MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | frida.artes | cookie law
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | VIDEO | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA
IppoKiro PutzoKiro MayaKira LoveKira VirusKira ManuKira AttiroKira Krouge ChiKira VolpocaKiro MireKira

lunedì 16 marzo 2015

KIROSEGNALIAMO 16-22 Marzo 2015

Kirosegnaliamo
K-news



Kiri, continuano le segnalazioni in Kirolandia blog di cooperazione dell'omonima corrente culturale.Per voi, di settimana in settimana, alcuni suggerimenti, piccoli e grandi, sia In che Off, selezionati sulla base delle vostre importanti indicazioni, in pieno kirostile, qualità libera da tutto e da tutti!!!





circa il  TEATRO

DEBUTTO
“LUNGS” di Duncan Macmillan
TEATRO OROLOGIO – Sala Gassman - Roma da Martedi 17 a Domenica 29  Marzo 2015,  ore 21.15_dom 17.45
Un dialogo amoroso mozzafiato, una storia d’amore spiazzante, brutalmente onesta, divertente e attuale, che dà voce alla generazione dell’incertezza.
In un’epoca di ansia globale, terrorismo, incertezza climatica e instabilità politica, una giovane coppia inizia la fatidica discussione sull’avere o meno un bambino, in un tempo serrato che non lascia spazio neanche al respiro. A pensarci troppo su, si finisce per non farlo più; ad affrettare la decisione al contrario si potrebbe incorrere in un disastro. Avere un bambino è una scelta da farsi per le giuste ragioni, pensano M. e W.; ma quali sono esattamente queste giuste ragioni? Si delinea così un ritratto attuale e ironico di una storia d’amore qualunque, spiazzante e brutalmente onesta, divertente e tagliente, che dà voce a una generazione per la quale l’incertezza è un modo di vivere, un ambiente liquido in cui fluttuare in due. 
La nuova drammaturgia inglese, la coppia contemporanea, l’etica ecologica dei nostri anni, due giovani interpreti talentuosi, una scena nuda e battute a perdifiato: ecco gli essenziali elementi di Lungs, che ha debuttato a Washington per poi essere presentato al National Theatre di Londra, richiamando una grandissima attenzione per l’originalità della scrittura e della struttura drammaturgica.  Attraverso una successione vertiginosa di dialoghi, che riproducono con virtuosistica esattezza il parlato, Macmillan ci conduce lungo le stazioni di una relazione amorosa che diventa una finestra sulla contemporaneità.
Il palcoscenico spoglio permette alla macchina scenica, diretta con la consueta efficace essenzialità da Massimiliano Farau, continui salti nello spazio e nel tempo, e consegna al pubblico la nuda dinamica del discorso amoroso.
Fondazione Teatro Due _Autore: Duncan Macmillan-Traduzione: Matteo Colombo- Regia: Massimiliano Farau-Interpreti: Sara Putignano, Davide Gagliardini-Responsabile allestimenti: Mario Fontanini-Capo elettricista: Luca Bronzo-Elettricisti: Gabriele Lattanzi, Davide Sardella-Macchinisti: Massimiliano Colangelo, Maurizio Mangia-Fonica: Andrea Romanini-Sartoria: Simone Jael Hofer, Chiara Teggi-Direzione di scena: Chantal Viola


DEBUTTO
TOCCATA E FUGA di Derek Benfield
 TEATRO TRASTEVERE - Roma - da Martedi 17 a Domenica 22 Marzo ore 21.00_dom ore 18.00
Davve&Davve torna in scena al Teatro Trastevere di Roma. Dopo Tesoro non è come credi e Sempre Promesse,  la compagnia, composta da giovanissimi attori, sarà nuovamente sul palco con una divertente commedia di Derek Benfield.
Giorgio e Bruno sono due ottimi amici, entrambi sposati. Due uomini completamente diversi, l'unica cosa che li accomuna è il tradimento.
Giorgio presta il suo appartamento a Bruno per trascorrere un paio d'ore a  settimana con la sua amante Linda mentre, di nascosto dall'amico, lui trascorre il tempo con Ilaria, la moglie di Bruno che, inconsapevolmente, fornisce al marito l'alibi perfetto per mettere in moto il tutto: il Footing. Ilaria costringe il marito a fare footing per poter stare con Giorgio e Bruno approfitta del tempo a disposizione per stare con Linda. Tutto sembra procedere per il meglio, quando l'improvviso arrivo di Jessica, la moglie di Giorgio, rompe ogni delicato equilibrio, innestando una serie di equivoci, bugie e colpi di scena in un crescendo di situazioni comiche che porteranno alla luce le varie sfaccettature del tradimento.
Davve&Davve_Autore:Derek Benfield-Regia:Pietro Morachioli, Giorgia Mareri, Andrea Batti, Valeria Moccia e Viviana Canini-Musiche: Luigi Morachioli-Luci e Audio: Pietro Frascaro-Grafica: Gabriele Mareri-Trucco: Accademia Professionale di Trucco -Acconciature: "Spettinati"
www.teatrotrastevere.it

DEBUTTO
MEGALOPOLIS # 43 di Anna Dora Dorno
Anteprima nazionale Progetto internazionale MEGALOPOLIS
TEATRO DUE ROMA - Roma – da Martedi 17 a Giovedi 19 Marzo 2015,  ore 21.00_dom ore 18.00
MEGALOPOLIS # 43 è dar voce alla drammatica vicenda dei 43 studenti “desaparecidos” di Ayotzinapa, in Messico, bruciati vivi e sepolti in una fossa comune per mano del narco-governo. Dalla ricerca ed esperienza di lavoro della compagnia Instabili Vaganti a Città del Messico con gli studenti e gli artisti coinvolti nel progetto internazionale MEGALOPOLIS alla realizzazione di una performance forte, un atto di protesta che si unisce a un Azione Globale che sta infiammando le piazze del Messico e del mondo intero: “Vivos se los llevaron y vivos los queremos!”.
Una drammaturgia originale fatta non solo di parole ma anche di azioni fisiche, suoni, canti, immagini, voci nate dalle testimonianze e dai racconti degli studenti messicani coinvolti nel progetto internazionale.”
Il Progetto MEGALOPOLIS è nato nel 2012 a Città del Messico con un’incursione urbana creata con gli studenti dell’Università nella Plaza de las tres culturas, tristemente nota per il massacro del Tlatelolco nel ’68, quando oltre 300 giovani vennero uccisi dai reparti speciali dell’esercito e della polizia a pochi giorni dalla cerimonia d’inaugurazione delle Olimpiadi di Città del Messico.
Quando abbiamo saputo degli eventi accaduti il 26 settembre del 2014 a Iguala, in occasione delle celebrazioni del 46esimo anniversario dal massacro, ci è sembrato impossibile che la storia potesse ripetersi e in modo così crudele. Non siamo potuti restare indifferenti ai racconti dei nostri colleghi, amici ed allievi che hanno preso parte alle manifestazioni che in tutto il Messico si sono susseguite per chiedere giustizia per i 43 studenti scomparsi. Abbiamo temuto per la loro incolumità mentre seguivamo i sequestri e gli arresti messi in atto dal governo contro chi protestava. Milioni di persone si sono mobilitate per cambiare la situazione generale del paese, per lottare contro la corruzione politica, dello stato, della polizia, per chiedere le dimissioni del presidente. Azioni dal basso, attraverso i social networks, sono diventate “Globali” oltrepassando censure, barriere e coinvolgendo l’opinione pubblica di tutto il mondo. Re-azioni artistiche e performative alle quali abbiamo voluto dare un contributo attraverso il nostro linguaggio teatrale, il nostro progetto, per difendere una libertà di opinione, di espressione e di manifestazione sempre più minacciata in tutto il mondo.
Instabili vaganti_Autrice e regista: Anna Dora Dorno-Interpreti:Anna Dora Dorno e Nicola Pianzola
Con il contributo dei partecipanti al progetto internazionale MEGALOPOLIS

DEBUTTO
“Storie del Buon Dio narrate ai grandi perché le raccontino ai bambini drammaturgia  di Laura Nardi con la collaborazione di Alessandro Hellmann
Liberamente ispirato alle Storie del Buon Dio di R. M. Rilke
Spettacolo vincitore del Bando dei Teatri del Sacro III Edizione
TEATRO INDIA – Roma – da Martedi 17 a Giovedi 19 Marzo 2015_  ore 21.00_Mercoledi replica per le famiglie ore 18.00
Klara e Georg, in un incerto “Ufficio Domande Rimaste Senza Risposta” creano, vivono e materializzano storie per rispondere alle incessanti domande - le più difficili sono quelle dei bambini - sulla natura di Dio e il suo rapporto con gli uomini.
Il Dio di Rilke ha perso di vista l’uomo, ma lo insegue come un padre desideroso di conoscere la sua creazione.
Klara e Georg giocano vicino al tavolo del grande artigiano, trasformando gli scarti del suo lavoro in storie, personaggi: Teatro.
“ I bambini non fanno altro che domande. E non si accontentano di chiedere: "Dove va quel tram? Quante sono le stelle nel cielo?", ma chiedono anche: " Il Buon Dio parla cinese? Come é fatto il Buon Dio?" Il Buon Dio, sempre il Buon Dio e di lui si sa così poco.”
Drammaturgia: Laura Nardi con la collaborazione di Alessandro Hellmann-Regia: Amandio Pinheiro-Interpreti: Danilo Nigrelli, Laura Nardi-Sene: Laura Cortini-Disegno luci: Mauro Cortini
www.teatrodiroma.net

DEBUTTO
“Una volta nella vita” di Gianni Clementi
TEATRO PETROLINI - Roma - da Mercoledi  18 a Domenica  29 Marzo, ore 21.00_dom ore 18.00
Tre uomini si risvegliano su dei lettini di un obitorio, senza il ricordo di come siano finiti in quel luogo. Al loro fianco una donna, anch'essa protagonista della stessa sorte ma a differenza degli altri non ricorda niente di sè. Un rapinatore dalle modeste capacità, un logorroico banchiere ed un presunto mago si confrontano tra di loro sulle grandi domande della vita, aiutati da una stralunata ragazza che non ha risposte. L'arrivo di un disperato portantino ed un finale a sorpresa arricchiscono un testo divertente e grottesco. Fra comicità, speranze e purificazione di se stessi, i nostri protagonisti scoprono di avere un unico destino: sciogliere l'enigma che li ha portati a ritrovarsi in una situazione così inusuale!
Autore:Gianni Clementi-Regia Giancarlo Fares-Interpreti:Andrea Catarinozzi, Nadia Clivio, Roberto Di Marco, Paolo Cordiviola, Valerio Giombetti,
www.teatropetrolini.com

DEBUTTO
“Non per vantarmi ma avevo capito tutto… Un uomo avanti” di Massimo Mirani e Daria Veronese
Kirolandia media partner
TEATRO MILLELIRE - Roma -  da Giovedi 19 a Domenica 22 Marzo 2015, ore 21.00_dom ore 18.00
Spettacolo emozionante e sincero omaggio a Pier Paolo Pasolini, semifinalista al Roma Fringe Festival 2014. Scrittore, poeta, regista, intellettuale straordinario e controverso Pier Paolo Pasolini, viene ricordato in questo intenso e coinvolgente monologo interpretato da Massimo Mirani, che ne ripercorre la storia, partendo dalla morte e rievocando così personaggi, voci, dialetti, musiche, ma anche gli affetti, la sessualità, il cinema e la politica. Al centro la grande poesia dell’autore, ora privata, ora pubblica e politica, ora serena ora tragica, ora affilata ora carezzevole, ora pudica ora sfrontata e scandalosa. A quasi quarant’anni dalla scomparsa di Pasolini questo spettacolo esalta e sottolinea  con estrema semplicità e chiarezza le mille facce di uno degli artisti più discussi amati e odiati del nostro tempo riuscendo a mettere in luce il suo pungente sguardo visionario e profetico. La biografia dell’artista si completa si confonde con l’analisi di un periodo storico delicato e complesso, argomenti scomodi e poco convenzionali che in questa messa in scena vengono raccontati con coraggio, offrendo un nuovo e interessante punto di vista per comprendere un artista e “un uomo avanti”.
CapsaService_Autori: Massimo Mirani e Daria Veronese-Regia Daria Veronese-Interpreti: Massimo Mirani-Disegno luci, musiche e video  Massimo Sugoni- Kirolandia mediapartner

DEBUTTO
“CUORE DI TENEBRA” adattamento e regia di Virginia Acqua
dal romanzo di Joseph Conrad
Patrocinio dell’Istituto polacco di Roma e della Joseph Conrad Society di Londra.
TEATRO STUDIO UNO  - Roma -  da Giovedi 19  a Domenica 29 Marzo 2015,  ore 21.00_dom. ore 18.00
Charlie Marlow sogna l’avventura. Si perde negli spazi vuoti delle carte geografiche di inizio ’900, dove macchie rosse e azzurre segnano pochi fiumi e qualche lago. Ma il ragazzo vuole andare là dove i nomi non ci sono ancora, nel centro del continente. Dritto nel cuore delle tenebre. Marlow però non sa nulla di ciò che lo aspetta. Ignora completamente l’arroganza e la vo­racità del colonialismo. Il cuore dell’Africa è lo specchio dell’Occidente. E lì in mezzo, seduto su una montagna di inferno, c’è Kurtz, che tende al cielo, sognando di diventare Dio. 
Il romanzo culto dello scrittore polacco Joseph Conrad, che ha ispirato Hugo Pratt per Corto Maltese e Francis Ford Coppola per Apocalypse now, è ora anche in teatro. Un viaggio avvincente che parte da Londra fino al centro dell’Africa, risalendo il fiume Congo. C’è il silenzio assordante. C’è l’avorio. E c’è Kurtz.
Adattamento e regia: Virginia Acqua- Interprete: Valerio Di Benedetto

DEBUTTO
“SOMEGIRL(s)” di Neil Labute
TEATRO BIBLIOTECA QUARTICCIOLO – Roma - da Venerdi 20  a Domenica 22 Marzo 2015,  ore 21.00_dom. ore 18.00
Some girl(s) è una commedia intrigante e acuta, definita semplicemente un successo dalla critica nazionale, nata dalla penna di uno degli autori americani più acclamati della generazione post-Mamet, Neil LaBute.
Un giovane uomo, insegnante easpirante scrittore, prima di sposarsi decide di fare un viaggio à rebournella propria vita,mettendosi in cerca delle proprie ex, per provare - in un paradossale tentativo di espiare gli errori delle vite precedenti  sistemare, come dice lo stesso autore, “il casino che ha combinato nella sua vita sentimentale lungo la strada verso la propria maturità”.
Ne emerge il tragicomico ritratto, in bilico tra Rohmer e Voltaire, di un uomo
bambino: un adultescentche barcolla trapaura di impegnarsi, senso di colpa e una spietata ambizione che lspinge, un po’ per cinismo, un po’ per incoscienza, aconsumare e manipolare le donne della sua vita. Simpaticamente sconfitto su tutti i fronti, alla fine sarà capace dirialzarsi, nonostante i lividi, senza pensarci troppo su. E con la stessa leggerezza, o superficialità di sempre, ricomincerà a macinare la propria vita tra un danno e un altro.
Quattro donne si alterneranno in scena con il protagonista, e una quinta sarà interprete di un insolito contenuto extra. Lamessinscena, infatti, si contamina con una multimediali che supera i confini teatrali:grazie a un link gli spettatoriavranno la possibili di assistere a un quinto episodio della storia che, visibilsolo online, li condurrà ancora più inprofondi in questa indagine sulle complessi delle relazioni uomdonna.
Guy è un uomo bambino o è anche lui un naufrago alla deriva nella liquidi dell’amore? Sam è una ragazzaabbandonata o una provinciale inghiottita dalle sue stesse aspettative piccolo borghesi? Tyler ha fatto dell’indipendenza un motivo d’orgoglio e della seduzione un’arma, oppure è una donna fragile che teme di abbandonarsi alla speranza?Lindsay è affamata di vendetta o è semplicemente scissa tra noia e perversionintellettuali? E chi è in realtà Bobbi? Unadonna emancipata dalla trappola delle relazioni o è anche lei in cerca della sua parte di rivalsa? E infine Reggie (la quintadonna presente nell’extra online) non è altro che una ragazzina curiosa o è la nemesi che finalmente si abbatte sull’uomo?
BELLINI La casa del teatro_Autore: Neil Labute- Traduzione e adattamento: Gianluca Ficca e Marcello Cotugno- Regia di Marcello Cotugno-Interpreti: Martina Galletta, Laura Graziosi, Rachele Minelli, Bianca Nappi, Gabriele Russo,Roberta Spagnuolo-Scene: Luigi Ferrigno – Costumi: Annapaola Brancia D’Apricena
www.casadeiteatri.roma.it/teatro-biblioteca-quarticciolo-new/

PROSEGUE
 “Tutti i padri vogliono far morire i loro figli” di Fabio Morgan e Leonardo Ferrari Carissimi
PRIMA NAZIONALE
TEATRO OROLOGIO – Sala Orfeo - Roma  - da Giovedi 10  Marzo  a Venerdi 3 Aprile 2015,  ore 21.00_dom ore 17.30
 “Riassumiamo: i padri vogliono far morire i loro figli
(perciò li mandano alla guerra)”
[Pier Paolo Pasolini, Affabulazione. Roma 1966]
Liberamente ispirato ad Affabulazione di Pier Paolo Pasolini.
Lo spettacolo narra le vicende di una famiglia, e dell'incontro-scontro di un padre con suo figlio. L'ambientazione è l'epoca moderna, ma una modernità che si pone come lettura di un presente che poggia le sue basi su nuovi archetipi. Proprio per questo si è sentita l'esigenza di prendere spunto dalla struttura narrativa di Affabulazione ma di mutarne completamente i contenuti; infatti mentre il testo di Pasolini iniziava con un coro tragico rappresentato dalla figura di Sofocle, nella riscrittura di Tutti i padri vogliono far morire i loro figli il coro sarà rappresentato dall'ombra di Pasolini, e l'archetipo che narrerà non saranno le vicende tragiche e mitiche di Edipo, ma il racconto del '68! Proprio i temi del ‘68 costituiscono la cornice entro la quale tutti personaggi agiranno. Le tensioni tra i vari personaggi saranno provocate da una divergente lettura di questi temi che procurerà ferite insanabili soprattutto tra le due figure chiave dello spettacolo: il padre e il figlio.
Siamo in una casa al mare, una casa da buona famiglia borghese, dove vivono un ragazzo con sua madre. L'azione dello spettacolo ha inizio con il ritorno del padre, dopo quindici anni di silenziosa assenza. Un padre che dichiara di essere molto malato, e che prima di morire vuole ricucire il rapporto con suo figlio, che in realtà non ha mai conosciuto. Il padre ci appare come un uomo dal grande vissuto, che ha sempre preferito la libertà alle responsabilità, e che grazie al suo lavoro, fotografo, si è trovato spesso a vivere i momenti più importanti della storia degli ultimi trent’anni. Lui, fiero protagonista del ’68, animato dagli ideali libertari, si troverà a scontrarsi ferocemente con suo figlio, al quale il padre appare come un bambino mai cresciuto che nella vita ha goduto di situazioni estremamente privilegiate e di cui lui, figlio, in qualche modo paga ancora le conseguenze. Nella dialettica tra questi personaggi e nelle istanze che essi rappresentano sta il nucleo di questa tragedia moderna, che ci appare come un infinito affabulare sul doloroso e irrisolto mistero dell'essere figli nell'epoca dell'assenza dei padri.
Compagnia CK Teatro_Drammaturgia: Fabio Morgan e Leonardo Ferrari Carissimi-Regia: Leonardo Ferrari Carissimi-Interpreti: Irma Ciaramella, Anna Favella, Chiara Mancuso, Luca Mannocci, Mauro Santopietro-Scene e costumi: Alessandra Muschella-Disegno luci: Antonio Scappatura-Tecnico luci: Martin Emanuel Palma-Aiuto regia: Carlo Maria Fabrizi
Produzione: Progetto Goldstein in collaborazione con il Teatro dell’Orologio

del TEATRO per Bambini

DEBUTTO
“LA DANZA DELLE API” di Carlo Presotto, Titino Carrara, Paola Rossi
Con il patrocinio di ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale
CENTRALE PRENESTE TEATRO  - Roma - (Dai 4 ai 10 anni  ), Domenica 22 Marzo 2015 - ore 16.30
Perché stanno scomparendo le api? Poco male, pensano alcuni, vorrà dire che si farà a meno del miele, ma purtroppo la questione non è così semplice. A spiegare cosa sta succedendo a questi meravigliosi insetti ci pensa La Piccionaia – Teatro Stabile di Innovazione che, per la rassegna Infanzie in gioco 2014/15, porta in scena lo spettacolo La danza della api. L’appuntamento è a Centrale Preneste (Via Alberto da Giussano, 58) domenica 22 Marzo alle ore 16.30.
In un vortice di gag, lezioni inverosimili sull'anatomia del popcorn, lezioni di danza delle api, gli attori giocano sul rapporto tra ciò che si mangia ogni giorno e la qualità dell'ambiente in cui si vive. Incontreranno mais, trifoglio e girasoli, parassiti e farfalle, ma soprattutto dovranno vedersela con il mistero della scomparsa delle api.
Lo spettacolo da un lato recupera la storia di una attività agricola di antica eccellenza, dall'altro chiama i giovani spettatori alla responsabilità dei comportamenti di ognuno nella tutela del delicato equilibrio ambientale. Una storia divertente e poetica per riflettere su come il futuro sia già disegnato dai piccoli gesti che si compiono ogni giorno.
La Piccionaia – Teatro Stabile di Innovazione _Autori: Carlo Presotto, Titino Carrara, Paola Rossi-Regia: Titino Carrara e Carlo Presotto-Interpreti: Carlo Presotto, Matteo Balbo-Assistente alla regia: Giorgia Antonelli-Scenografia: Mauro Zocchetta-Tecnico: Luciano Lora
---
Rassegna Infanzie in gioco 2014/15 del Centrale Preneste Teatro che prosegue sino al 29 Marzo 2015

della DANZA

DEBUTTO
“EXPOSITION EXPERIMNETS” coreografe di Valentina Buffone, Hilde Grella
IL CANTIERE –Roma- Venerdi 20 Marzo 2015 - ore 22.00
Quarto appuntamento della serie di spettacoli Experiments, sperimentazioni coreografiche e performative frutto del lavoro delle due coreografe Valentina Buffone e Hilde Grella, artiste provenienti da background molto diversi, che portano la loro personale e differente formazione nella danza come elemento di preziosa diversità per la ricerca e l’esplorazione.
Esplorazione nella coreografia, nel movimento, nella ricerca e creazione di effetti digitali. Lo spettacolo prende ispirazione dalla campagna Senzatomica volta a trasformare lo spirito umano per un mondo libero dalle armi nucleari, attiva con una mostra gratuita fino al 26 Aprile a Roma presso il Macro di Roma a Testaccio La serata ospiterà per la prima volta la mostra fotografica di Alessandra Spagna, parte integrante dello spettacolo e fonte di grande ispirazione durante il processo creativo.
Ulteriore novità della serata, la partecipazione straordinaria dell’attore Loris Della Luna. I testi sono tratti da reali testimonianze dei sopravvissuti ai disastri nucleari avvenuti in Giappone.
PEPTIDI compagnia di danza contemporanea_Coreografia: Valentina Buffone, Hilde Grella-Danzatrici: Roberta Agrestini, Franco Arnaldo Angeloni, Barbara Autiero, Giada Bartoletti, Ilaria Botticelli, Ilaria Bracaglia, Valentina Buffone, Federica Chiesae Hilde Grella - Video Davide Berardi-Voce :Loris Della Luna-Pittura: Alessandra Spagna
www.peptidi.dance

PROSEGUE
“FIESTA ARGENTINA” coreografia e regia  Néstor “el Polaco” Pastorive
con Néstor “el Polaco” Pastorive
TEATRO OLIMPICO – Roma  - da Martedì 10 a  Domenica  22 marzo 2015 ore 21.00_dom ore 18.00
Si inaugura con il debutto a Roma di Fiesta Argentina della travolgente Compañia Néstor Pastorive, i carismatici danzatori argentini del ballerino e coreografo – annoverato fra i più grandi innovatori del genere latinoamericano – Néstor “el Polaco” Pastorive; ad impreziosire lo spettacolo la musica dal vivo di quattro musicisti.
Zamba, tango, chacarera, milonga e malambo, danzato al ritmo vivace e incalzante dello zapateo, simboleggiano lo spirito della terra latinoamericana e ci trascinano in un viaggio sorprendente.
I sikus ed i flauti andini, il ritmo della caja – questa “luna di pergamena” di Garcia Lorca – ci accompagnano per svelarci un’altra Argentina ed i suoi segreti.
Il poncho, caldo riparo dei poveri, racconta la sua sto-ria in un volteggiare fantastico. Le boleadoras ci dicono di un’infallibile arma da caccia della pampa argentina e della destrezza del gaucho in continua simbiosi con la natura. Lo zapateo, testimone ancestrale della complicità tra l’uomo e il cavallo, rievoca in pochi attimi una storia di secoli. Tutto è legato alla terra, origine, storia e destino di ogni popolo. I corpi , le mani, i piedi cercano il ritmo, e la terra stessa si sente coinvolta. Un dialogo iniziato molto tempo fa, preziosa testimonianza che  ancora oggi possiamo cogliere.
Così la stampa ci introduce alla danza del coreografo e ballerino argentino: “Quella di Pastorive è una danza sincera, che non ha bisogno di calcare la mano sui colori folkloristici per essere credibile. Anzi, ha il pregio di rendere elegante e teatrale la tradizione pur lasciandola perfettamente leggibile. Di danze popolari si tratta, in origine talvolta semplici, qui decisamente più complesse perché arricchite da un vocabolario colto, proveniente dalla danza classica bolera e dalla danza contemporanea” (Daniela Bruna Adami, L’Arena).
Compañía Néstor Pastorive_Coreografia e regia: Néstor “el Polaco” Pastorive-Interprete: Néstor “el Polaco” Pastorive- Altri interpreti:Johana Aranda, Adrian Bernal, Victoria Cuesta, Matías D’Alessandro, Emilce Marcolongo, Cecilia Méndez, Nicolás Minoliti, Daniel Nocione, Marcos Olivera, Enzo Visetti, Pedro Zamin-direzione musicale:Hernán Pagola, Federico Siciliano-disegno luci: Leonardo Saccinto
Orchestra: Hernán Pagola flauti argentini, flauto traverso, erke, basso-Federico Siciliano charango, bandoneón, tastiere-Goyo Alejandro Alvarez chitarra-Cristian Vattimo percussioni.
--
Per il  Festival Internazionale della Danza di ROMA V Edizione”  Filarmonica Romana e Teatro Olimpico
da Martedi 10 Marzo a Domenica 17 Maggio 2015
Dal debutto di “Fiesta Argentina” della eccezionale Compagnia di Néstor Pastorive ai leggendari Mummenschanz, oltre due mesi di danza e teatro visivo sul palco del Teatro Olimpico con cinque compagnie di diversa provenienza e formazione artistica per offrire uno spaccato dei diversi volti della danza di oggi:
le sperimentazioni dell’olandese Gotra Ballet e la pianista Gloria Campaner, la Mvula Sungani Company che dialoga con il rock dal vivo dei Marlene Kuntz, e le due coreografie “Don Q” di Scigliano e “Rossini Cards” di Bigonzetti affidate ad Aterballetto.
Festival che accoglie per questa nuova, e particolarmente ricca edizione, cinque eccezionali compagnie di diversa provenienza e formazione artistica per offrire uno spaccato dei tanti volti della danza e del teatro visivo di oggi. Con una particolare attenzione quest’anno alla musica dal vivo, per cogliere ancora di più il forte legame fra danza e musica: a partire dal rock dei Marlene Kuntz nello spettacolo Il vestito di Marlene, al giovane talento della pianista Gloria Campaner per il progetto HQ Program.
Direttori artistici: Lucia Bocca Montefoschi, Matteo D’Amico
www.teatroolimpico.it

del DRAG show

DEBUTTO
“DIVE DIVINE 90's” dei Karma B
TEATRO CENTRALE - Roma  - Venerdì 20 Marzo 2015,  dalle ore 19 .00 - Spettacolo ore 20.00 - Varie soluzioni: Aperitivo - Tavolo Bar – CenaSpettacolo
Succubi della Lontananza e Vittime della Nostalgia? Niente paura: gli Anni '90 sono tornati... 
La nostalgia degli Anni '90 è insostenibile? La soluzione è incredibilmente facile e alla portata di tutti! Và in scena la commedia brillante (e non è il solito luogo comune, dato il dispendio di glitter preventivato) DIVEDIVINE 90's, uno spettacolo di e con i Karma B, accompagnation stage da Daniel DeCò, la drag singer rivelazione entravestì del talent show ForteForteForte, la sua collega Kastadiva,drag impersonator d'eccezione, che ogni volta ridà vita agli esemplari mitologici più venerati ed apprezzati dal pubblico rainbow, la burlesque performer (bellissima e statuaria) Sophie D'Ishtar e il frizzante corpo di ballo formato da Karmine Verola e Fabio Semeraro.
Sembra esser stato ieri eppure no, sono passati già vent'anni. La decade che ha forgiato i trentenni di oggi, ricorre nel cuore e nella memoria di un pubblico che ama divertirsi guardando al recente passato come al migliore dei tempi andati. Dopo il successo dedicato agli anni '80, i Karma B tornano in via Celsa con uno spettacolo tutto ispirato a quel mood 90's che ancora impazza sui muri dei social network, tra i tanti party a tema della capitale, ma soprattutto nei ricordi di un pubblico che non l'ha mai dimenticato e che guarda a Non è la Rai e a Beverly Hills, come alle origini di ogni problema.
<<Ci siamo distratti un attimo e son passati vent'anni!>>, dicono i Karma B... E chi sa tenere il conto del tempo che passa meglio di una Diva? ...Naturalmente due Dive! Con ironia ed eleganza, con cultura ed irriverenza, il duo in drag più noto d'Italia torna in scena con un cast d'eccezione ed uno spettacolo dedicato agli anni '90 e ai suoi personaggi cult e scult. <<Non è la Rai ci faceva sognare, il Karaoke ci faceva cantare e la Musica Dance ci faceva ballare>>... Per rivivere la nostalgica magia di quei momenti, mista a quella genuinità che ci riporta indietro negli anni, DiveDivine 90's è ciò che di meglio si possa trovare... I Karma B, presentano, ricordano e raccontano personaggi e mode di quel decennio con ironia, glamour e quel pizzico di cattiveria che non manca mai in un duo di dive amiche/nemiche, come il quel celebre film La morte ti fa bella... Rivivranno onstage, personaggi come Cher e Annie Lennox, grazie alla voce ed alle interpretazioni live di Daniel Decò; rivedremo una Ambra Angiolini con zainetto in spalla, grazie alla performance di Kastadiva e ci sarà spazio anche per una sensuale Pretty Woman in versione burlesque, interpretata da Sophie D'Ishtar. A coronare il tutto un esplosivocorpo di ballo con Karmine Verola e Fabio Semeraro. Gli anni '90 sono di nuovo qui e allora prendete il vostro motorola, agganciate il marsupio e correte al Teatro Centrale: ne vedrete delle "Belle"!
 Karma B_Autori, registi, interpreti: Karma B- Con la collaborazione di: Daniel DeCò Drag Singer-Kastadiva-Drag Impersonator-Sophie D'Ishtar Burlesque Performer-Corpo di Ballo:Karmine Verola & Fabio Semeraro
www.centraleristotheatre.com

in merito al CIRCO (acrobati e performer)

DEBUTTO
“CIRCO BIANCO** CIRCUS FREAK” Supervisione creativa di Francesca Ghini
TEATRO CENTRALE - Roma  - Sabato 21 Marzo 2015,  dalle ore 20.00 – Spettacolo ore 21.30 - Varie soluzioni: Ingresso Spettacolo-Ingresso Aperitivo-Tavolo Cena- Riduzioni  per i Bambini fino ai 14 anni
Roma profuma già di primavera e con le soffici movenze di bolle di sapone addomesticate, insieme al candore dei loro costumi, saranno gli artisti del Circo Bianco a celebrarne il suo arrivo, proprio Sabato 21 Marzo, in occasione del secondo appuntamento che segnerà l'inizio di questa bella stagione. In un turbine di colori e visioni oniriche, artisti, trampolieri, acrobati e performer di ogni genere, si avvicenderanno nello spettacolo prodotto da MM Communication & Extrasistole Produzioni e realizzato dalla FG Management in collaborazione con EGERIA, Acqua Santa di Roma.
Dopo il successo che ha visto un teatro gremito nel primo appuntamento, torna in via Celsa il Circo Bianco, un evento che coinvolgerà in modo trasversale il vasto pubblico del teatro (dalle famiglie ai più giovani) e che mostrerà all'interno di una location insolita, tutto un mondo ricco di colori, acrobazie ed effetti scenici, con un mix di artisti, personaggi di fantasia, performance e giochi di fuoco, tutti insieme e sempre sul palco, tra coreografie corali e quadri viventi.
Tre blocchi narrativi condurranno il pubblico all'interno di mondi incantati, tra ballerine sospese e maghi giocolieri in vetta ai loro trampoli. Un tuffo dentro una fiaba in cui la vasta scelta degli artisti presenti, interagirà con la folla, creando performance ad alto impatto visivo. Di colpo sarete s'un prato a cogliere un fiore, un attimo dopo le fiamme dell'inferno vi inghiottiranno... Questo è il Circo Bianco! Ricreare ambientazioni magiche e surreali situazioni, è ciò che meglio riesce a questa giovane compagnia circense che ha girato l'Italia, preso parte a fiere, eventi mondani e manifestazioni di ogni genere e che potremmo definire elegante nel non servirsi di animali, domatori, ecc.. Il corpo è l'unico strumento di cui l'artista necessita e l'utilizzo del corpo come unica macchina attorniata da suggestive coreografie, lascerà a bocca aperta il pubblico destando stupore e apprensione, felicità e malinconia. Il Circo Bianco "fa bene" all'anima, non resta che scoprirlo...
Prossima data al Teatro Centrale
- Giovedì 30 Aprile
Realizzazione dalla FG Management_Fornitore Ufficiale: EGERIA, Acqua Santa di Roma_Supervisione creativa di Francesca Ghini
www.centraleristotheatre.com

sul CINEMA

DEBUTTO
 “ONDE ROAD” di Massimo Ivan Falsetta
NELLE SALE ITALIANE da Giovedi 26 Marzo 2015
Awanagana, speaker storico di Radio Montecarlo, con un atto terroristico ma romantico blocca tutte le frequenze delle radio moderne. Una fantomatica speaker (Francesca Zavettieri), nascosta chissà dove in Calabria, inonda l’etere con trasmissioni di repertorio nazionali degli anni settanta e ottanta. Federico l’Olandese Volante, capo della censura futuribile (un corpo speciale dei servizi segreti), non può tollerare un simile affronto e invia l’agente Barbara Bi (Barbara Cambrea) a setacciare la Calabria, alla ricerca della misteriosa speaker e anche di se stessa. Un viaggio di sola andata nel favoloso mondo delle radio libere, in cui capiterà di tutto e ascolteremo di tutto (rigorosamente contenuti originali), tra balli, risate, incontri ravvicinati con alieni (Fabrice Quagliotti dei Rockets) e un finale persino oltreoceano, a New York.
Durata: 100 Minuti- Italia, 2014
Disrtibuzione CIndipendente_Produzione: A.C.AR.I
Regia: Massimo Ivan Falsetta-Soggetto e sceneggiatura: Massimo Ivan Falsetta-Cast: Federico l’Olandese Volante, Awanagana, Fabrice Quagliotti, Giacomo Battaglia e Luigi Miseferi, Paolo Pasquali, Barbara Cambrea, Francesca Zavettieri.-Fotografia: Alfonso Martino-Montaggio: Vito Zilli -Musiche: Fabrice Quagliotti e i Rockets-Effetti speciali: Francesco Maria Conti-Animazioni 3D: Giuseppe Ivan Aquila
www.distribuzioneindipendente.it

in merito alle MANIFESTAZIONI

DEBUTTO
“TEDX ROMA: LE MIGLIORI IDEE DEL MEDITERRANEO SBARCANO NELLA CAPITALE”
TEATRO OLIMPICO – Roma - Sabato 21 marzo 2015 dalle ore 9.00 alle ore 17.00
Artisti, startupper, ricercatori, imprenditori provenienti da tutti i paesi del Mediterraneo si confronteranno nel segno della tecnologia, dell’entertainment e del design.
Un carosello di idee nel segno della tecnologia, dell’entertainment e del design animato dalle menti più innovative del Mediterraneo riunite a Roma. Questo e molto altro è il TEDxRoma,giunto alla seconda edizione e organizzato in un’unica giornata come evento
indipendente legato alla rete no profit TED, nata in America per favorire la circolazione di «idee che meritano di essere diffuse». Hanno partecipato al TED negli anni scorsi personalità quali: Bill Clinton, il Premio Nobel perla medicina James Dewey Watson, il cofondatore di Wikipedia Jimmy
Wales e i cofondatori di Google Sergey Brin e Larry Page.
Al TEDxRoma parteciperanno artisti, startupper, ricercatori, imprenditori legati a tecnologia, cultura, innovazione e design che si avvicenderanno in un “Carosello Mediterraneo”, denominazione dell’edizione 2015 della manifestazione. TEDxRoma vuole infatti mostrare attraverso volti diversi una nuova essenza del Mediterraneo; spazio concettuale, oltre che fisico, che lega culture e saperi, tecnologia e tradizioni, arte e identità dove realtà diverse discutono e si
confrontano per creare valore e costruire un nuovo futuro. Il Mediterraneo di TEDxRoma sarà dunque un “Mediterraneo Nuovo” che mostra le sue antiche tradizioni ma guardando al progresso e con un approccio che, riprendendo il tema del TEDxRoma dello scorso anno, sarà ancora una
volta “out of the box”.
La giornata del TEDx sarà suddivisa in tre sessioni, chiamate carriere, termine usato per indicare il giro/percorso del carosello medievale: (PRIMA CARRIERA - Dalla staticità al movimento; SECONDA CARRIERA – Dalla tradizione alla modernità; TERZA CARRIERA - Dalle differenze alla ricchezza).
“Caratteristica fondamentale della formula TEDx, resa possibile qui a Roma anche quest’anno grazie al supporto di un team di altissimo profilo – afferma Emilia Garito, organizer dell’evento – è quella di creare una comunità rivolta a divulgare le azioni positive e costruttive presenti nel
mondo. Una community speciale sempre in movimento”.
www.teatroolimpico.it

dell’ARTE

DEBUTTO
“PERCEPTIONdi Pamela Paniconi in arte Ranya Art
SPAZIO ESPOSITIVO DELLA P&G EVENTS Roma - Giovedì 26 Marzo 2015 ore 18.30
Presso lo spazio espositivo della P&G Events, di Grazia Marino e Paolo Zaccagnino, sarà presentata la surreale mostra “PERCEPTION” creata dall’artista Pamela Paniconi in arte Ranya Art.
Perception, è un viaggio introspettivo attraverso i 5 sensi ordinari della vita, capace di offrire la visione della realtà, come un evento soggettivo che ha luogo nello spazio interiore dell’individuo.
Non è la materia che genera il pensiero, ma il pensiero che genera la materia”. La percezione della nostra esistenza rappresenta la dualità tra: mondo interno ed esterno, come due facce delle stessa medaglia, equivalenti tanto quanto massa ed energia.
Il mondo dunque ci appare nella sua quotidianità e nelle tele di Ranya art le emozioni usciranno letteralmente dai quadri.
Psichedelici e in 3D, essi volgono lo sguardo ad una crescita interiore, del proprio “IO”, sotto forma di emozioni quali: amore, rabbia, gioia e passione che attivano un quid di sensazioni empatiche per chi le ammira.
I materiali usati, principalmente di riciclo, si fondono con acrilico e vernice mixati a riproduzioni in argilla e das.
Ranya Art è una giovane artista romana. Muove i suoi primi passi studiando arte, per poi specializzarsi all’accademia multimediale “Pantheon” di Roma, in grafica pubblicitaria e web design. Appassionata al mondo d’oriente, viene rapita dalla sensualità della danza orientale. Lavorando a contatto con i principali esponenti internazionali, di questa disciplina, ne diviene in poco tempo anche lei maestra. Da qui la sua creatività si espande, arrivando alla realizzazione di originali e unici costumi di danza orientale. Nel 2006 apre il suo sito “costumiorientali”.
La ricerca interiore è la massima della sua esistenza e lo studio delle varie tecniche olistiche e religioni in tema, sono per Ranya art pane per la sua arte.    
Artista: Pamela Paniconi in arte Ranya Art

PROSEGUE
“Matisse. Arabesque a cura di Ester Coen
SCUDERIE DEL QUIRINALE – Roma – da Giovedi 5 Marzo a Domenica 21 giugno 2015, orari vari, orari vari
“La preziosità o gli arabeschi non sovraccaricano mai i miei disegni, perché quei preziosismi e quegli arabeschi fanno parte della mia orchestrazione del quadro.”
In esposizione oltre cento opere di Matisse con alcuni capolavori assoluti - per la prima volta in Italia - dai maggiori musei del mondo: Tate, MET, MoMa, Puškin, Ermitage, Pompidou, Orangerie, Philadelphia, Washington solo per citarne alcuni.
La révélation m'est venue d'Orient scriveva Henri Matisse nel 1947 al critico Gaston Diehl: una rivelazione che non fu uno shock improvviso ma - come testimoniano i suoi quadri e disegni -viene piuttosto da una crescente frequentazione dell'Oriente e si sviluppa nell'arco di viaggi, incontri e visite a mostre ed esposizioni.
Arabesque, vuole restituire un'idea delle suggestioni che l'Oriente ebbe nella pittura di Matisse: un Oriente che, con i suoi artifici, i suoi arabeschi, i suoi colori, suggerisce uno spazio più vasto, un vero spazio plastico e offre un nuovo respiro alle sue composizioni, liberandolo dalle costrizioni formali, dalla necessità della prospettiva e della "somiglianza" per aprire a uno spazio fatto di colori vibranti, a una nuova idea di arte decorativa fondata sull’idea di superficie pura.
Matisse si lascia alle spalle le destrutturazioni e le deformazioni proprie dell’avanguardia, più interessato ad associazioni con modelli di arte barbarica. Il motivo della decorazione diventa per l’artista la ragione prima di una radicale indagine sulla pittura. E' dai motivi intrecciati delle civiltà antiche che Matisse coglie i principi di rappresentazione di uno spazio diverso che gli consente di “uscire dalla pittura intimistica” di tradizione ottocentesca.
Il Marocco, l’Oriente, l’Africa e la Russia, nella loro essenza più spirituale e più lontana dalla dimensione semplicemente decorativa, indicheranno a Matisse nuovi schemi compositivi. Arabeschi, disegni geometrici e orditi, presenti nel mondo Ottomano, nell’arte bizantina, nel mondo ortodosso e nei Primitivi studiati al Louvre; tutti elementi interpretati da Matisse con straordinaria modernità in un linguaggio che, incurante dell’esattezza delle forme naturali, sfiora il sublime.
Curatrice: Ester Coen, con un comitato scientifico composto da John Elderfield, Remi Labrusse e Olivier Berggruen,Matisse
Proposta dalle Scuderie del Quirinale, promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, da Roma Capitale - Assessorato alla Cultura, Creatività, Promozione Artistica e Turismo. Organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo in coproduzione con MondoMostre e catalogo a cura di Skira editore.
www.scuderiequirinale.it

PROSEGUE
OMBRE” di Paolo Soriani, Marco Barretta e Fabrizio Caperchi
Mostra fotografica collettiva  a cura di Arcadia delle 18 Lune
TEATRO STUDIO UNO  - Foyer del teatro - Roma -  da Venerdi 6 a Giovedi 26 Marzo 2015, ore 18.30-21.00
VERNISSAGE – Venerdi 26 Marzo 2015 ore 19.00
La mostra è inaugurata insieme agli artisti che presenterano al pubblico le opere esposte e il loro percorso di visione.
Dopo il successo dello scorso anno torna “In mostra al Teatro Studio Uno” l’appuntamento con l’Arte curato dalla Compagnia “Arcadia delle 18 Lune” che per questo primo evento della stagione presenta la mostra fotografica “Ombre”
Tre fotografi eccezionali riuniti per raccontare attraverso le loro opere la magia dello spettacolo, regalando uno straordinario percorso di immagini uniche rubate alla scena e al dietro le quinte della performance. Il teatro, la danza e il circo diventano i soggetti di scatti straordinari, un esempio di eleganza e pulizia dell’immagine unite alla profonda conoscenza tecnica dello strumento fotografico, senza per questo trascurare l’aspetto emotivo.
 “Ombre” regala un caleidoscopio fatto di colori e bianco/neri in cui si percepisce la vitalità pulsante della performance, tra gli odori del trucco, delle maschere, il suono della seta contro la pelle dell’acrobata, la tensione catturata tra lente ed otturatore, bloccando l’irripetibilità del momento.
Tra palco e realtà si concentra il loro occhio, trasformando fugaci istanti impercettibili in eterne opere d’arte che diventano rappresentazione di un mondo sospeso tra forza e follia, arte e passione, dinamismo e leggerezza.  Il sogno si concretizza così grazie allo sguardo di fotografi silenziosi e familiari come ombre che accompagnano momenti e situazioni senza alcuna interferenza.
Autori delle foto: Paolo Soriani, Marco Barretta e Fabrizio Caperchi - Curatore: Arcadia delle 18 Lune

circa GLI INCONTRI

DEBUTTO
"LE DIFETTOSE"
Dall'infertilità alla genitorialità. - Cosa cambia con il via libera alla fecondazione eterologa?
Circolo SEL Testaccio - Madre Provetta Onlus Roma - AssoLei Onlus
CIRCOLO DI SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA’ DI TESTACCIO – Roma-  Venerdi 20  Marzo 2015, ore 18.00
La Legge 40 sulla fecondazione medicalmente assistita, a seguito delle modifiche intervenute con la sentenza della Corte Costituzionale del 9.4.2014, consente, anche in Italia, la fecondazione eterologa. Superato il divieto anacronistico che penalizzava e discriminava proprio coloro che presentano forme di sterilità assoluta, non consentendo di realizzare il progetto genitoriale e di famiglia di tante coppie, la Legge oggi permette l'esercizio del diritto alla procreazione cosciente e responsabile come sancito in leggi nazionali e dichiarazioni internazionali. Da anni per opera di alcune donne, parlamentari, studiose e giornaliste interessate ad indagare culturalmente e scientificamente le nuove opportunità offerte dalla medicina, in relazione allo specifico ambito della procreazione medicalmente assistita, è aperto il dibattito sul diritto alla maternità e alla genitorialità.
AL TERMINE DELL'INCONTRO VERRA' SERVITO UN APERITIVO
Introduce: Mauro Cioffari Capogruppo SEL Municipio Roma I Centro_Coordina: Gloria Citraro Responsabile sportello Associazione Madre Provetta Onlus_
Intervengono: Monica Soldano Presidente Madre Provetta Onlus Roma – giornalista, Dalila Novelli Presidente Onoraria Associazione AssoLei Onlus, Cecilia D'Elia Coordinamento Nazionale SEL, Eleonora Mazzoni attrice, autrice "Le Difettose", Graziella Manca Consigliera SEL Municipio Roma I Centro ,Marta Bonafoni Consigliera SEL Regione Lazio
www.sinistraecologialiberta-roma1m.org

Kirosegnaliamo esce all’inizio di ogni settimana, chi volesse darci comunicazione di eventi con rilievo artistico-culturale può scriverci a kirolandia@gmail.com oppure info@kirolandia.com,  entro la domenica precedente, specificando chiaramente la richiesta di segnalazione, provvederemo previa specifica selezione all'inserimento … 

Se consideri questo post interessante scrivi un commento e/o clicca mi piace!!!    

Nessun commento:

Posta un commento