MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | corrente culturale | fridaartes | privacy e cookie
Kirosegnaliamo | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-NEWS |FOTO | RACCONTI | POESIE | DISEGNI/PITTURE | PALCOSCENICO | MUSICA | ARTE | CINEMA | LIBRI | COSTUME/SOCIETA' | SCIENZE/NATURA | VIDEO
IppoKiro PutzoKiro MayaKira ManuKira AttiroKira VolpocaKiro MireKira Krouge VeraKira

lunedì 2 ottobre 2017

KIROSEGNALIAMO 2-8 Ottobre 2017

K-news  





Kiri, continuano le segnalazioni di Kirolandia blog di cooperazione dell'omonima corrente culturale.




Di settimana in settimana vari suggerimenti tra teatro, musica, arte  e tanti altri eventi selezionati  accuratamente sulla base delle vostre importanti indicazioni.




Dunque ecco per sognare con voi... 

TEATRO

DEBUTTI...

"Segreti di famiglia"
di Enrico Luttmann 
regia Marco Maria Casazza
con Viviana Toniolo e Stefano Messina
produzione Attori & Tecnici

TEATRO VITTORIA - Roma
dal 3 al 15 ottobre  2017,  ore 21.00_ ore 21.00 (mercoledi 4 ore 17.00; martedi 10 ore 20.00; domenica ore 17.30)

PRIMA ASSOLUTA

Apre la stagione del Teatro Vittoria la nuova produzione di Attori&Tecnici che nasce, innanzitutto, da un’esperienza emozionale condivisa da molti membri della Compagnia dopo aver letto il meraviglioso testo di Enrico Luttmann. Prima fra tutti la direttrice artistica Viviana Toniolo che subito ha riconosciuto le potenzialità drammaturgiche di quest’opera.  La Compagnia ha da sempre rivolto una particolare attenzione alla nuova drammaturgia contemporanea, come testimoniano il lavoro artistico e le numerose regie firmate da Attilio Corsini e Stefano Messina.

Quest’ ultima opera è una commedia su una donna tenace, imperfetta e irresistibile. 

Grazia ha un caratteraccio. Grazia ha un senso dello humour caustico. Grazia vuole fare le cose a modo suo. Grazia ha molti segreti che il figlio Adamo ignora. Lui, commediografo in crisi in fuga dalla soap-opera, va a trovarla e sono subito scintille. Ma anche Adamo ha i suoi segreti e nel corso della loro nuova convivenza vengono a galla vecchie storie che parevano destinate a rimanere sepolte per sempre. E Adamo avrà un nuovo dilemma da affrontare.
Tra verità rivelate a denti stretti, schermaglie, bilanci e frecciate indimenticabili, Grazia rivive nel racconto di suo figlio, che, nel narrare quei giorni, compone un mosaico: la mappa di un viaggio alla ricerca dell’autenticità. Una mappa che lui sarà in grado di leggere solo dopo, quando lei non ci sarà più. 
Una commedia, sì, perché a dispetto degli errori commessi, della paura e dei dubbi che gli eventi impongono, la relazione che Grazia instaura con suo figlio Adamo la rende capace di affrontare quello che la aspetta con lucidità, persino ridendo.
Difficile dire se i segreti disseppelliti da entrambi dopo decenni siano scheletri o tesori. Di certo niente, neanche Adamo, sarà più come prima. È questa la più grande eredità che sua madre gli possa lasciare.

Costo: Biglietti:  intero platea 28 , intero galleria 22 (compresi 3 euro di prevendita) ridotti in convenzione: platea 21 e galleria 18 (compresi i 3 euro di prevendita) Promozione gruppi: 1 biglietto cortesia ogni 10 spettatori paganti 
Informazioni: botteghino: 06 5740170 ; 065740598 lunedì (ore 16-19), martedì - sabato (ore 11- 20), domenica (ore 11-13.30 e 16-18) Vendita on-line e info: www.teatrovittoria.it     
Indirizzo: piazza di Santa Maria Liberatrice, 10 - Roma
Sito di Riferimento: www.teatrovittoria.it
__________________________________________________________________________


"GALLA PLACIDIA Imperatrice di Roma"
Prosa
Con Daniela Allegra
Tratto dal volume “Reinas” di Isabel Russinova
Armando Curcio Editore
Nell’ambito della rassegna tematica multidisciplinare
LES FEMMES D’OR
Direzione Artistica Isabel Russinova

CASA INTERNAZIONALE DELLE DONNE Sala Atelier  -  Roma
3 ottobre 2017, ore 21.00

Continua la rassegna tematica multidisciplinare Les Femmes d’Or, diretta da Isabel Russinova, volta ad approfondire, anche attraverso testi inediti, le figure  femminili che hanno animato la città di Roma nel tempo.

Secondo appuntamento: “GALLA PLACIDIA, Imperatrice di Roma”, l’imperatrice romana che governò i barbari.
Attraverso frammenti di vita e le battaglie combattute per conquistare e difendere il potere, l’opera vuole tracciare la memoria di un grande personaggio femminile della storia, che ha anche difeso l’arte e lasciato, in questa, tracce della sua personalità, come il mausoleo che si fece erigere in vita, tra le grandi opere del passato protette dall’UNESCO. Galla Placidia apparteneva ad una dinastia di Imperatori, fatta prigioniera dai barbari Visigoti, di cui divenne poi la Regina. Già nel 400 d.c., i biografi del tempo descrivono l’acutezza politica e l’avvenenza della principessa romana figlia dell’Imperatore Teodosio.
Statista, moglie, amante, madre, guerriera e grande mecenate, Galla Placidia ha saputo decidere, tramare, scegliere e rinunciare con grande lucidità e spietatezza ma anche sensibilità, attiva testimonianza degli ultimi splendori del grande Impero.

Donna colta e raffinatissima, ha cercato di conservare e difendere la memoria degli avi erigendo nuove magnifiche opere, edifici, mosaici, salvaguardando gli artisti e il loro talento.
Galla Placidia fu fatta prigioniera da Alarico, che si infatuò di lei e decise di portarla con sé. Durante la traversata in mare verso la Siria, una tempesta distrusse la flotta di Alarico, che morì poco dopo.
Galla Placidia diventò moglie di Ataulfo. Fu una grande storia d’amore che il destino distrusse con la morte di Ataulfo e il loro figlioletto Teodosio.
Tornata a casa, riscattata dal fratello, venne data in sposa a Costanzo.
Donna inquieta e intelligente, non accettò di vivere solo il ruolo di moglie e di fatto diventò il primo consigliere del marito che morì dopo qualche anno, stessa sorte toccò al fratello e le redini dell’Impero passarono a lei, in qualità di tutrice del figlio che aveva solo sei anni.
Governò con grande astuzia ed equilibrio, fu ottima stratega, seppe utilizzare la diplomazia, ma anche la forza.

Prossimi appuntamenti: 4 ottobre 2017 ore 21,00 Les Femmes d’ Or - 5 ottobre 2017 ore 21,00 Lettere d’amore dalla città eterna - 6 ottobre 2017 ore 21,00
Berenice

Costo: Ingresso  5 €
Informazioni: Tel. 06.68401721 - eventi@casainternazionaledelledonne.org
Indirizzo: via della Lungara,  19  - Roma
Sito di riferimento: www.casainternazionaledelledonne.org
__________________________________________________________________________

Teatro Studio Uno
presenta  
"Teresa santa, puttana e sposa #capitolo1"
Il debutto di Teresa al Cabaret Madama Do Re
- oppure -
Teresa e il castigo dell'usuraio
 
di Marco Bilanzone
regia Lorenzo Montanini

TEATRO STUDIO UNO -  Roma
dal 5 al 14 ottobre 2017 , dal giov. al sab. ore 21.00_dom. 18.00

PRIMA ASSOLUTA

Produzione Teatro Studio Uno 

In apertura di stagione del il primo capitolo di “Teresa santa, puttana e sposa” primo di una serie di cinque spettacoli tra loro indipendenti ma intrecciati, che  raccontano la storia di Teresa Battista eroina simbolo di libertà, coraggio ed emancipazione.

Peste, fame e guerra, morte e amore. Canzoni d’ubriachi, passi di danza, grida di disperazioni, voci di piazza, leggende di paese. “Teresa santa, puttana e sposa” è la storia di una bambina nata libera e venduta dagli zii a tredici anni, prostituta e schiava, ballerina e cantante ineguagliabile, moglie devota. Regina delle prostitute infermiere contro il vaiolo nero, amante indomita in eterna attesa, guerriera e protettrice dei più deboli, femminista, santa e figlia del dio della guerra.

Nel magico Sud del nostro paese, a Sant’Esolo, ai margini dei monti Filetei, muove i suoi passi la nostra eroina, un territorio/limbo, immaginario e immaginifico, abitato da persone provenienti da ogni regione di questa variopinta nazione. Gente che poco chiacchiera con gli stranieri e che è avvezza al duro lavoro sotto il sole. Lì Teresa troverà l’amore, l’invidia, la vendetta in un turbine di avvenimenti che la trasformeranno nel profondo.

Una serie di cinque spettacoli: uno ogni due mesi fino alla fine dell’anno. La stagione della giovinezza, quando Teresa ormai adulta debutta come cantante al Cabaret (5-14 ottobre 2017), la sua infanzia, quando l’inverno sarà invece alle porte (14-17 dicembre 2017), la sua guerra contro il vaiolo nero a Febbraio (1-4 febbraio 2018), la notte in cui Teresa dormì con la morte quando un timido sole di Primavera si affaccerà su Tor Pignattara (22-25 marzo 2018).
Con l’ultimo capitolo, in scena poco prima dell’estate, la festa delle nozze di Teresa (10-13 maggio 2018), lo spettatore potrà godere di uno spettacolo lungo un giorno, da mattina a sera, per ripercorrere insieme tutta la storia dall’inizio alla fine.

Otto attori, Nadia Caretto, Flavia Germana De Lipsis, Alessandro Di Somma, Mattia Giordano, Jessica Granato, Federico Le Pera, Riccardo Marotta, Giuseppe Mortelliti, Eleonora Turco, si alterneranno nel racconto delle varie età di Teresa interpretando, personaggi, epoche ed atmosfere di un racconto senza tempo in cui la realtà si confonde con la leggenda e dove la storia, sfumata nei contorni, diventa impresa eroica, epopea, fiaba popolare.

Autore: Marco Bilanzone - regia: Lorenzo Montanini - costumi: Federica Centore - ass. alla regia: Alessia Matrisciano - Interpeti:  Nadia Caretto, Flavia Germana De Lipsis , Alessandro Di Somma, Mattia Giordano,  Jessica Granato,  Federico Le Pera, Riccardo Marotta,  Giuseppe Mortelliti, Eleonora Turco

Costo: Ingresso 12 € Tessera associativa GRATUITA
Informazioni: 3494356219- 3298027943 - info.teatrostudiouno@gmail.com - Prenotazioni http://j.mp/prenotaTS1
Indirizzo: via Carlo della Rocca, 6 - Roma (Torpignattara)
Sito di riferimento teatro: www.teatrostudiouno.com
__________________________________________________________________________

Silvano Toti Globe Theatre
Direzione artistica Gigi Proietti
"MUCH ADO ABOUT NOTHING"
Testo in lingua originale
Regia di Chris Pickles
In coproduzione con The Bedouin Shakespeare Company

GLOBE THEATRE ROMA - Roma
dal 5 ottobre al 15 ottobre, ore 20.45_ dom ore 18.00

Dopo i successi del programma estivo il palco del Silvano Toti Globe Theatre si appresta a salutare la stagione 2017 con il tradizionale spettacolo di chiusura in lingua inglese. Già protagonista della rappresentazione di The Tempest nella stagione 2016, la Bedouin Shakespeare Company tornerà in scena con lo spettacolo diretto da Chris Pickles MUCH ADO ABOUT NOTHING (Molto rumore per nulla), una delle più importanti tragicommedie di William Shakespeare.

Durante le soste di lunedì 9 e martedì 10 ottobre tornerà in scena per le ultime due repliche della stagione PLAYING SHAKESPEARE, lo spettacolo diretto da Loredana Scaramella che offrirà al pubblico l’occasione di scoprire i segreti del teatro ovale di impronta elisabettiana attraverso la rievocazione delle atmosfere dell’epoca e l’accompagnamento musicale del Trio William Kemp.

La stagione 2017 del Silvano Toti Globe Theatre - unico teatro elisabettiano d’Italia, nato nel 2003 grazie all’impegno dell’Amministrazione Capitolina e della Fondazione Silvano Toti per una geniale intuizione di Gigi Proietti - è promossa dall’Assessorato alla Crescita culturale di Roma Capitale con la produzione di Politeama srl e l’organizzazione e comunicazione di Zètema Progetto Cultura. Anche quest’anno nelle sere di spettacolo sarà attivo il Globar.

Una delle opere più famose ed amate di Shakespeare, in cui la commedia gioiosa e il dramma cupo, il 'Molto Rumore' del titolo, si accendono, si sviluppano e infine si risolvono felicemente grazie al 'Nulla' degli inganni, imbrogli, finzioni, stravolgimenti, rappresentazioni fuorvianti, bugie e raggiri.
The Bedouin Shakespeare Company, sotto il patronato di S.A.R. lo Sceicco Zayed bin Sultan bin Khalifa al Nahyan e S.A.R. la Sceicca Hissa bint Sultan bin Khalifa al Nahyan è particolarmente felice di tornare anche quest'anno al Silvano Toti Globe Theatre. Questa collaborazione ed amicizia ci rendono estremamente orgogliosi. Rappresentare un'opera di Shakespeare in uno spazio scenico così suggestivo, con un fantastico team di attori e creativi, costituisce il sogno di ogni compagnia teatrale. Nelle scorse due stagioni abbiamo avuto il piacere di presentare al Silvano Toti Globe Theatre 'La Commedia Degli Errori' e 'La Tempesta'; entrambe le rappresentazioni hanno successivamente registrato il tutto esaurito ad Abu Dhabi e Dubai, ed all'Arcola Theatre di Londra. Quest'anno porteremo al Globe di Roma la versione inglese originale di "Molto Rumore Per Nulla". Ci avvarremo dello stesso team brillante e creativo, con l'innovazione di una colonna sonora appena nata dal talento di Paul Knight, i costumi disegnati e creati ad hoc da Adrian Lillie, e la magia delle luci di Derek Carlyle. Il noto regista Chris Pickles creerà un'arguta ed emozionante versione di quest'opera così amata.
Non vediamo l'ora di portare amore e risate in uno splendido teatro e di condividerli con il pubblico di Roma. Un grazie di cuore a Gigi Proietti, Alessandro Fioroni e tutti quelli del Silvano Toti Globe Theatre. E' per noi un piacere ed un onore lavorare insieme a loro e grande è il nostro desiderio di mostrare a tutti i frutti della nostra collaborazione.

The Bedouin Shakespeare Company

Intrpreti: EVA ALEXANDER - EDWARD ANDREWS - GEORGE CAPORN - SARAH FINIGAN - SAM JENKINS-SHAW - JONATHAN KEMP - OLIVER LAVERY - CARLOTTA PROIETTI - ELEANOR RUSSO
----
ARTISTIC DIRECTOR Edward Andrews - DIRECTOR Chris Pickles - COMPOSER Paul Knight - LIGHTING DESIGNER Derek Carlyle - COSTUME DESIGNER Adrian Lillie - STAGE MANAGER Debbie Waters - CHOREOGRAPHY Tim Blowfield - PRODUCER Eleanor Russo

Costo: Parterre (posti in piedi) intero € 10, ridotto € 8 - Palco GOLD: intero € 30, ridotto € 27 (settore non disponibile in prevendita) - Palco Centrale Livello 1 e 2: intero € 26, ridotto € 23 - Palco Centrale Livello 3: intero € 20, ridotto € 18 - Palco Laterale 1 Livello 1 e 2: intero € 22, ridotto € 20 - Palco Laterale 2 Livello 2: intero € 16, ridotto € 13- Palco Laterale 3 Livello 1 e 2: intero € 14, ridotto € 12 (visibilità ridotta) - Palco Laterale 1 Livello 3: intero € 18, ridotto € 15 - vedi diritti di prevendita sul sito
Informazioni: 06 06 08 
Indirizzo: largo Acqua Felix  - Roma 
Sito di riferimento teatro: www.globetheatreroma.com
__________________________________________________________________________

PROSEGUONO...

Attrazioni cosmiche
di Giovanna Chiarilli
adattamento e regia di Marco Cavallaro

TEATRO DE' SERVI - Roma
dal 26 settembre al 15 ottobre 2017,  ore 21.00_sab 17.30 e 21.00_dom. 17.30

Ad aprire la stagione 2017-2018  del Teatro de’ Servi  ci pensa l’amore… quello cosmico!
All you need is love, ci cantavano i Beatles; c’è sempre un disperato bisogno d’amore, ci dice Giovanna Chiarilli  nella commedia  "Attrazioni cosmiche
che Marco Cavallaro mette in scena con una produzione firmata Esagera. 

La differenza tra i due messaggi salta subito all’occhio : è quell’aggettivo, “disperato”, che così bene inquadra i nostri tempi difficili. E in effetti “Attrazioni cosmiche” non a caso apre una stagione che si mantiene nel solco della tradizione del Teatro de’ Servi, perché assai bene coniuga leggerezza e ironia con problematiche complesse, legate alla quotidianità così come la filosofia della programmazione per il 2017/18 impone, con la leggerezza e l’ironia.
Cavallaro peraltro, col suo stile inconfondibile, conferisce al suggestivo testo una briosità che sa fare convivere comico e tragico quasi con indifferenza, come se fra i due registri  non intercorresse alcun salto. L’emozione in fondo è la stessa, si rida o si pianga, si organizzi una festa o ci si arrovelli sul modo di tirare avanti per le difficoltà economiche.
Il filo conduttore della commedia è per l’appunto il veglione di capodanno, la cui preparazione unisce una galleria di personaggi che appaiono avvolti dalla precarietà ma che sembrano anche consapevoli di quanto sia essenziale l’aiuto degli altri. Quello che ne deriva è uno spettacolo spumeggiante che a seconda della sensibilità di ciascuno  può diventare un inno all’amicizia o uno spaccato del disordine sociale in cui ci dibattiamo. Ma alla fine, anche se il caos sembra prevalere, anche se le storie personali scoppiano come un fuoco di artificio, ciò che vince e in qualche modo trasforma le preoccupazioni in speranze non può essere che l’amore. Un amore che è cosmico perché abbraccia tutti e perché nessuno, anche se lo desidera, può liberarsene. Non serve neppure dire, per cercare di starne lontano, che gli uomini sono come le scarpe, c’è sempre una ragione per cui fanno male, o che ogni innamoramento finisce in un tradimento.

Accanto a Cavallaro animano lo spettacolo attori giovani ma di talento: Maria Chiara Centorami, Ramona Gargano, Marco Maria Della Vecchia, Maria Lauria, Marzia Verdecchi. Le scene sono invece firmate da Salvo Manciagli, costumi Marco Maria Della Vecchia, foto Valerio Faccini, produzione esecutiva Lisa Bizzotto ed aiuto regia da Teresa Calabrese.

Costo: Biglietti  platea  intero  22 € - ridotto G/A 16 €galleria intero  18 €  - ridotto G/A  14€  (ridotto giovani under 18 e anziani over 65)

Indirizzo: via del Mortaro (ang. Via del Tritone), 22 - Roma 
Sito di riferimento teatro: www.teatroservi.it 
__________________________________________________________________________

Teatro NUOVO Milano
"MUSICA RIBELLE – La Forza dell’Amore"
con FEDERICO MARIGNETTI, MASSIMO OLCESE, ARIANNA BATTILANA, MIMOSA CAMPIRONI
musiche di EUGENIO FINARDI
testo e drammaturgia  FRANCESCO NICCOLINI
su soggetto di  PIETRO CONTORNO
redia di  EMANUELE GAMBA
direzione musicale di  STEFANO BRONDI

Radio Popolare media partner

TEATRO NUOVO - Milano
dal 29 settembre all'8 ottobre 2017 - ore 20.45 _dom. ore 15.30_sabato 30 settembre doppio spettacolo ore 15.30 e ore 20.45

DEBUTTA A MILANO IL TOUR DI “MUSICA RIBELLE”, L’OPERA ROCK CON MUSICHE DI EUGENIO FINARDI E LA REGIA DI EMANUELE GAMBA.

Sarà in scena “MUSICA RIBELLE – La Forza dell’Amore”, la nuova produzione di Todomodo e Bags Entertainment, che nasce come percorso ideativo e creativo intorno ad una scelta precisa: scrivere e realizzare uno spettacolo sulla musica, la testimonianza artistica e umana di Eugenio Finardi.
Il tour proseguirà poi a Firenze, Reggio Emilia, Roma e altre città italiane.

Musica Ribelle è uno spettacolo teatrale di chiara matrice rock, non solo per le sonorità che lo segnano ma, soprattutto, per l’attitudine, l’approccio, l’ispirazione, l’anima.
I brani di Eugenio Finardi, interamente riarrangiati da Emiliano Cecere e Alberto Carbone sotto la supervisione dello stesso autore, sono eseguiti rigorosamente dal vivo tra sonorità che vanno da quelle rock-prog originarie degli anni ’70, a sconfinamenti d’n’b, techno, ma anche ballate e medley del primo decennio della carriera del più “ribelle” cantautore italiano. Da Dolce Italia a Patrizia, da Diesel a Un uomo, da Extraterrestre a La radio, e le immancabili La Forza dell’Amore e Musica Ribelle.
Musica Ribelle è un’opera che, per i suoi contenuti e per la sua forza evocativa, parla un linguaggio di verità e di autenticità, sia alle nuove generazioni sia al pubblico tradizionalmente legato al teatro di prosa. Uno spettacolo emozionante, schietto, crudo, eseguito da un cast di grandissimo talento e un gruppo di musicisti, anch’essi attori, che suonano dal vivo.
Il tutto in una cornice scenica essenziale ed efficace, in cui si inseriscono soluzioni di video grafica di commento alla drammaturgia.
Dopo il grande successo di Todomodo con Spring Awakening, Musica Ribelle voleva essere un’opera dalla netta matrice rock, una storia che parlasse ancora a quelle migliaia di ragazzi che hanno seguito per oltre due anni le rappresentazioni in Italia di Spring Awakening e che lo hanno così tanto amato.
A fianco di Todomodo c’è BaGS Entertainment, nota per i tour italiani di CATS, Parsons Dance e soprattutto per la produzione di NEWSIES della Disney che, come Musica Ribelle, raccontava una storia di ragazzi pronti a ribellarsi e a combattere per affermare e difendere i propri diritti.
Musica Ribelle parla “a” e “di” loro, ma offre moltissimi spunti di riflessione anche alla generazione protagonista di quegli anni. Una storia che parla con loro, ma parla anche “di” loro, e delle generazioni più mature. Una storia di ragazzi e ragazze, di uomini e donne, di politica, di poesia, amore, vita, musica.

LA STORIA
Milano, oggi. Un vecchio scantinato da tempo in disuso viene affittato da una street gang di giovani rapper, graffittari, dj per preparare un rave notturno. Lo occuperanno solo per una settimana, un periodo troppo breve per non insospettire l’attempato proprietario della cantina, il signor Hugo. In realtà quello non è il suo vero nome, ma quello dato da Lara93, giovanissima leader della gang, anche lei “protetta” da nickname di circostanza. Tra i due nasce subito uno scontro fatto di schermaglie verbali, che nasconde però una profonda curiosità reciproca.
É la stessa cantina ma ora siamo nel ‘73, e quello è il covo di un collettivo politico, la sua sala prove, la sua stamperia, la sua radio libera.  Vento, un ragazzo ribelle, sempre “contro”, impegnato politicamente ma anche un po’ superficiale e sognatore cui l’ortodossia va stretta, è il leader di un collettivo giovanile immerso, come molti della sua generazione, nelle utopie e nelle contraddizioni degli anni settanta, decennio che la nostra storia attraversa per intero.
Le storie dei due protagonisti, corrono in parallelo. Sette anni per Vento e il suo collettivo, sette giorni per Lara93 e il suo mondo di dropouts ai margini del sistema.

CON FEDERICO MARIGNETTI/MASSIMO OLCESE/ARIANNA BATTILANA/MIMOSA CAMPIRONI - MUSICHE DI EUGENIO FINARDI - TESTO E DRAMMATURGIA DI FRANCESCO NICCOLINI  - SU SOGGETTO DI PIETRO CONTORNO - REGIA DI EMANUELE GAMBA - DIREZIONE MUSICALE: Stefano Brondi - CAST: Alessandro Baldi, Gabriel Glorioso, David Marzi, Marta Paganelli, Filippo Paglino, Albachiara Porcelli, Benedetta Rustici, Luca Viola - BAND: Filippo Bertipaglia, Andrea Mandelli (studenti del CPM Music Institute), Francesco Inverno - COORDINAMENTO MUSICALE: Raffaele Commone - ASSISTENTE ALLA REGIA: Alessia Cespuglio  - ARRANGIAMENTI MUSICALI: Emiliano Cecere e Valerio Carboni per TM s.r.l.  - ARRANGIAMENTI VOCALI: Stefano Brondi - AZIONI COREOGRAFICHE: Chelo Zoppi/ASSISTENTE: Asia Pucci  - VISUAL: Raffaele Commone e Paolo Signorini  - SCENE: Massimo Troncanetti  - COSTUMI E COMPLEMENTI DI - SCENA: Blender Soluzioni Creative - DISEGNO LUCI: Marco Giusti  - DISEGNO AUDIO: William Geroli - DIRETTORE DI PRODUZIONE: Alessandro Baldi - DIREZIONE ALLESTIMENTO: Lucio Mazzoli - GRAFICA E COMUNICAZIONE: Raffaele Commone  - DIREZIONE ARTISTICA: Pietro Contorno - SCENOTECNICA: Mekane  - CONSULENZA COMUNICAZIONE: Synpress44 - FOTO DI SCENA: Andreana Ferri - BOOM srl-  PRODUZIONE ESECUTIVA: BaGS Entertainment - BOOKING – Matteo Mantovanelli / BaGS Entertainment - COMUNICAZIONE E MARKETING – Silvia Cavaletti / BaGS Entertainment - UFFICIO STAMPA – Cristina Atzori / BaGS Entertainment - BaGS Entertainment è parte del Gruppo WEC (World Entertainment Company Spa).
Si ringrazia per la collaborazione e i servizi artistici: CPM Music Institute
Si ringrazia: Emidio Bosco per gli oggetti di scena - Studio Barbone & Tassone, Teatro il Grattacielo,
Teatro Nazionale della Toscana, Fondazione Teatro Goldoni – Livorno.
Coordinamento swing a cura di MTS - Musical the School di Simone Nardini

Costi:  Settore giallo 34,50 €, settore blu 30,00 €, settore verde  25,80 € (+ diritto di prevendita)
Indirizzo: piazza San Babila 3 - Milano
Info e prenotazioni:  tel. 02.794026 - prenotazioni@teatronuovo.it
Sito di riferimento:  www.teatronuovo.it  
__________________________________________________________________________

BURLESQUE

LIZZY BROWN
presenta
"BURLASQUE UPLOAD"

TEATRO PORTA PORTESE – ROMA
dall'8 ottobre 2017 al 15 aprile 2018

Nasce BurlAsque Upload la rassegna di Teatro e Burlesque ideata e prodotta da Lizzy Brown performer italiana di burlesque,  che per tutta la stagione 2017/2018 sarà in scena al Teatro  Porta Portese di Roma.
Un appuntamento al mese per unire più talenti artistici, ognuno con la sua unicità e portare l'arte del burlesque fuori dai locali e dalla sua nicchia per farla conoscere anche al pubblico teatrale solitamente più abituato a spettacoli di prosa. La sala Brecht del Teatro Porta Portese ospiterà le performance di artisti internazionali che mescolano la danza, la magia, la recitazione, il canto a un'arte solitamente legata al solo concetto di streeptease. Il risultato sarà  uno spettacolo sempre nuovo, allegro e aperto a tutti.

Il burlesque è per me un contenitore, nel quale tanti linguaggi e tanti stili possono convivere e creare ogni volta qualcosa di unico” spiega Lizzy Brown.  “Con questa visione nasce questo progetto”.

Dopo il primo esperimento dello scorso anno con “BurlAsque 3.0” al Teatro Alba a Roma, al quale tutti gli artisti invitati a partecipare hanno risposto con entusiasmo e professionalità, il progetto torna in uno spazio più grande per puntare su un maggior numero di artisti.
Saranno sette le serate a tema vario, una domenica al mese. Alle 21.30 il teatro Porta Portese si animerà di talenti, magia e musica.

Si parte l’8 ottobre con i sei artisti che formano la GOLDEN EGGS REVUE. 
La Revue è formata da due ragazzi e quattro ragazze che, ognuno col suo stile e personalità portano in scena “La Tournee”, uno spettacolo burlesco/teatrale con la regia di Albadoro Gala, perfomer internazionale, insegnante e produttrice del Caput Mundi Burlesque Award, uno dei pochi Festival di Burlesque in Italia, se non l’unico che mette insieme perfomer di tutto il mondo. Dopo il loro primo spettacolo “Il Debutto” nel marzo del 2017, si affonda nelle radici del New burlesque con una scena completamente diversa.

Costo: Biglietti 15€ + 2€ tessera
Informazioni: tel 06.58.12.395
Indirizzo: via Portuense, 102 - Roma
Facebook di riferimento: www.facebook.com/teatroportaportese
__________________________________________________________________________

EVENTI DI CULTURA e SOLIDARIERTÀ

Chiari & Scoliosis & Syringomyelia Foundation
Barcellona
in collaborazione con
Institut Chiari & Siringomielia & Escoliosis de Barcelona
e
Associazione Internazionale AI.SAC.SI.SCO Onlus
presenta
"ARTE VS FILUM"
ARTISTI UNITI CONTRO LA MALATTIA PIÙ DIFFUSA E IGNORATA
Espressioni artistiche di pazienti, familiari e simpatizzanti colpiti dalla Malattia del Filum

Teatro San Luigi Guanella - Roma
7 Ottobre 2017, ore 16.30

Arte per combattere il male. Un pomeriggio all’insegna della Cultura e della Solidarietà, dedicato ai pazienti affetti da Filum, la grave malattia che comprende patologie definite convenzionalmente come Sindrome di Arnold-Chiari I, Siringomielia idiopaticaScoliosi idiopatica, Platibasia, Invaginazione Basilare, Inversione del processo odontoide, Kinking del tronco cerebrale, influendo, inoltre, sulla comparsa di Discopatie vertebraliStenosi del canale vertebrale, Enuresi notturna e molte altre.
La manifestazione gode della collaborazione dell’Institut Chiari & Siringomielia & Escoliosis de Barcelona e dell’Associazione AI.SAC.SI.SCO, la Onlus di pazienti che sono stati colpiti dalla malattia.

Su palco del teatro del quartiere Prati si alternano le testimonianze di esperti e pazienti uniti contro questa terribile malattia - tra le più diffuse al mondo - che colpisce una persona su cinque, insidiandosi principalmente nel sistema nervoso, nel cranio e nella colonna vertebrale.

Presente alla manifestazione, direttamente da Barcellona - il fondatore e presidente del patronato CSSF Dott. Miguel B. Royo Salvador, studioso del male che si manifesta con sintomi quali cefalea, nausea, vomito, disfagia, vertigini, deterioramento della memoria, cervicalgie, dolori dorsali e lombari, parestesie, alterazioni della sensibilità, dolori e mancanza di forza agli arti, alterazioni dell’equilibrio e della deambulazione, insonnia e molti altri.

La scaletta dell’evento prevede, tra le altre, la performance dell’attrice Rita Capobianco, che porta in scena la sua opera teatrale “Tutta colpa di Arnold” sulla Sindrome di Arnold-Chiari I. Nel programma della manifestazione, anche le testimonianze della scrittrice e poetessa Marisa Toscano, della ballerina Annalisa Caicci e della cantante Laura Ierano. Nel foyer del teatro gli ospiti possono ammirare la raccolta di opere pittoriche dell’artista Francesco Mauro e seguire le proiezioni di video di contributi artistici di pazienti provenienti da tutto il mondo.

L’Institut Chiari & Siringomielia & Escoliosis de Barcelona ha sviluppato con le sue ricerche il metodo sanitario Filum System®, che permette la diagnosi della Malattia del Filum e delle sue molteplici conseguenze e l’applicazione del trattamento adeguato mediante tecniche chirurgiche mini-invasive e successivi protocolli di riabilitazione.

Grazie al metodo sviluppato dalla nostra equipe” – spiega il Dott. Royo Salvador – “si elimina la causa della patologia, dopo un dettagliato esame diagnostico e la successiva applicazione della sezione chirurgica mini-invasiva del filum terminale che, oltre ad arrestare lo sviluppo della malattia, non presenta alcun effetto nocivo secondario, ed offre eccellenti risultati, senza complicazioni rilevanti. Attraverso la giusta terapia si possono recuperare le lesioni reversibili del sistema nervoso e, in certi casi, ottenere cambiamenti anatomici favorevoli: la riduzione o scomparsa delle cavità siringomieliche, la risalita delle tonsille cerebellari, il raddrizzamento della colonna vertebrale e la riduzione delle discopatie vertebrali. Il recupero veloce e senza complicazioni fa sì che il trattamento possa essere applicato a bambini, adulti e anziani”.

L’ICSEB si dedica allo studio e alla cura della Malattia del Filum e delle patologie ad essa associate dal 2008, ed è l’unico centro ad altissima specializzazione e all’avanguardia a livello internazionale per la ricerca continua, la diagnosi e l’applicazione del metodo sanitario Filum System®.

Costi:  Ingresso GRATUITO
Informazioni: Emilio Sturla Furnò Communication - +39 340 4050400 - info@emiliosturlafurno.it
Indirizzo: via Girolamo Savonarola,  36  - Roma
Siti di riferimento: https://institutchiaribcn.com/it - https://chiarifoundationbcn.com - www.aisacsisco.org/it
__________________________________________________________________________
MUSICA e PAROLE

QUARTIERI DELL'ARTE - XXI edizione
In occasione dell'ottantesimo compleanno del regista QdA e Accademia Nazionale di San Luca presentano
"PETER STEIN in FAUST FANTASIA (2000)"
Melologo per voce e pianoforte di Arturo Annecchino
Segue maratona non stop di proiezioni che documentano i suoi allestimenti storici, aperta dal film Le maratone di Peter di Giovanni Visentin

Palazzo Carpegna - Roma
3 ottobre 2017, ore 18.00

Quartieri dell'Arte si trasferisce a Roma nelle sale di Palazzo Carpegna  per un Omaggio a Peter Stein, in occasione del suo ottantesimo compleanno.

La giornata di celebrazione di uno tra i grandi protagonisti del teatro contemporaneo avrà inizio alle 18.00 e si protrarrà sino all’alba del giorno successivo. Il programma prevede l’esecuzione da parte di Peter Stein del melologo Faust Fantasia (2000), opera per voce e pianoforte di Arturo Annecchino, testo tratto dal Faust di J. W. Goethe, musica eseguita da Giovanni Vitaletti.

Seguirà, nello spazio aperto del cortile di Palazzo Carpegna, la proiezione del film “Le maratone di Peter” di Giovanni Visentin e una non-stop di filmati tratti dagli spettacoli teatrali: A. Čechov, Tre Sorelle, 1983, Schaubühne, Berlin – G. Verdi, Simon Boccanegra, 2002, Staatsoper, Wien – A. Čechov, Zio Vanja, 1990, Mosca/Roma – Eschilo, Orestea, 1980, Schaubühne, Berlin – W. Shakespeare, Come vi piace, 1977, Schaubühne, Berlin – G. Verdi, Don Carlo, 2013, Salzburger Festspielhaus – D. Šostakovič, Nos (Naso), 2011, Oernhaus Zürich – A. Berg, Lulu, 2009, Opéra National de Lyon – J. W. Goethe, Faust, 2000, Arena, Treptow Berlin.

Peter Stein, figura di primaria importanza nella contemporanea scena teatrale e culturale, ha fondato nei primi anni Settanta del Novecento la compagnia e il teatro della Schaubühne a Berlino, dove hanno avuto luogo rappresentazioni ormai considerate leggendarie. Ha operato nei più importanti teatri e festival internazionali, spaziando dalla drammaturgia classica a quella contemporanea, non tralasciando di occuparsi in maniera approfondita di teatro musicale. Dalla metà degli anni Ottanta ha scelto di risiedere in Italia. Nel 2000, per l’Expo di Hannover, ha creato, prodotto e diretto “Faust”, messa in scena integrale dell’opera di Goethe che, articolandosi in due giornate consecutive e alternando pause a spettacolo, durava complessivamente 21 ore, per una compagnia di 35 attori e con musiche originali di Arturo Annecchino. “Faust Fantasia” nasce da questa straordinaria esperienza e ha visto Peter Stein mettere se stesso in scena per la prima volta nella sua lunga carriera.

Costi: Ingresso libero
Indirizzo: piazza Accademia di S. Luca, 77 - Roma
Informazioni: ufficiostampaquartieridellarte@gmail.com
Sito di riferimento: www.quartieridellarte.it
__________________________________________________________________________

CINEMA e CINEFORUM

Film gay inedito
"I am Michael"
regista: Justin Kelly
ACROBAX (ex Cinodromo) - Roma
5 ottobre 2017 - ore 20.30 

È la vera storia di Michael Glatze (interpretrato da James Franco), fervente attivista gay che ad un certo punto della sua vita, dopo un periodo di crisi, si avvicina al cristianesimo e rifiuta la sua omosessualità, sconvolgendo i suoi amici e il fidanzato. Glatze diventa un pastore mormone, si sposa e inizia una lotta contro i gay e i loro diritti, rinnegando il suo passato.

CINEFORUM S. PAOLO GAY AUTUNNO: PROIEZIONE NELLA SALA ROSSA DI FILM INEDITI A TEMATICA GAY-LESBICA DAL MONDO SOTTOTITOLATI IN ITALIANO

GENERE: Biografico  - ANNO: 2016  - NAZIONE: USA  - DURATA (min.): 01h 38min - LINGUA ORIGINALE: Inglese  - SOTTOTITOLI: Italiano (a cura di Buzz Intercultura)

Costo: Ingresso OFFERTA LIBERA
Indirizzo:  via della Vasca Navale, 6 - Roma
Informazioni e Sito di riferimento: www.cinegay.it
__________________________________________________________________________
ARTE

APRONO I BATTENTI

"Itinerari e Visoni"
di Anna Proietti
a cura di Tiziana Todi

GALLERIA VITTORIA - Roma
dal 4 al 16 ottobre  2017,  oraio dal lunedì al venerdì, dalle ore 15 alle ore 19; fuori orario su appuntamento.

Il vernissage si terrà Mercoledì 4 ottobre alle ore 18.00.

La Galleria Vittoria riapre le porte al pubblico per la stagione 2016/2017 e inaugura la prima tappa stagionale con una mostra dedicata all'artista Anna Proietti.
La mostra, dal titolo ITINERARI E VISIONI a cura di Tiziana Todi, propone un percorso di sintesi ispirato dai viaggi che hanno arricchito l’Artista.
Una ricerca incessante ma spontanea dell'espressione di mondi interiori che si aprono agli occhi di Anna Proietti e che traspone sulle tele.

Scrive di lei Alessandra Gatti:
Paesaggi, luci, ombre, gli odori e le sensazioni provate, riempiono i ricordi e le tele di Anna Proietti attraverso elementi di riconoscimento e di comunicazione suscitando emozioni e sentimenti.
Gli antichi consideravano il viaggio come un banco di prova in cui gli Dei, spronando l’uomo a partire, gli ponevano innumerevoli difficoltà, quasi a sottolineare quanto piccolo fosse l’uomo in confronto alle divinità. Sono proprio queste forti emozioni contrastanti, la voglia di partire e la consapevolezza delle tribolazioni in serbo per loro, che stimolano la mente dei viaggiatori e gli riempiono l’animo.
Anna Proietti dipinge e nello stesso tempo esplora le città che lei stessa tanto ama, sogna e osserva in ogni sua pennellata. Per immergersi nelle sue opere, in questa sua prima personale, non resta che munirsi di una mappa e una punta di empatia, ed entrare visivamente nello spazio creato attraverso il colore e la luce in un’atmosfera espressiva individualissima.
Anna Proietti nei suoi “Itinerari e Visioni”, si lascia trasportare dalle più intense emozioni, abbandonandosi agli scorci delle meraviglie metropolitane, in un’autentica fusione di colori caldi come gli acquerelli della sua Roma ai più freddi della veduta di Istanbul.
Siano esse reali, ideali o simboliche, le città hanno da sempre trovato una propria rappresentazione nelle più grandi civiltà: dalle immagini urbane che fanno da sfondo a una battaglia come negli edifici babilonesi, agli splendidi affreschi ritrovati nella città di Akrotiri a Santorini. Chateaubriand nel suo “Itinerari da Parigi a Gerusalemme” (1811) ha rivoluzionato la letteratura di viaggio, descrivendo attraverso la sua penna le emozioni e le sensazioni che provava nell’immergersi ogni volta in una cultura e città diversa, fossero esse dolci o dolorose. Anna, come il Visconte, riesce ad imprimere sulla tela le atmosfere che da Mosca a Praga, da Parigi a Roma, ha toccato con mano e respirato, tanto da inoltrarsi sulle rive della Senna per ammirare di notte la Tour Eiffel, o sprofondare nella più assoluta beatitudine sulla celebre terrazza di Parco Guel a Barcellona.

Costo
Ingresso LIBERO
Indirizzo: via Margutta,  103 - Roma
Sito di riferimento: www.galleriavittoria.com
__________________________________________________________________________

"RAW Rome Art Week"
di Viola Di Massimo

STUDIO ARTE VIOLA - Roma
dal 7 al 14 ottobre 2017 - dalle 17.00 alle 21.00                                                                               
Lo studio d'arte viola sarà aperto per la mostra personale di Viola Di Massimo dal titolo cafàrnao con RAW Rome Art Week. 

Gli studi degli artisti sono spesso luoghi di grande confusione dove ogni cosa non rimane mai nello stesso posto ma vaga da un luogo all'altro come avesse vita propria. Il fascino è proprio questo: un'opera vista il giorno prima cambia aspetto qualche ora dopo e gli "attrezzi del mestiere" vivono nello studio una danza continua come fossero guidati unicamente da "un" pensiero.

Ma gli studi sono anche luoghi di grandi seduzioni, di incanto, di capovolgimenti dove l'artista avvolge lo spettatore racchiudendolo per un tempo relativo in un spazio insolito in cui la propria poetica diviene legge di un mondo fatto di pochi metri quadri, un mondo dove tutto è possibile e tutto si sovverte, ma anche dove lo spettatore può interagire con la propria consistenza dell'essere lasciando all'artista, al nuovo territorio conosciuto, una confusione in più come offerta, come intuizione su cui poter lavorare, trasformare, creare opera nuova.

Perché le intuizioni, e per Viola Di Massimo è vero dogma, non nascono mai dall'ordine, ma da un imponente e travolgente caos, da un intenso e movimentato cafàrnao.

Costi: Ingresso LIBERO
Informazioni: info@arteviola.com
Indirizzo: via Rodolfo Morandi,  3- Roma
Sito di riferimeto: www.arteviola.com
__________________________________________________________________________

PROSEGUONO...

"VAN GOGH SHADOW – DIPINTI ANIMATI"
a cura di LUCA AGNANI
GALLERIA COMMERICIALE di PORTA DI ROMA - Roma
dal 30 settembre al 29 ottobre, tutti i giorni dalle ore 11.00 alle ore 20.00

Immergiti nelle opere più famose di Vincent Van Gogh.
Un viaggio in 10 opere plasmate in 3D dall’artista Luca Agnani che, incuriosito dalla visione della realtà di Van Gogh, le reinterpreta utilizzando la tecnica del video mapping.
Galleria Commerciale Porta di Roma ha il piacere di ospitare Van Gogh Shadow, un’esposizione in cui pannelli led ad alta risoluzione sostituiscono le tele catapultandoti all’interno del mondo del genio olandese.
Da La casa gialla al celebre Autoritratto, passando per I girasoli, preparati a “vivere” questi capolavori in modo del tutto inedito.

Costo: Ingresso GRATUITO
Informazioni : Galleria Commerciale Porta di Roma - Tel: 06/87070275 – mobile: 366/6035796
Indirizzo: Via Alberto Lionello, 201 - Roma
Sito di riferimento: //
__________________________________________________________________________

"FREEDOM MANIFESTO"
Humanity on the move | Umanità in movimento
a cura di Fulvio Caldarelli, Armando Milani e Maurizio Rossi

Centrale Montemartini -  Roma
 dal 28 settembre al 31 dicembre 2017,  orario martedì-domenica 9.00-19.00  (24 e 31 dicembre 9.00-14.00)

Può un poster cambiare il mondo?
Comunicazione visiva e utopia del possibile

Il Centro di ricerca interdisciplinare sul paesaggio contemporaneo ha lanciato un appello ad artisti e visual designer di fama internazionale per raccogliere il loro  punto di vista su un fenomeno che è sotto gli occhi di tutti: la migrazione di uomini e donne in fuga dalla guerra, dalla miseria, dalla sopraffazione.
Interrogati sul diritto fondamentale alla Libertà, gli autori coinvolti hanno risposto con una riflessione in forma di poster, mezzo di comunicazione scelto per diffondere – tra parole e immagine – il loro messaggio. Il risultato è la grande mostra collettiva: “FREEDOM MANIFESTO. Humanity on the move / Umanità in movimento”) capace di risvegliare le coscienze e sollecitare nuove percezioni su tema di grande attualità: l’immigrazione.
Il manifesto, forma di comunicazione di massa esplosa nella seconda metà del XIX secolo, continua a rappresentare il medium più immediato per esporre messaggi davanti ai nostri occhi distratti. Nelle intenzioni dei curatori della mostra – Fulvio Caldarelli, Armando Milani e Maurizio Rossi – la volontà di “reclamare” e “pubblicizzare” punti di vista che sembrano non trovare più spazio nel paesaggio contemporaneo.
A impreziosire il curioso mini-catalogo della mostra, pubblicato nel classico formato dei manifesti per affissione (70 x 100 cm), il contributo critico del sociologo Alberto Abruzzese che scrive: “Il manifesto storico – con tutte le sue appendici tardo-moderne e post-moderne – è stato lo strumento di persuasione o dissuasione di soggetti sociali individuati nel loro ruolo politico e professionale. Ora dovrebbe aprirsi la fase di una comunicazione attenta alla vocazione delle persone, al senso rimosso della vita vissuta piuttosto che alla professione alla quale essa stessa ci costringe”.
Insieme ai poster realizzati per l’occasione da maestri del graphic design contemporaneo – come Félix Beltrán, Ginette Caron, Milton Glaser, Alain Le Quernec, Italo Lupi, Astrid Stavro, Heinz Waibl – l’esposizione ha il merito di presentare al pubblico italiano una nutrita rassegna di autori provenienti da tutto il mondo, tra i più interessanti della nuova generazione.

La mostra, con il patrocinio di RAI, AGI (Alliance Graphique Internationale) e AIAP (Associazione Italiana Design della Comunicazione Visiva), è parte del calendario di eventi che animano l’edizione romana 2017 di “AIAP Design per”.
Promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, la mostra si svolge anche sotto il significativo patrocinio della Comunità di Sant’Egidio, movimento laicale internazionale fondato a Roma nel 1968, da sempre impegnato nell’accoglienza e nell’integrazione di immigrati e rifugiati.
Servizi museali di Zètema Progetto Cultura.

Autori in mostra VALENTINA AGRIESTI/ STEFANO ASILI / RUEDI BAUR / ERIN BAZOS / FÉLIX BELTRÁN / MAURO BUBBICO / MARLENE BUCZEK / ANGELO BUONUMORI / FULVIO CALDARELLI / ELIO CARMI / GINETTE CARON / FANG CHEN / ALESSIO COSMA / ROBERTO DEL BALZO / FRANCESCO DONDINA / ERIKA GIUSTI / MILTON GLASER / PUYA HABIBZADEHKAVKANI / GIANNI LATINO / GLI IMPRESARI / ITALO LUPI / ALAIN LE QUERNEC / GIOVANNI LUSSU / ARMANDO MILANI / MAURIZIO MILANI / GERMAN MONTALVO / RICARDO SALAS MORENO / ANTONIO PACE / MARIO PIAZZA / ANTONIO ROMANO / MICHELE REGINALDI / MICHELE SANTELLA / FILIPPO SASSOLI / ASTRID STAVRO / STUDIO ORIGONI STEINER / PARISA TASHAKORI / PAOLO TASSINARI / LUIGI VERNIERI / MARIO FOIS (VERTIGO DESIGN) / HEINZ WAIBL / ZUP DESIGN

Realizzata da Centro interdisciplinare di ricerca sul paesaggio contemporaneo; Promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali; Con il patrocinio di AGI – Alliance Graphique Internationale, AIAP – Associazione Italiana Design della Comunicazione Visiva, Comunità di Sant’Egidio, RAI; Servizi museali Zètema Progetto Cultura ; Sponsor Sistema Musei in Comune;  Con il contributo tecnico di Ferrovie dello Stato Italiane; Media Partner Il Messaggero; Sponsor tecnici iGuzzini - Rubettino Print

Costo: Intero 7,50 € - Ridotto  6,50€ Per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza):  Intero 6,50 € - Ridotto 5,50 €
Informazioni: Tel. 060608 tutti i giorni ore 9.00-19.00 info.centralemontemartini@comune.roma.it
Indirizzo:  via ostiense 106 - Roma
Sito di riferimento: freedom-manifesto.it
__________________________________________________________________________

"SEGNALI DI FUMO"
Nove artisti in mostra – Cyprian Gaillard, Laurent Grasso, Paolo Icaro, Ann Veronica Janssens, Giovanni Ozzola, Claudio Parmiggiani, Reynold Reynolds, Gavin Turk e Pae White
a cura di Lorenzo Benedetti e Adrienne Drake

MACRO Testaccio, Padiglione 9A
dal 22 settembre al 1 ottobre 2017, orario: da martedì a domenica, ore 14.00-20.00 (la biglietteria chiude 30 minuti prima) - Chiuso il lunedì

Dal sarà ospitato al MACRO Testaccio il progetto espositivo “Segnali di Fumo”, a cura di Lorenzo Benedetti e Adrienne Drake, promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e dalla Fondazione Maccaferri, in collaborazione con la Fondazione Giuliani.

Nove artisti in mostra – Cyprian Gaillard, Laurent Grasso, Paolo Icaro, Ann Veronica Janssens, Giovanni Ozzola, Claudio Parmiggiani, Reynold Reynolds, Gavin Turk e Pae White – che propongono una selezione di oltre tredici opere di grandi dimensioni, fra cui installazioni site specific e ambientali, incentrate sul tema del fumo come stato alternativo di percezione della realtà.

Gli artisti hanno scelto di utilizzare il fumo come metodo di creazione, strumento attraverso cui leggere e osservare il mondo, elemento percettivo per offrire nuove prospettive artistiche, consentendo di cogliere diverse angolazioni da cui appunto percepire la luce, l’immagine, l’oggetto e il suono.
Così in alcuni casi il fumo è il paesaggio, in altri una modalità di percezione, in altri ancora un luogo di situazioni evocative.

Si inizia con Giovanni Ozzola, il più giovane artista della mostra, con l’opera “Studio-Nuvola” tramite cui crea un rapporto psicologico con i paesaggi e gli elementi della natura. A seguire, le storiche opere di Paolo Icaro in cui il fumo fa prima da sfondo a eleganti disegni che ricordano calligrafie orientali, divenendo, successivamente, azione attraverso leggerezza e dinamismo.
La mostra prosegue con Claudio Parmiggiani, artista che riserva al fumo un preciso spazio: attraverso l’azione di riempire i vuoti, l’artista genera una dialettica tra il presente e l’assente, creando uno stato evocativo del tempo.
Nell’area centrale del Padiglione si pone l’istallazione di Ann Veronica Janssens, che da oltre vent’anni sperimenta l’uso della luce in particolari condizioni in cui la percezione cambia. Nei lavori di Janssens si entra in uno stato sensoriale all’interno di un paesaggio in cui il vuoto acquista una sua fisicità.
Una lettura più “urbana” è invece data da Laurent Grasso che, attraverso l’uso del computer, ricrea una nuvola artificiale che attraversa indisturbata le vie di una città. Grasso usa spesso il concetto di moto, come l’altro artista francese in mostra, Cyprian Gaillard, che nella sua creazione, come in un’opera di Beckett, ci pone di fronte all’attesa di un treno, che però non arriverà. E Beckett è ancora presente in “Burn” di Reynold Reynolds, realizzato insieme a Patrick Jolley. Il breve film mostra la vita di una famiglia tra le fiamme di un fuoco perenne, che non sembra disturbare in alcun modo il quotidiano svolgimento delle vita casalinga. I protagonisti del video sembrano figure abbandonate e annoiate, ripetitivi nello svolgere le loro azioni, nonostante tutto attorno a loro stia bruciando.
Un grande inno alle volute eleganti del fumo è proposto da Pae White. Fissando nella sua ricerca il fragile equilibrio tra il fisico e l’effimero, l’artista trova un rapporto magistralmente costruito attraverso la tecnica dell’arazzo, creando suggestive immagini con una loro precisa fisicità.
Infine, nell’opera “Parapraxis” Gavin Turk usa il fumo per evocare delle situazioni immaginarie nello spazio: quasi come un fantasma, la colonna di fumo suggerisce possibili entità, volti e figure che appaiono e scompaiono nella dinamica forma generata dal fumo. Un modo per costruire un’infinita gamma di storie che l’artista riesce a bloccare e ritrarre.

Sponsor Sistema Musei in Comune - Con il Contributo Tecnico di Ferrovie dello Stato Italiane - Media Partner Il Messaggero - Servizi di Vigilanza Travis Group

Costo: biglietto Tariffa intera: non residenti 6 €, residenti 5 € - Tariffa ridotta: non residenti 5 €, residenti 4 € - biglietto cumulativo MACRO via Nizza + MACRO Testaccio Tariffa intera: non residenti 13.50 €, residenti 12.50 € Tariffa ridotta: non residenti 12.50 €, residenti 11.50 €
Indirizzo: piazza Orazio Giustiniani, 4 – Roma
Informazioni: 060608 
Sito di riferimento: www.museomacro.org
__________________________________________________________________________

"ENJOY L’ARTE INCONTRA IL DIVERTIMENTO"
a cura di Danilo Eccher

Chiostro del Bramante - Roma
 dal 23 settembre al 25 febbraio 2017 , orario dal lun. al ven. 10.00 – 20.00_ sab. e dom. 10.00 – 21.00/La biglietteria mostre chiude una ora prima.

Dopo il successo della originale mostra Love, l’Arte incontra l’amore, che ha registrato in sei mesi l’afflusso di 150mila spettatori, soprattutto giovani, il Chiostro del Bramante continua il suo innovativo percorso programmatico proponendo ancora una volta una esposizione unica per la singolarità delle opere, che pone sotto la lente di ingrandimento le diverse possibilità percettive ad esse connesse. Una esperienza che lo spettatore può fare attraverso i linguaggi e le poetiche di alcuni tra i più importanti e provocatori protagonisti dell’arte contemporanea. Talvolta infrangere le regole non significa trasgredire, ma ampliarne i confini. Una regola che il Chiostro del Bramante persegue da tempo nelle sue linee programmatiche, proponendo mostre fuori dagli schemi delle convenzioni espositive, dove l’originalità del percorso sta alla base del progetto ideativo.

Diventato Museo di riferimento in ambito nazionale ed internazionale anche dell’arte contemporanea, il Chiostro parte da questi presupposti per la mostra che proporrà. Si chiama Enjoy e ha per sottotitolo l’Arte incontra il divertimento: locuzione emblematica che vuole indicare non solo una diversa modalità di vivere l’arte, ma soprattutto dare “spazio e spazialità” alle opere di artisti di acclarata fama. Infatti molti lavori sono site specific, pensati e costruiti dagli artisti ospiti proprio per gli ambienti del Chiostro del Bramante la cui organizzazione – che fa capo a DART – aggiunge alla creatività dell’esposizione un notevole sforzo produttivo proponendo opere inedite. Tra i grandi nomi allineati troviamo Tinguely, Calder, Fogliati, Erlich, Creed, Neto, Collishaw, Ourlser, Wurm, TeamLab, Hans op De Beeck, De Dominicis, Gander, i protagonisti del ‘900 storico e del terzo millennio, accomunati da un filo sotteso, il divertimento, assunto nell’accezione etimologica della parola: portare altrove. L’altrove, l’altro da sé, il perdersi nei meandri dell’arte e dell’inconscio è ciò che accomuna il gesto di tutti gli artisti presenti in Enjoy, le cui opere guideranno il visitatore in un percorso invisibile ma fortemente tracciato, che prenderanno vita in un incessante rapporto interattivo e giocoso, dove le diverse percezioni del “fuori da sé” avranno un ruolo fondamentale. “La dimensione del piacere, del gioco, del divertimento, dell’eccesso – afferma Danilo Eccher, curatore della mostra – sono sempre state componenti centrali dell’Arte; l’Arte sprofonda nel dolore ma si nutre di piaceri ed è sempre una danza di contrasti. L’illusione è una trasparenza che deforma la realtà, un’apparenza sottile dove tutto è possibile, suggerendo ora il dubbio dell’enigma, ora il sorriso della sorpresa”. Ecco allora che in Enjoy, dalle sculture leggere di Alexander Calder, lo spettatore può perdersi nel labirinto infinito di specchi di Leandro Erlich per poi immergersi e riemergere dalle installazioni ludico-concettuali di Martin Creed o nei raffinati giochi di luci illusorie di TeamLab che prendono forma e mutano solo a contatto con il pubblico, o essere inseguiti dagli occhi indiscreti e inquietanti di Tony Oursler e trovarsi a contatto con i corpi deformati di Erwin Wurm e così via, di artista in artista, di sala in sala: il Chiostro del Bramante diventerà luogo elettivo di una realtà tutta da scoprire, che esiste in ogni istallazione (alcune di grandissime dimensioni), a una realtà che, tuttavia, può anche non esserci. D’altra parte è proprio Paul Klee che ci dice: “L’arte non riproduce ciò che è visibile, ma rende visibile ciò che non sempre lo è”.

Costo: Biglietto intero € 13,00 (audio guida inclusa) - biglietto ridotto € 11,00 (audio guida inclusa) per specifiche riduzioni, visita il sito.
Informazioni: hastag ufficiale #enjoychiostro - +39 06 68809035 (Lunedì – Venerdì 10.00 / 17.00) numero attivo dal 4 settembre sino a fine mostra. - La Caffetteria Bistrot, il Bookshop e il Chiostro hanno ingresso libero indipendentemente dalle mostre.
Indirizzo: Via Arco della Pace 5 - Roma
Sito di riferimento: www.chiostrodelbramante.it
__________________________________________________________________________

"Guerre Stellari – Play. La mostra sulla saga che ha sedotto tre generazioni" 
a cura Fabrizio Modina

Porto Antico di Genova, Magazzini del Cotone - Modulo1 - Genova
sino al 15 ottobre 2017, vari orari

PROROGATA SINO AL 15 OTTOBRE 2017

Dopo il grande successo ottenuto al Complesso del Vittoriano - Ala Brasini di Roma, arriva ai Magazzini del Cotone del Porto Antico di Genova - in una versione più ricca e interattiva - la mostra dedicata all’affascinante universo di Guerre Stellari – Play, un mito assoluto che ha incantato tre generazioni dal 1977 a oggi.
Oltre 1000 pezzi tra modellini, action figures e stampe d’epoca - alcune esposte per la prima volta in Italia - raccontano ai visitatori le scene e i personaggi più indimenticabili di un mondo che ancora oggi seduce e appassiona a livello globale.
A distanza di 40 anni dalla prima uscita nelle sale del primo film della saga (anniversario che sarà celebrato a maggio 2017), si conferma l’importanza mediatica di un fenomeno divenuto parte integrante della cultura popolare mondiale, della quale questa mostra rappresenta una delle molteplici sfaccettature, unica esposizione al mondo a narrare le pellicole attraverso il merchandising.

Guerre Stellari – Play. La mostra sulla saga che ha sedotto tre generazioni si focalizza sull’aspetto ludico della leggendaria narrazione, utilizzando una selezione attinta dall’infinita produzione - partita nel 1977 - di merchandising a marchio Kenner (ora Hasbro) e che , curatore della mostra e uno dei massimi collezionisti mondiali di toys fantascientifici, mette a disposizione del grande pubblico.
Ai più classici toys sono affiancati rarissimi pezzi vintage da collezione quali costumi, accessori, caschi e armi che, in scala reale, ricostruiscono con accurata presenza scenica quell’universo di valori e stereotipi che sono andati oltre il cinema per divenire icone universali.

Con il patrocinio del Comune di Genova e da un’idea di Kornice, è prodotta e organizzata dal Gruppo Arthemisia ed è curata da Fabrizio Modina.
L’evento vede come sponsor Generali Italia e media partner Il SecoloXIX e Radio Babboleo.

Costo: Speciale PROMOZIONE 5 € audioguida inclusa - Dal Lun al  Ven (festivi - sabato e domenica esclusi)
Indirizzo:  Calata Molo Vecchio, 15 - Genova
Sito di riferimento: www.centrocongressigenova.it
__________________________________________________________________________

STORE

THE MOORS & VIOLA VALENTINO
“ASPETTAMI QUESTA NOTTE”
IL NUOVO SINGOLO DEL DUO POP-DANCE

DAL 1 OTTOBRE SU iTunes

Un brano pop (scritto da Mirko Oliva e Costantino Parlato e arrangiato da Luis Navarro), dalle influenze tropicali, dancehall e R'n'B si avvale della collaborazione artistica della grande icona musicale degli anni ’80.

"Aspettami questa notte" parla di un rapporto d'amore, nascosto e sottaciuto, che con il calare del sole e l'arrivo della notte può finalmente uscire allo scoperto. Metaforicamente racconta il liberarsi, la disinibizione, il riuscire a vivere la vita in maniera piena e profonda. È un pezzo inizialmente introdotto da una chitarra e un sinth bell che diventa presto ritmato e cantabile, nonché ballabile.
Viola Valentino esprime tutta la sua vocalità, abbandona il caratteristico timbro sussurrato che l'ha resa celebre in "Comprami", a favore invece del suo naturale timbro da contralto. I The Moors confermano la loro duttilità' vocale.

Il videoclip richiama atmosfere anni ’80 omaggiando la bellezza femminile rappresentata da due antipodi: la splendida ballerina Maria Rosaria Salzillo (già protagonista dei videoclip di Emma Marrone e Giusy Ferreri) e la femminilità più rotonda dell’attrice Emanuela Aurizi (“Le ali della vita”, “La mandragata”, “Il professor cenerentolo”, “Distretto di polizia”, il film di prossima uscita per il cinema dedicato ad Andrea Bocelli “The silence of music”).

Costo:  Disponibile su iTunes 1,29 € 
Guarda il videoclip ufficiale su YouTube: www.youtube.com/watch?v=GGZjCtBA6Gk
Etichetta: M.B.Music International
__________________________________________________________________________

Kirosegnaliamo esce all’inizio di ogni settimana, chi volesse darci comunicazione di eventi con rilievo artistico-culturale può scriverci a kirolandia@gmail.com oppure info@kirolandia.com,  entro la domenica precedente all'evento, specificando chiaramente la richiesta di segnalazione, provvederemo previa specifica selezione all'inserimento.