Vincitore del Nastro d’argento 2012 per il “Miglior documentario sul cinema” con il film “In arte Lilia Silvi”.
Il nuovo documentario racconta le esperienze umane e professionali dei più celebri attori bambini che, dal Neorealismo a oggi, hanno popolato il cinema italiano. In film che vanno da I bambini ci guardano a La Ciociara, fino a Nuovo Cinema Paradiso, La vita è bella e molti altri. Alcuni hanno continuato la loro carriera, altri l'hanno subito interrotta dopo un grande successo. Li ritroveremo oggi per raccontare quell’esperienza. Scopriremo cosa è accaduto dopo e se i loro pensieri confidino attese mancate, delusioni e rimpianti, oppure rivelino serenità e soddisfazioni. Per riflettere su come, anche in periodi storici diversi, tutto questo può condizionare il percorso di una vita. L’intento di questo documentario è anche quello di tutelare la Memoria.
Produzione:ScenaSet con il contributo della Fondazione Musicale Vincenzo Maria Valente e Cattolica Popolare.
Ideato, montato e diretto: Mimmo Verdesca, in collaborazione con Cinecittà Luce- Interpreti:Andrea Balestri, Eleonora Brown, Giorgio Cantarini, Totò Cascio, Luciano De Ambrosis, Agnese Giammona, Nella Giammona, Rinaldo Smordoni.  Musiche: Germano Mazzocchetti.
Sono previste altre tre proiezioni nella rassegna SPAZIO DOC della Casa del Cinema. Le date sono: 18 dicembre ore 17.00; 20 dicembre ore 18.00; 21 dicembre ore 18.00. Presso la Casa del Cinema.
www.casadelcinema.it

PROSEGUE
 “LA PAZZA DELLA PORTA ACCANTO” di Antonietta De Lillo
Film ritratto di Alda Merini
NELLE SALE ITALIANE 17-18 Novembre 2014 e gg. seguenti 
Mariposa Cinematografica porta nelle sale italiane il film documentario La pazza della porta accanto, ritratto di Alda Merini realizzato da Antonietta De Lillo e prodotto da marechiarofilm.
Il volto di Alda Merini, i dettagli dei suoi occhi e delle sue mani compongono un ritratto d’artista che non nasconde le contraddizioni delle vita e le opere di una tra le più importanti figure letterarie del XX secolo, che Mariposa ricorda a 5 anni dalla sua scomparsa portando in contemporanea in alcune città il documentario.
Presentata con successo lo scorso anno al Torino Film Festival, la pellicola offre allo spettatore uno sguardo inedito su Alda Merini, restituendone con semplicità la grandezza umana e artistica.
La pazza della porta accanto nasce da materiale non montato nel primo lavoro che la De Lillo dedica alla Merini (Ogni sedia ha il suo rumore, 1995). A distanza di 20 anni, grazie alla collaborazione di Rai Cinema, quelle interviste sono state recuperate in questo ritratto intimo e familiare nel quale la poetessa ci parla della propria vita oscillando tra pubblico e privato e soffermandosi sui capitoli più significativi della sua esistenza – dall’infanzia agli amori, dalla maternità e il rapporto con i figli alla lucida e toccante riflessione sulla poesia e l’arte.
Data l’importanza culturale e le tematiche affrontante, il film avrà una distribuzione in profondità che proseguirà nei prossimi mesi. Tra gli obiettivi anche le scuole al quale il film verrà proposto quale strumento didattico di lettura della realtà contemporanea.
Distribuzione: Mariposa Cinematografica- Produzione Marechiarofilm
Regia: Antonietta De Lillo
www.marechiarofilm.it

PROSEGUE
 “SARA’ UN PAESE” di Nicola Campiotti
NELLE SALE ITALIANE da Giovedi 20 Novembre 2014
Il Comitato Italiano per l’UNICEF sostiene il film per l’alto valore del messaggio contenuto.
Riconosciuto Film di Interesse Culturale nazionale dal MiBAC
Sulle tracce dell’eroe fenicio Cadmo, cui il mito attribuisce l’introduzione in Grecia dell’alfabeto, Nicola, trentenne incerto sul futuro, e il fratello Elia, dieci anni, intraprendono un viaggio in Italia alla ricerca di un nuovo linguaggio, per ridare alle cose il loro giusto nome e restituire un senso alle parole. In questo peregrinare, fatto di volti e luoghi, realtà dolorose e memorie storiche, la strada diventa percorso di formazione e insieme di esplorazione immaginaria. Al confine tra documentario e finzione, il film racconta le speranze del Paese che sarà.
TRAILER
Distribuzione Indipendente-Produzione: Indrapur Cinematografica -Produttore: Sergio Scapagnini
Regia: Nicola Campiotti-Soggetto: Nicola Campiotti -Sceneggiatura: Nicola Campiotti in collaborazione con Antonia Paolini-Cast: Elia Saman, Graziella Marota, Matilde Gardini, Serge Latouche, Sista Bramini, Gianluca Foresi-Fotografia: Leone Orfeo-Montaggio: Enrica Gatto-Suono: Simone Costantino-Musiche: Stefano Lentini
www.distribuzioneindipendente.it

in merito alle FESTE

DEBUTTO
“KIROBRINDISI DI NATALE kirosalotto semintellettuale dei Kiri” di Kirolandia
JET LAG 64 CAFE’ – Roma - Venerdi 19 Dicembre ore 20.30
Finalmente arriva il Natale ed i Kiri di KIROLANDIA corrente culturale si ritrovano per il consueto KIROBRINDISI di NATALE – la Kirotana ufficiale per un incontro gioioso e sorridente quanto informale per salutarsi prima delle abbuffate...
Colore dominante il ROSSO - Metti qualcosa di questo colore e un tenue fil rouge ci unirà tutti, anche un paio d’orecchini, una cravatta, un puntino disegnato sul naso...
La KIROTOMBOLA - Poi tutti a giocare... Un giro di tombola con premi rigorosamente in cicchetti e bevute varie, rinvestendo subito il cucuzzaro!!!
Piccola KIROMOSTRA di foto che evocano la stagione invernale - Federica Flavoni (MayaKira) e Rossella Maffeo (VirusKira) organizzano un’esposizione informale con una piccola KIROASTA con tanto di Kirobanditore. Il ricavato andrà tutto in beneficenza ad un’associazione che sarà designata la sera stessa ed il bollettino compilato al momento!  Sei un fotografo? Vuoi partecipare? Mettiti in contatto con noi, la stampa della foto richiesta e su semplice carta fotografica formato 20x30 per capirci formato A4. Appenderemo anche la tua foto sul filo rosso...
KiroOspite? Il poeta Fabio Chiarini - In anteprima assoluta per Kirolandia il suo nuovo libro di poesie "Pensieri dal tramonto all'alba"
Ma che Festa è il Natale? Annalisa Laghi (XizKira) e Lucia Paolantonio  (RadioKira) ci raccontano con pochi cenni simpatici il Natale cos’è e cosa si mangia...
Qualcosa sul Natale ve lo legge Andrea Alessio Cavarretta (IppoKiro) Immancabile, egocentrico, ostinato, diventato AcciuKiro... pieno di energia e voce!!! KIROBRINDISI finale!!!
Direttore artistico:Andrea Alessio Cavarretta - Direttore organizzativo:Giovanni Palmieri.
https://www.facebook.com/jet.lag.98?fref=ts

DEBUTTO
“FABRIQUE DU CINÉMA FESTEGGIA I SUOI 2 ANNI CON UN GRANDE PARTY Presentazione del n.8 della rivista”
STUDIOS – Roma – Venerdi 19 Dicembre 2014, ore 18.30 
“Fabrique du Cinéma”, la freepress dedicata al nuovo cinema italiano, presenta il 19 dicembre il suo ottavo numero in uno dei luoghi simbolo del cinema italiano: gli Studios. Una serata unica che proporrà performance di danza, proiezioni di cortometraggi, mostre, musica dal vivo e djset. L’evento ospiterà la premiazione del Premio Solinas 2014, la presentazione dell’edizione Cortinametraggio 2015 e vedrà alternarsi sul palco molti ospiti tra cui Luca Argentero che presenterà il progetto MegaTube e gli STAG con il loro concerto live. Il tutto preceduto alle 18.30 da una tavola rotonda con produttori, registi, esperti di mercato e distributori che spiegheranno i meccanismi delle coproduzioni internazionali. L’evento sarà seguito in esclusiva da Radio Monte Carlo.
Nel numero 8: focus su un’attrice pronta a esplodere sul grande schermo, Miriam Dalmazio, Wim Wenders spiega che cos’è la bellezza, una madre e un figlio si incontrano in Last Summer, opera prima di Leonardo Guerra Seràgnoli, giovani registi crescono, il nuovo documentario italiano che vince ai festival e sul web, la scoperta della realtà attraverso la videocamera nel romanzo grafico a puntate di Loris Nese in esclusiva per Fabrique e molto altro.
www.studiosinternational.com

circa L’ARTE

DEBUTTO
“L'ARTE E LA LETTERATURA DEL NATALE ANTICA FESTA DEI BRUMALIA”di Annalisa Laghi, Andrea Alessio Cavarretta, Lucia Paolantonio
PIAZZA DEL POPOLO - Roma - Domenica 21 Dicembre, ore 16.30.
Appuntamento a PIAZZA DEL POPOLO lato Basilica Santa Maria del popolo
A grande richiesta continuano i percorsi artistico-letterari anche per uno dei giorni più attesi e festeggiati dell’anno ricco in regali e significato. Vi presentiamo una passeggiata insolita tra luci, presepi, alberi, per raccontarvi il Natale di ieri, di oggi e di domani, a Roma e nel mondo. La visita è condotta dalle storiche dell’arte Annalisa Laghi e Lucia Paolantonio pronte a parlarci della storia di questa grande festa nella cultura di tante genti.
Lo scrittore metropolitano Andrea Alessio Cavarretta di Kirolandia accompagna ancora una volta il percorso con riflessioni e letture autorevoli.
Alla fine della visita saremo lieti di brindare con voi per augurarvi buone feste e donarvi un piccolo pensiero.
Curatori del percorso : Annalisa Laghi, Andrea Alessio Cavarretta, Lucia Paolantonio
www.lacittachesale.net

PROSEGUE
“I BASSIFONDI DEL BAROCCO. La Roma del vizio e della miseria a cura di Francesca Cappelletti e Annick Lemoine
VILLA MEDICI - Grandes Galeries - Roma  - sino a Domenica 18 Gennaio 2015,  da martedì a domenica (chiuso il lunedì) 11.00-19.00 (ultimo ingresso alle 18.30).
Curata da Francesca Cappelletti, professore di storia dell’arte moderna dell'Università degli Studi di Ferrara, e Annick Lemoine, responsabile del dipartimento di Storia dell'arte dell'Accademia di Francia a Roma e professore all’Università di Rennes 2.
In collaborazione tra l’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici e il Petit Palais, Musée des Beaux-Arts de la Ville de Paris.
I bassifondi del Barocco svela il lato oscuro e volgare della Roma barocca, quello dei bassifondi, delle taverne, dei luoghi di perdizione. Una Roma “alla rovescia”, abitata dai vizi, dalla miseria e da eccessi di ogni tipo, che è all’origine di una stupefacente produzione di opere, ricca di paradossi e invenzioni. L’esposizione mostra per la prima volta questo aspetto trascurato della creazione artistica romana, da Caravaggio a Claude Lorrain, mostrando il volto nascosto della capitale del papato, fastosa e virtuosa, e degli artisti che lì vissero. Roma nel Seicento era il centro culturale più vivo e all’avanguardia d’Europa e attirava artisti da tutti i paesi. Italiani, francesi, olandesi, fiamminghi, spagnoli che vissero e fecero carriera nella capitale delle arti. A contatto con questa “splendida e misera città”, sovvertirono i codici espressivi e i canoni di bellezza, confrontandosi con l’universo dei bassifondi, la vita notturna e i suoi pericoli, il Carnevale e le sue licenze.
La mostra presenta più di cinquanta opere, realizzate a Roma nella prima metà del XVII secolo da artisti provenienti da tutta l’Europa, tra cui Claude Lorrain, Valentin de Boulogne, Jan Miel, Sébastien Bourdon, Leonaert Bramer, Bartolomeo Manfredi, Jusepe de Ribera, Pieter van Laer. Il pubblico potrà scoprire nelle Grandes Galeries i dipinti dei più grandi pittori Caravaggeschi, dei principalipaesaggisti italianizzanti e dei Bamboccianti, araldi della rappresentazione della vita comune di Roma e della campagna circostante. Quadri, disegni, stampe provenienti dai più importanti musei europei, ma anche opere che fanno parte di collezioni private, raramente esposte in pubblico.
Curatori: Francesca Cappelletti e Annick Lemoine
www.villamedici.it

PROSEGUE
“MEMLING. RINASCIMENTO FIAMMINGO a cura di Till-Holger Borchert
SCUDERIE DEL QUIRINALE – Roma – sino a Domenica 18 Gennaio 2015, orari vari.
Per la prima volta al pubblico italiano una grande rassegna dedicata ad Hans Memling, l'artista che nella seconda metà del Quattrocento, dopo la morte di Rogier van der Weyden sotto cui si era formato, divenne il pittore più importante di Bruges, cuore finanziario delle Fiandre e centro di produzione artistica tra i più avanzati dell'area fiamminga. Una mostra monografica sull’eccelso protagonista assoluto del Rinascimento fiammingo. La mostra riguarda ogni aspetto della sua opera, dalle pale monumentali d'altare ai piccoli trittici portatili, oltre ai celeberrimi ritratti, genere in cui Memling seppe perfezionare lo schema campito su uno sfondo di paesaggio, che esercitò una fortissima seduzione anche presso numerosi artisti italiani del primo Cinquecento. Si approfondiscono le forme di mecenatismo che fecero da propulsore per la carriera dell'artista. Memling divenne il pittore preferito della potente comunità di mercanti e agenti commerciali italiani a Bruges, diventando l'erede dei venerati maestri fiamminghi ormai scomparsi, Jan Van Eyck e Rogier van der Weyden. Fin dall'inizio della sua attività indipendente come pittore di tavole, Memling riuscì a creare una sintesi dei notevoli risultati di entrambi quei maestri, già tenuti nella più alta considerazione dalla nobiltà italiana e dalle élite urbane che ne fecero il loro pittore di riferimento.
Curatore: Till-Holger Borchert
www.scuderiequirinale.it

Kirosegnaliamo esce all’inizio di ogni settimana, chi volesse darci comunicazione di eventi con rilievo artistico-culturale può scriverci a kirolandia@gmail.com oppure info@kirolandia.com,  entro la domenica precedente, specificando chiaramente la richiesta di segnalazione, provvederemo previa specifica selezione all'inserimento … 

Se consideri questo post interessante scrivi un commento e/o clicca mi piace!!!    

Nessun commento:

Posta un commento